Cesmi - Italia - Centro Studi Medicina Integrata - Palermo - Lucca
Home | Terapeuti e Consulenti | Tecniche Complementari | Dove Siamo | Attività | Corsi | Link | Contatti
Archivio attività svolte 2013-14

Anno 2014

 

CONVEGNO EFFICACIA DELL''AGOPUNTURA IN MEDICINA INTERNA E SPECIALISTICA 14 FEB 2014
Descrizione breve Il convegno ha lo scopo di presentare il prossimo Master di Agopuntura che sarà bandito a breve sul sito dell'Università di Palermo
Testo
Il Convegno è rganizzato da
Dipartimento Biomedico di Medicina Interna e Specialistica DI.BI.MI.S
Università degli Studi di Palermo

Coordinatori del Master II° Livello A.A. 2013-14
Agopuntura, Pratiche fisiche e Psicocorporee della Medicina Tradizionale Cinese

Prof.ssa MR Bongiorno
Prof. Mario Barbagallo

con il patrocinio di
W.M.A.A.(World Medical Association of Acupuncture)
Club Unesco Erice
Ordine dei medici di Palermo
Centro studi di medicina integrata (CeSMI) Palermo
La Mandragora Palermo
Palermo 14 febbraio ore 9-14
Aula D c/o Aule Nuove - Via Parlavecchio 1

Il Convegno ha lo scopo di divulgare le molteplici applicazioni cliniche dell’Agopuntura e delle pratiche fisiche e psicocorporee della Medicina Tradizionale Cinese, motivazione che ha permesso all’UNESCO nel 2010 di iscrivere l’Agopuntura e Moxibustione patrimonio intangibile dell’Umanità.
Durante il Convegno verrà presentato il Master di II° Livello anno 2013-14 “Agopuntura, Pratiche fisiche e Psicocorporee della Medicina Tradizionale Cinese” che avrà inizio ad aprile 2014.
Il Master è rivolto a laureati e laureandi in Medicina e Chirurgia ed Odontoiatria.
Interverranno al Convegno
Prof. Dr. H. Truong Tan Trung Presidente A.M.O. (Association pour la Médicine Orientale Parigi)
Prof. Salvatore Amato Presidente Ordine dei Medici Chirirghi ed Odontoiatri di Palermo
Relatori del Convegno
Prof. Mario Barbagallo, Prof. Maria Rita Bongiorno, Dott. Vincenzo Garaffa, Dott.ssa Gabriella Pravatà, Dott.ssa Anna Maria Grifo, Dott.ssa Rosalia Geloso, Dott. Vito Marino, Dott. Michele Cernigliaro

Per info ed iscrizioni tel 091 – 6554022 - 655.2885 -3396749999- 3334583651- 3288389594 -3496942994

___________________________________________

Grano Timilia in soggetti intolleranti al grano”
Descrizione breve E' iniziato uno studio pilota in collaborazione con Legambiente e con il Dipartimento di Chimica Organica dell’Università di Palermo, il Consiglio Nazionale dei Chimici, il Gruppo Locorotondo Laboratori ad Alta Specializzazione Labs S.r.l Palermo, il Pastificio Minardo di Modica ed i Laboratori AINUC Roma.
Testo
Anno 2013

Il Centro studi di medicina integrata (CeSMI) in collaborazione con Legambiente e con il Dipartimento di Chimica Organica dell’Università di Palermo, il Consiglio Nazionale dei Chimici, il Gruppo Locorotondo Laboratori ad Alta Specializzazione Labs S.r.l Palermo, il Pastificio Minardo di Modica ed i Laboratori AINUC Roma, hanno iniziato una ricerca sull’uso di pasta dell’antica varietà di grano siciliano “Timilia” in pazienti che manifestano intolleranza alimentare a pasta e pane di grano di uso comune.

Il presupposto del progetto si basa sul presupposto e su studi in corso che la quantità differente di proteine presenti ad es nella pasta di grano di uso comune possa, possa essere responsabile dei sintomi sempre più in aumento nella popolazione legata a sintomi riferibile alla Sindrome del Colon Irritabile (SCI). Gli studi chimici sulle componenti organolettiche insieme a quelli condotti dal Dipartimento di Agricoltura di Legambiente, confortano a seguire la strada intrapresa, per fornire una prima verifica di conferma della teorizzazione chimica ed agronomica, e per dare una prima risposta a chi soffre di tale sindrome.
Il Progetto è articolato in varie fasi. Nello studio preliminare che è stato presentato il 31 ottobre 2013 all’Ordine dei medici di Palermo, che patrocina la ricerca, si da sostanzialmente seguito all' idea del CeSMI di procedere ad una verifica di natura medica. Al fine di verificare le ipotesi avanzate si utilizzerà una pasta prodotta da un pastificio siciliano caratterizzata dal metodo di macinazione del grano secondo tradizione , pasta selezionata da Legambiente e rispondente ai requisiti derivanti dalla teorizzazione della parte chimica.
Lo studio preliminare del progetto del tutto gratuito avrà la durata di 30 gg con inizio il 5 novembre e si concluderà il 7 dicembre. I pazienti reclutati sono volontari della fascia di età tra 18 e 65 anni, con i sintomi principali dell’intolleranza alimentare. I pazienti consumeranno esclusivamente la pasta realizzata con il grano antico siciliano varietà Timilia.
E’ necessario sottolineare che tale iniziativa è stata possibile grazie alla generosità dei soggetti che hanno prestato la propria opera, alla loro volontà di mettersi insieme , impegnando risorse materiali ed immateriali che se remunerate sarebbero quantificate in oltre 40.000 Euro.

OBIETTIVI DELLO STUDIO PRELIMINARE
1) verificare in soggetti con SCI,- che empiricamente associano la comparsa dei sintomi maggiori all’assunzione di pasta e pane di frumento in commercio sul territorio nazionale-, se l’assunzione di Grano duro antico siciliano (GDAS) sotto forma di prodotti tradizionali (pasta) migliora e/o determina la scomparsa dei sintomi legati all’assunzione di frumento;
2) diffondere la cultura che il GDAS ha proprie caratteristiche merceologiche che rendono il prodotto di sua derivazione più digeribile di altri grani in commercio;
3) sviluppare la produzione di GDAS in ambito nazionale in ispecie se verrà raggiunto l’obiettivo 1 al fine di migliorare l’economia siciliana nell’ambito produzione grano.

Gabriella Pravatà
medico presidente Centro studi di medicina integrata (CeSMI
---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 

CORSO DI FORMAZIONE su ALIMENTAZIONE Crediti ECM 24-25 maggio
Descrizione breve E' possibile accedere ai singoli seminari del corso che il CeSMI propone per medici, psicologi, biologi nutrizionisti, farmacisti, medici veterinari, educatori dal 22 marzo
Testo
8° ed. Giornate della Salute

ALIMENTAZIONE E CICLO DELLA VITA
Patrocini

Ordine dei medici di Palermo

Ordine dei farmacisti di Palermo

Co.Ri.Bi.A.

Associazione Italiana Donne Medico

Associazione Donne Dermatologhe Italia

Palermo 22 marzo - 8 giugno 2013

Aula Ordine dei Medici
Via Rosario da Partanna 22

Il Centro studi di medicina integrata (CeSMI) propone di formare e trasmettere agli operatori sanitari e delle relazioni di aiuto le numerose possibilità offerte da un'alimentazione sana, variata e completa, differenziata in base alle singole esigenze relative all’età evolutiva di ciascun individuo, dal concepimento alla senescenza.
Il corso si svilupperà attraverso l’approccio multidisciplinare che si avvale di docenti universitari di riconosciuta competenza ed esperti professionisti nell’ambito dietologico e bio-agroalimentare, specialisti in diverse discipline nell’ambito della medicina (modello biomedico e CAM Complementary and alternative medicine, veterinaria), della biologia, ecologia. psicologia, antropologia. L’acquisizione di nuove conoscenze nel settore alimentazione naturale, al seno, nutraceutica, gli stili di vita permetteranno l’ampliamento del bagaglio professionale degli utenti, allo scopo di utilizzare quanto appreso a beneficio dei pazienti e della collettività.
Lo stato dell’arte della filiera produttiva, delle tecnologie alimentari, i fattori di rischio legati alla produzione ed all’uso di sostanze nocive da inquinamento atmosferico, le valide alternative (dal biologico al biodinamico) e la tracciabilità dei prodotti insieme all’educazione alimentare, completerà l’analisi per affidare le diverse criticità alle possibili soluzioni volte alla salute e sicurezza dei consumatori.

Destinatari del corso:

Tutte le professioni sanitarie che usufruiscono dei crediti ECM
• Medici
• Psicologi
• Biologi
• Farmacisti
• Veterinari etc.
• Educatori

Durata del corso
Il corso si svolgerà secondo il programma seguente : venerdì dalle ore 9,00 alle ore 18,00 con pausa pranzo; sabato dalle ore 9,00 alle ore 13,30, per una durata complessiva di 50 ore.

Programma

Primo incontro

Venerdì 22 marzo
• Welcome- coffee
• 9,00: Presentazione del corso- Saluti delle Autorità
• 10,30: Tavola rotonda “Alimentazione e ciclo della vita: dal concepimento alla senescenza nelle diverse tradizioni mediche”.
P.Di Fiore, G.Pravatà, G.Geloso, R. Ruberto
• Lunch
• 15,00: Mirabili alimenti. Terapeutica e magia nella tradizione popolare siciliana. A. Romano
• 17,00: Ecologia della salute. S.Riggio
• 18,00 Discussione

Sabato 23 marzo
Sessione: Principi alimentari
• 9,00: Principi di una corretta alimentazione. P.Di Fiore
• 10,00: Macro e micro nutrienti - Composizione di una sana razione alimentare. G.Russo
• Coffee break
• 11,30: Le diete dimagranti: come orientarsi ? F.Castello
• 13,00 Discussione


Secondo incontro

Venerdì 12 aprile
Sessione: Educazione e Sicurezza alimentare
• 9,00: Qualità e sicurezza degli alimenti. F.Oliveri
• 10,00: Rischio zoonosi e aspetti emergenti. G.R.Loria
• Coffee break
• 11.30: Biotecnologie in agricoltura e alimentazione amica. F.Vitale
• 13,00 Discussione
• Lunch
• 15,00: Conoscenza delle risorse del territorio, rispetto dell’ambiente ed educazione alimentare G.Dugo
• 16,30: Tracciabilità e rintracciabilità degli alimenti nella filiera produttiva. G.R.Loria
• 18,00 Discussione

Sabato 13 aprile
Sessione: Alimentazione in gestazione
• 9,00: Cibo e gravidanza: contrasto stridente o binomio perfetto?. L.Raineri
• 10,00: Mangiare per due? F.Castello
• Coffee break
• 12,00: Analisi antropologica delle regole alimentari dal concepimento al puerperio E.Caravello
• 13,00 Discussione


Terzo incontro

Venerdì 10 maggio
Sessione: Alimentazione dalla nascita ….in poi
• 9,00: Il latte materno è un alimento? Vecchie superstizioni e nuovi miti nell’era del rischio ambientale globale G.Giordano
• 10,00: Alimentazione nell’infanzia e nell’adolescenza. Dal liquido al solido: si va a tavola! M. Di Matteo
• Coffee break
• 12,00: Obesità, alimentazione, epigenetica: nuovo paradigma. M. Di Matteo

• 13,00 Discussione
• Lunch
Sessione: La prevenzione comincia a scuola
• 15,00: Educazione alimentare e stili di vita: prevenzione scolastica. P.Di Fiore
• 15,30: Alimentazione e sport: uso, abuso e misuso di integratori. F. Castello
• 17,00: La ristorazione scolastica:
- la garanzia della qualità nutrizionale. C. Mammina
- la salubrità nei pasti – cook and chill. A. Migliazzo
• 18,30 Discussione

Sabato 11 maggio
Sessione: Alimentazione e psiche
• 9,00: Disturbi del comportamento alimentare. I parte. Martinez
• Coffee break
• 11,30:Disturbi del comportamento alimentare. II parte. Martinez
• 13,00 Discussione

Quarto incontro

Venerdì 24 maggio
Sessione: Alimentazione nella pratica clinica - I parte
• 9,00: Alimentazione e nutraceutica: intolleranze e allergie alimentari S. Aloisi
• Coffee break
• 11,30: Alimentazione e nutraceutica: la sindrome metabolica. F. Castello
• 13,00 Discussione
• Lunch
• 15,00: Alimentazione e patologie cardiovascolari. S.Novo
• 16,30: Alimentazione e patologie osteoarticolari. A.Matina
• 18,00 Discussione

Sabato 25 maggio
Sessione: Alimentazione nella pratica clinica - II parte
• 9,00: Alimentazione, nutraceutica e patologie tumorali. N.Gebbia
• 10,00: Alimentazione e disturbi digestivi. E.Fiorentino
• Coffee break
• 11,30: Alimentazione e nutraceutica nelle patologie dermatologiche. Biomedicina e medicina tradizionale cinese. M.R.Bongiorno, G.Pravatà
• 13,00 Discussione


Quinto incontro

Venerdì 7 giugno
Sessione: Alimentazione in senescenza, counseling alimentare e stili di vita
• 9,00: Alimentazione ed invecchiamento in salute L. Rodriguez
• Coffee break
• 11,00: Alimentazione e nutraceutica come antiaging L. Rodriguez
• 12,00: Il ruolo del Farmacista nel counseling di una corretta alimentazione G.Marchione
• 13.00 Discussione
• Lunch
• 15,00: La prevenzione della malnutrizione ospedaliera L. Crosta
• 17,00: La continuità assistenziale ospedale-territorio L. Calcara
• 18,00 Discussione

Sabato 8 giugno
• 9,00 Tavola Rotonda “Alimentazione, salute e stili di vita” S.Aloisi, F.Castello, L.Crosta, P.Di Fiore, N.Gebbia, , G.Giordano, G.R.Loria, G.Marchione, Martinez, A.Matina, G.Pravatà, L.Rodriguez, A.Traina.
• Coffee break
• Test di valutazione finale

Relatori

Aloisi Stanislao nefrologo, nutrizionista, Palermo

Bongiorno Maria Rita direttore Scuola di specializzazione e UO di Dermatologia, Dipartimento Universitario di Medicina Clinica e Patologie Emergenti, Università di Palermo

Calcara Laura dirigente medico di Geriatria, responsabile UOS Coordinamento assistenza pazienti critici speciali, nutrizione artificiale e telemedicina, ASP 6 Palermo

Castello Francesca medico dello sport ASP 6 Palermo, omeopata, fitoterapeuta, esperta in dietologia, Palermo

Caravello Emanuela etnoantropologa, esperta in storia delle tradizioni popolari

Crosta Lucia biologa specialista in Scienza dell’alimentazione, responsabile Ambulatorio Nutrizione Applicata, Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico, Palermo

Di Fiore Pietro medico specialista in Scienza dell’alimentazione e Medicina dello Sport,responsabile ambulatorio Medicina dello Sport e Scienza dell’alimentazione, Distretto Sanitario di Cefalù ASP 6, Palermo

Di Matteo Mirella pediatra ACP, Palermo

Dominguez Ligia ricercatore universitario Dipartimento Universitario di Medicina Clinica e Patologie Emergenti, Università degli Studi di Palermo

Dugo Giacomo direttore del Dipartimento di Scienze dell'Ambiente, della Sicurezza, del Territorio, degli Alimenti e della Salute (S.A.S.T.A.S.), Università di Messina

Fiorentino Eugenio prof. ordinario di Chirurgia Generale dell’Università di Palermo

Gebbia Nicola già professore ordinario di Oncologia medica, Università di Palermo

Geloso Gabriella medico odontoiatra, medicina ayurvedica, Palermo

Giordano Giuseppe pediatra UO Neonatologia Osp. Cervello, Palermo

Loria Guido Ruggero dirigente veterinario II livello, responsabile Area di Diagnostica Specialistica, Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia, Palermo

Mammina Caterina professore associato di Igiene generale ed applicata presso la Facoltà di Scienze motorie e Coordinatore del Dottorato di ricerca in “Alimentazione e Nutrizione umana” dell'Università degli Studi di Palermo

Martinez Odette psicologa, Centro Terapia Integrata per la cura del disagio psichico e dei disturbi alimentari Onlus, Palermo

Matina Antonietta dirigente medico specialista in Ortopedia e Traumatologia, Responsabile Ambulatorio delle Malattie Metaboliche dell’Osso e Densitometria- Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico, Palermo

Migliazzo Aldo dirigente veterinario, responsabile Servizio di Certificazioni di prodotto e consulenza alimentare,Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia, Palermo

Novo Salvatore prof. ordinario di Malattie dell’Apparato Cardiovascolare dell’Università di Palermo

Oliveri Francesca biologa, responsabile Area Chimica e Biotecnologie,
Consorzio di ricerca regionale Coribia, Palermo

Pravatà Gabriella dermatologa, master Agopuntura e MTC, presidente Centro studi di medicina integrata, Palermo

Raineri Luciano ginecologo, dirigente medico Arnas P.O. Civico, agopuntore e omotossicologo, Palermo.

Riggio Silvano prof. ordinario di Ecologia Facoltà di MMFFNN, Università di Palemo

Romano Alessandro etnoantropologo,esperto in antropologia dell'alimentazione

Ruberto Rosaria medico antroposofo (Gruppo medici antroposofi Sicilia), Palermo

Russo Giuseppe biologo specialista in Scienza dell’alimentazione, dirigente di Ricerca-Area Ricerca & Sviluppo Tecnico-Gestionale, Divisione Qualità e Sicurezza Alimentare. Consorzio di ricerca regionale “Gian Pietro Ballatore”, Enna

Traina Adele biologa responsabile del progetto Diana 5 per Palermo

Vitale Fabrizio dirigente veterinario II livello, Area di Biologia Molecolare, Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia, Palermo

Coordinamento scientifico e didattico:

F. Castello – G. Pravatà – E. Caravello

ECM Evento n° 55251 – Cod. Provider 1214 - Crediti ECM n° 50 per tutte le professioni sanitarie medici, biologi, farmacisti, psicologi, veterinari, etc

Iscrizioni in oridne di arrivo (100 persone). L'iscrizione, comprensiva di ECM, coffee break, lunch ed iscrizione CESMI è di euro 320,00 entro il 20 Febbraio e di euro 350,00 dopo tale data. L'iscrizione ai singoli seminari che non prevedono i crediti ECM è di euro 70. L'importo può essere versato anche in due rate all’iscrizione ed al 1° incontro, inviando copia bonifico a info@cesmipalermo.com

 

Per gli Educatori, l'iscrizione comprensiva di coffee break, lunch ed iscrizione CESMI, è di euro 250,00

CENTRO STUDI DI MEDICINA INTEGRATA
Monte dei Paschi di Siena- AG. 11 Palermo
Iban: IT59V0103004611000000039356
Segreteria organizzativa CeSMI:
Sede di Palermo via M.Stabile 261
tel. 091-091 9820468 - 3396749999 - 3280410534
www.cesmipalermo.com e-mail: info@cesmipalermo.com
Sede di Lucca: Via Romana 228 - Arancio
Tel 0583 490440 – 3409068664 - 3358376605
--------------------------------------------------------------------------------

"Un tè con Te” ciclo di conferenze a Palermo
Da Domenica 7 ottobre ogni prima domenica del mese ore 17

“Un tè con Te”
ciclo di conferenze sorseggiando un tè e parlare con esperti di

Medicina di Genere - Ambiente e Salute - Complementary and alternative medicine - Discipline Bionaturali - Psicologia - Artiterapie - Filosofia - Cultura - Arte

13 gennaio Silvano Riggio Rapporti evoluzionistici fra piante e animali: deriva da ciò l’azione terapeutica delle piante?
3 febbraio Maria Rita Bongiorno, Gabriella Pravatà Dermatologia nella donna adolescente ed in menopausa: interventi terapeutici classici e dalla Medicina Tradizionale Cinese
3 marzo Marina Petruzzella Un modello di sana città: gli strumenti della Costituzione per attuarla
7 aprile Salvatore Lentini Omeopatia e patologie acute
5 maggio Eugenio Cottone Risorse energetiche alternative in Sicilia
2 giugno Giuseppina Marchione Caronna La ricca scelta dei cibi nelle stagioni

------------------------------------------------------------------------------

Anno 2012


7 ottobre Gabriella Pravatà, Marisa Glorioso Disagi psichici affrontati con la medicina tradizionale cinese e le discipline bionaturali (Shiatsu, Metodo Feldenkrais)

4 novembre Augusto Cavadi Si può curare con la filosofia? In che senso no e in che senso sì"

2 dicembre Mario Barbagallo Anziano e qualità della vita

15 dicembre Vanni Quadrio, Claudia Bongiorno L’Arte e l’arte: nutrimenti dell’anima

Anno 2013


20 gennaio Silvano Riggio Rapporti evoluzionistici fra piante e animali: deriva da ciò l’azione terapeutica delle piante?

3 febbraio Maria Rita Bongiorno, Gabriella Pravatà Dermatologia nella donna adolescente ed in menopausa: interventi terapeutici classici e dalla Medicina Tradizionale Cinese

3 marzo Marina Petruzzella Un modello di sana città: gli strumenti della Costituzione per attuarla


7 aprile Francesca Castello* Fitoterapia una medicina naturale da maneggiare con cura

5 maggio Eugenio Cottone Risorse energetiche alternative in Sicilia

2 giugno Giuseppina Marchione Caronna La ricca scelta dei cibi nelle stagioni

*medico omeopata e fitoterapeuta

Claudia Bongiorno psicoterapeuta e arteterapeuta, didatta e supervisore IIPSE, Art Therapy
Maria Rita Bongiorno Direttrice Scuola di Specializzazione in Dermatologia e UO di Dermatologia
Università di Palermo
Stefania Bongiorno psichiatra e psicoterapeuta analisi transazionale
Augusto Cavadi consulente filosofo Phronesis
Gabriella Pravatà dermatologa, master in agopuntura e MTC
Vanni Quadrio psicologo e arteterapeuta
Giuseppina Marchione Caronna farmacista, erborista, naturopata
Marisa Glorioso operatrice shiatsu, insegnante Metodo Feldenkrais ®

Ingresso gratuito

Le conferenze sono riservate a Soci

Per associarsi inviare la richiesta di adesione con le motivazioni. Quota associativa euro 40,00 anno (valida un anno dall'iscrizione)

Priorità 1

APERITIVI A TEMA A LUCCA 28 GENNAIO 2013
Descrizione breve Il Centro studi di medicina integrata (CeSMI) incontra il pubblico presso l'Antica Dogheria a Lucca su..
Testo
ANNO 2013

STRESS AMORE MIO!

Chiacchierate con il pubblico durante un aperitivo...


11 gen Quando il corpo parla”troppo” con Gabriella Pravatà dermatologa, agopuntrice, esperta di Qi Gong; Giusi Gabbrielli e Alessia Del Dotto operatrici Tuina

17 gen …. e la mente si affolla di pensieri con Giulia Favilla psicoterapeuta, esperta in ipnosi

23 gen Amore mio..che stress ! con Ines Nutini psicoterapeuta, floriterapeuta

29 gen Il tempo dell’ascolto con Annalisa Londi e Enrica Querci psicoterapeute, arteterapeute. Il tema dell'incontro verrà modificato con "L'integrazione terapeutica" che propone il CeSMI e "L'ascolto in psicoterapia"


Incontri culturali a cura del Centro studi di medicina integrata (CeSMI)

Il CeSMI a Lucca è da settembre 2012 in Via Romana 28 Arancio (Lucca)


0583 490440 - 3358376605 3409068664

infolucca@cesmipalermo.com


 

-------------------------------------------------------

CORSI A Lucca

DA MERCOLEDI 15 NOVEMBRE ORE 20,30 - 22,30

VISUALIZZAZIONE GUIDATA (incontro di rilassamento e visualizzazione guidata con condivisione dell'esperienza di gruppo)

conduce Ines Nutini psicoterapeuta, floriterapeuta

 

DA LUNEDI 19 NOVEMBRE ORE 19,30 - 21, 30

IPNOSI DI GRUPP
O (incontro affiancato da un momento di rielaborazione e condivisione dell'esperienza)

conduce Giulia Favilla psicoterapeuta, esperta in tecniche ipnotiche
 

"Un tè con Te”

ore 17
ciclo di conferenze sorseggiando un tè e parlare con esperti di Medicina di Genere - Ambiente e Salute - Complementary and alternative medicine - Discipline Bionaturali - Psicologia - Artiterapie - Filosofia - Cultura - Arte

4 novembre con Augusto Cavadi filosofo Phronesis "Si può curare con la filosofia? In che senso no e in che senso sì"
 
 

Cineforum Rivedersi in un film….
ore 21 - 23





5 novembre con Valeria Medici tecnico restauratore ed esperta di cinema e Nicolò Cappello video operatore esperto di cinema d’autore, regista amatoriale di cortometraggi storici
 

Eternal sunshine on the spotless mind di M. Gondry
 



Gli incontri sono rivolti ai Soci. Contributo serata cocktail euro 5
 

 

 Inizia il corso di Qi Gong dal 29 ottobre a Palemo 
Prende avvio il corso di riequilibrio psicofisico nella sede di Palermo...
 

 

LUNEDI 29 OTTOBRE ORE 19,30 - 20,30 QI GONG conduce Gabriella Pravatà dermatologa, master universitario di Agopuntura e MTC

 

Qi Gong e' un sistema millenario di prevenzione e di riequilibrio psicofisico, in uso nella Medicina Tradizionale Cinese (MTC).
E’ anche una pratica terapeutica della Medicina Tradizionale Cinese che armonizza la struttura corporea attraverso esercizi specifici che permettono il libero fluire dell’energia vitale.
Qi è respiro, soffio, energia vitale, Gong è esercizio, padronanza di sé. La pratica del Qi Gong si avvale di tre gruppi di tecniche: le posture e i movimenti, le tecniche di respirazione, le tecniche di concentrazione, rilassamento e visualizzazione.

Il Corso è riservato ai Soci

Per info TEL 091 9820468 - 3396749999 - 333850057

Incontri di Filosofia in pratica Palermo 11 novembre 

Esperineza dimostrativa di Filosofia in pratica al CesMi di Palermo

Domenica 11 nov ore 17.30- 19
Incontro dimostrativo di Filosofia in pratica

con Augusto Cavadi consulente filosofo "Phronesis"

 

Accoglienza partecipanti ore 17-17-30. Ingresso libero

Tema dell'incontro "Interpretazione della morte"
"
I partecipanti sono chiamati a discutere sul tema argomentando la propria opinione nel rispetto dell'opinione altrui sperimementando il filosofo che c'è in sè, il non giudizio e l'ascolto costruttivo.

 

Gli incontri successivi, previsti ogni seconda domenica del mese dalle ore 17,30 alle 19 si avvieranno al raggiungimento del numero previsto di partecipanti soci del CeSMI.

Contributo euro 8,00

Quota associativa euro 40 (valida 1 anno dal momento dell'iscrizione)

 


Open days al CeSMI di Palermo

LUNEDI 22 OTTOBRE ORE 19,30 - 20,30 QI GONG conduce Gabriella Pravatà dermatologa, master universitario di Agopuntura e MTC

Qi Gong e' un sistema millenario di prevenzione e di riequilibrio psicofisico, in uso nella Medicina Tradizionale Cinese (MTC).
E’ anche una pratica terapeutica della Medicina Tradizionale Cinese che armonizza la struttura corporea attraverso esercizi specifici che permettono il libero fluire dell’energia vitale.
Qi è respiro, soffio, energia vitale, Gong è esercizio, padronanza di sé. La pratica del Qi Gong si avvale di tre gruppi di tecniche: le posture e i movimenti, le tecniche di respirazione, le tecniche di concentrazione, rilassamento e visualizzazione.

MERCOLEDI 24 OTTOBRE ORE 19 - 20,30 ARTETERAPIA FIGURATIVA conduce Vanni Quadrio, psicoterapeuta arteterapeuta, coordinatore regionale di Art Therapy Italia, artista

L’Arte Terapia ha inizio negli anni ’40 e ’50, in Inghilterra e negli Stati Uniti come modalità terapeutica per curare i disagi psicologici dei reduci di guerra e dei pazienti ricoverati in ospedali psichiatrici. Praticata da artisti sensibili al potenziale comunicativo dell'arte o da psicologi e psichiatri interessati al linguaggio pittorico, si e’ presto sviluppata come disciplina autonoma, ampliando il suo campo di applicazione alla prevenzione e alla riabilitazione della maggior parte dei disturbi psicologici e sociali (dal sito di Art Therapy Italia)

 

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA INGRESSO LIBERO

TEL 091 9820468 - 3396749999 - 333850057

 

 
 

 

 

Porte Aperte AL CESMI DI LUCCA 

Testo Il CeSMI apre un'altra sede a Lucca ! Convegno inaugurale il 26 settembre 
Il CeSMI in occasione dell'apertura della sede di Lucca inaugura con il convegno "Prendersi cura di sè" patrocinato dalla Provincia di Lucca
L'evento fa parte del ciclo "Giornate della Salute" che è alla sua settima edizione.
"Integrazione nel percorso di salute" 15 settembre
Descrizione breve E' un workshop che presenta il ciclo di seminari che si svolgeranno dal 29 settembre al 3 novembre 2012
Testo
Inaugurazione nuova sede CeSMI Palermo
Descrizione breve Cari amici e sostenitori del CeSMI ho il piacere di comunicare che inauguriamo la nuova sede....
i.

 

IPNOSI DI GRUPPO (incontro affiancato da un momento di rielaborazione e condivisione dell'esperienza)

conduce Giulia Favilla psicoterapeuta, esperta in tecniche ipnotiche

 

MARTEDI 9 OTTOBRE ORE 21 - 22

AUTOMASSAGGIO TUINA (esperienza di tecniche di automassaggio con la pratica di digitopressione della Medicina Tradizionale Cinese)

conduce Alessia Del Dotto operatrice Tuina

 

MERCOLEDI 17 OTTOBRE 20,30 - 22,30

VISUALIZZAZIONE GUIDATA (incontro di rilassamento e visualizzazione guidata con condivisione dell'esperienza di gruppo)

conduce Ines Nutini psicoterapeuta, floriterapeuta

 

GIOVEDI 18 OTTOBRE ORE 19,30 - 20,30

QI GONG (attività psicocorporea della Medicina Tradizionale Cinese per il riequilibrio psicofisico)

conduce Gabriella Pravatà dermatologa, master in agopuntura e medicina tradizionale cinese

 

Si richiede la prenotazione per motivi organizzativi

CeSMI sede di Lucca - Via Romana 228-55100 Arancio (LU)
tel 0583 490440 - 3358376605 - 3291340909 -
339-6749999 - 3409068664

 


Prendersi cura i sè

7° Edizione Giornate della Salute CeSMI 2012

Dibattiti e Workshops

San Micheletto

Via S. Micheletto 3, Lucca

26 settembre ore 17 - 24

Ore 17 Iscrizione workshops
Ore 17,30 Saluti dall’Assessore alle Politiche Sociali Federica Maineri della Provincia di Lucca
Ore 18 Presentazione del Centro studi di medicina integrata (CeSMI) Sede di Lucca
Prendersi cura di sé. Il beneficio di un riequilibrio psicofisico Approcci con la medicina non convenzionale, psicologia dinamica, tecniche di riequilibrio energetico

Dibattiti
Sala Convegni
Ore 18.30
Integrazione nel percorso di salutepsicofsico - Medicina Non Convenzionale, tecniche complementari
Inscindibilità unità biopsicosomatica - Approccio psicologico e arte terapeutico
Prevenzione e pratiche per il benessere con le Discipline Bionaturali - Tuina, Qi Gong
Ore 19,30
Degustazione prodotti enogastronomici

Workshops
Spazio esterno
Ore 20 Qi Gong
Ore 21 Arteterapia
Ore 22 Danzaterapia


Sala Affreschi
Ore 20 Tuina
Ore 21 Esperienze di Visualizzazione “...scoprire un sogno”
Ore 22 In gruppo con l'ipnosi
Ore 24 Conclusione
 

Prenotazione obbligatoria
tel 0583 396053 - 3358376605 3291340909 - 339-67499

Il CeSMI ringrazia per la collaborazione all'evento la Provincia di Lucca, Antica Drogheria, Caseificio Magie di Latte, Del Cima Fioraio

Centro studi di medicina integrata (CeSMI)
Via Romana 228 - 55100 Arancio (LU) tel 0583 396053 - 3358376605 3291340909 - 339-67499


Priorità 18
 

“ INTEGRAZIONE NEL PERCORSO DI SALUTE ”

E’ un percorso di 4 seminari conoscitivi degli interventi terapeutici e di promozione alla salute psicofisica in cui psicoterapia (analisi transazionale, arte terapia), consulenza filosofica, medicina tradizionale in occidente ed oriente si incontrano per “integrare” i propri modelli, al fine di beneficiare il paziente nella sua complessità di essere umano, inscindibile unità biopsicosomatica.

Sabato 15 settembre ore 17-19
Workshop di presentazione teorico-pratico de “ Integrazione nel percorso disalute ” 4 seminari conoscitivi degli interventi terapeutici e di promozione alla salute psicofisica: psicoterapia transazionale e dinamica con le artiterapie, CAM (Complementary and alternative medicine), biomedicina, consulenza filosofica. con i conduttori del ciclo dei seminari.

Costo del workshop € 20,00

Da Sabato 29 settembre ore 17-21
Inizio del percorso “Integrazione nel percorso di salute”
I 4 seminari si svolgeranno nella sede del CeSMI dalle ore 17 alle 21 dei seguenti giorni:
29 settembre – 13 ottobre – 27 ottobre – 3 novembre

Costo di 1 seminario € 40,00
Costo di 4 seminari € 130,00
Per info ed iscrizioni: tel 091-9820468 – 3292518735 - 3396749999
 

Programma dei seminari
29 settembre
ore 17-19 “Non solo parole” esempi di approccio terapeutico con Arteterapia, conduce Claudia Bongiorno psicoterapeuta arteterapeuta
ore 19-21 Gestione dello stress con la medicina tradizionale cinese: Agopuntura e Qi Gong, conduce Gabriella Pravatà medico agopuntrice
13 ottobre
ore 17-19 Psicosomatica clinica di genere, conduce Maria Rita Bongiorno dermatologa direttrice Scuola di Specializzazione e UO di Dermatologia Univerità di Palermo
ore 19-21 Intervento terapeutico con l’Analisi transazionale in psicosomatica, conduce Stefania Bongiorno psicoterapeuta
27 ottobre
ore 17-21 Differenza tra disagio esistenziale e psicopatologia: approccio artistico, filosofico, arte terapeutico, conducono Vanni Quadrio artista psicoterapeuta arteterapeuta, Augusto Cavadi filosofo
3 novembre
ore 17-18 Training autogeno, conduce Claudia Bongiorno
ore 18-21 Condivisione dei partecipanti al ciclo dei seminari con i conduttori


 

 

Cari amici e sostenitori del CeSMI ho il piacere di comunicare che inauguriamo la nuova sede operativa di via Mariano Stabile 261 in Palermo.

19 maggio ore 17-19

dibattito

"Prevenzione dei tumori cutanei"

a cura della Prof.ssa Maria Rita Bongiorno Prof Ordinario, Direttore della UOC di Dermatologia e MTS, Direttore Scuola di Specializzazione in Dermatologia e Venereologia dell'Università degli Studi di Palermo, Vicepresidente CeSMI

 

Presentazione del programma attività maggio/dicembre 2012

Cocktail e nuove iscrizioni Soci Ordinari

 

In attesa di incontrarci Vi auguro Buona Vita!

Gabriella Pravatà


ANNO 2012 

---------------------------------------------------------------- 

ANO 20111

6° ed. Giornate della Salute
Convegno


Inserire nel teso 2011
Testo CONVEGNO CESMI e CLINICA DERMATOLOGICA E CLINICA GERIATRICA UNIVERSITA' DI PALERMO
In programmazione per il 5 novembre c.a. la 6° ed Giornate della Salute e III° Convegno Nazionale sulle medicine nopn convenzinali in specialità biomediche..."Prendersi cura di sè" intende promuovere il benessere psicofisico attraverso l’applicazione di diversi modelli teorico-pratici della psicologia, medicina e discipline bionaturali (DBN) complementari o alternative al modello tradizionale in occidente per:
- migliorare la qualità della vita, la capacità di comunicazione e la relazione interpersonale, per favorire il miglioramento della qualità della propria vita;
- stimolare la comprensione verso se stessi e degli uni verso gli altri, incoraggiando il partecipante ad esprimere e canalizzare le proprie emozioni, ad attuare una comunicazione efficace priva degli elementi che la disturbano;
- conoscere il linguaggio del corpo, la costituzione psicofisica dell’essere umano e le sue capacità di trasformazione, al fine di mantenere la propria identità e migliorare la qualità della relazione con gli altri.

Psiche e Dermatosi
approccio multidisciplinare

Palermo 5 novembre 2011

Aula Ordine dei Medici
Via Rosario da Partanna 22

PROGRAMMA

Sabato 5 nov

9.00 Saluti Amato Salvatore, Maria Rita Bongiono, Gabriella Pravatà

Dermatosi e Psicosomatica, Maria Rita Bongiorno

Quando la pelle racconta il trauma: interventi psicoterapici, Angela Seminara

Approccio multidisciplinare al paziente anziano con dermatosi e disagio psichico Ligia Dominguez

L’ammalato di dermatosi e la psicosomatica in ospedale Salvatore Amato

Approccio psicoterapeutico al paziente dermatologico Rosalia Billeci, Antonino Enia

Le MnC in dermatologia nella cura centrata sulla persona Gabriella Pravatà


12,30 Discussione

13.00 pausa pranzo

14.30
Il pensiero cinese nella cura della persona e presentazione di casi clinici con agopuntura Vincenzo Garaffa, Anna Maria Grifo,

Casi clinici dermatologici affrontati con la medicina omeopatica e, Gaetano Arcovito

Energie perverse interne “7 sentimenti” in medicina tradizionale cinese causa o aggravamento di dermatosi Gabriella Pravatà

Fitoterapici in dermatologia e controindicazioni con i farmaci di sintesi, Giuseppina Marchione Caronna

Comunicazioni libere

18.30 Discussione

19.00 ECM Tests verifica apprendimento

 

Relatori
Salvatore Amato, Presidente Ordine dei Medici Palermo, Direttore UO Dermatologia Arnas Civico Palermo,


Maria Rita Bongiorno Prof Ordinario, Direttore della UOC di Dermatologia e MTS, Direttore Scuola di Specializzazione in Dermatologia e Venereologia dell'Università degli Studi di Palermo.

Angela Seminara Trainers del California Institute of Integrative Family Therapy, Body Psychotherapy (International Institute of Body-Oriented Psycotherapy), Sueprvisore E.M.D.R. (Centro di Ricerche e Studi in Psicotraumatologia), Dirigente Psicologo-Psicoterapeuta presso ASP 6 Palermo.


Ligia Dominguez, Ricercatore Confermato UO di Geriatria Università di Palermo
Psicologa Policlinico Palermo


Rosalia Billeci Medico Psicoterapeuta Psicodrammaterapeuta, Vicepresidente CeSMI, Palermo


Antonino Enia Neuropsichiatra Psicoterapeuta,Psicodrammaterapeuta CeSMI, Palermo


Gabriella Pravatà Dermatologa, Master II livello universitario in Agopuntura e MTC, Presidente CeSMI, rappresentante regionale del Comitato Permanente di Consenso delle MnC in Italia, Palermo


Vincenzo Garaffa Docente Agopuntura Università di Roma La Sapienza, Vicepres. Ass. mondiale agopuntori, Trapani; coautori della relazione : Anna Maria Grifo Medico Agopuntrice, Docente Agopuntura Docente Agopuntura alla Sapienza


Gaetano Arcovito Psichiatra, Omeopata, FIAMO, Messina


Giuseppina Marchione Caronna, farmacista, erborista, naturopata, CeSMI,Palermo.

Crediti ECM medici, psicologi, farmacisti (totale 80)
Iscrizione al convegno euro 40,00 entro il 15 ottobre, euro 50,00 dopo il 15 ottobre, inviando copia bonifico a info@cesmipalermo.com
CENTRO STUDI DI MEDICINA INTEGRATA
Monte dei Paschi di Siena- AG. 11 Palermo
Iban: IT59V0103004611000000039356

Le Iscrizioni saranno effettuate in ordine di arrivo.

L'arte della decodifica del sogno. 22/25 settembre 2011 
Workshop residenziale presso l'Agriturismo Valle Benuara, Via Benuara - Contrada Fulgatore, Trapani

Workshop di 3 giorni sull'arte del sognare, riservato ad un numero massimo di 15 partecipanti, pensato da Lucia Lorenzi, psicoterapeuta attiva da anni in Italia nell'ambito della ricerca sul sogno.

Attraverso i metodi dell'analisi interattiva e dell'arte-terapia, la Dott.ssa Lorenzi condurrà i Sognatori sulla via d'una lettura creativa degli elementi onirici, mai disgiunta dal proprio contesto di vita ed emotivo.

Il seminario prenderà avvio dalla condivisione di un breve contributo - pensieri poetici, brani tratti da opere letterarie, immagini o altre fonti d'ispirazione - che ogni partecipante proporrà al gruppo al momento della propria presentazione, sul tema: "il sogno è..."

Per informazioni e prenotazioni:
3294306771 338 1621899

- Costo per persona: 360 euro, con trattamento di pensione completa
- Sistemazione: camere doppie, triple o quadruple in agriturismo zona trapani (vallabenuara, vultaggio o rindenella)

- Per l'iscrizione fare un bonifico a Centro studi di medicina integrata,
Monte dei Paschi di Siena- AG. 11 Palermo Iban:
IT59V0103004611000000039356, inviando la ricevuta corredata dei dati personali a info@cesmipalermo.com

Termine ultimo per le iscrizioni: 31 luglio 2011

PROGRAMMA:

giovedì 22 settembre
- 17.00 - 19:00: arrivo in agriturismo, sistemazione nelle camere assegnate e presentazione del gruppo
- 20.00 - 21.00: cena
- 21.30 - 23.00: condivisione dei contributi individuali sul tema "il sogno è..."

venerdì 23 settembre
- 08.00 - 09.00: colazione
- 09.30 - 12.30: discussione degli studi inerenti l'attività onirica, le tecniche di preparazione al sonno per un approccio consapevole al sogno e al suo recupero al risveglio, prime conduzioni delle interviste sui sogni a cura della Dott.ssa Lorenzi: ogni partecipante proporrà al gruppo un sogno recente (ancora meglio se vissuto nei giorni del seminario), alle interviste segue un lavoro di sintesi ed ordinamento degli elementi raccolti e quindi la restituzione del tema completo al sognatore (l'intero lavoro sul sogno di ciascun partecipante è molto approfondito, può quindi richiedere più ore)
- 12.30 - 13.30: pranzo
- 13.30 - 14.30: tempo libero
- 15.00 - 19.00: approfondimento sul metodo dell'intervista al sognatore, si prosegue con l'analisi dei sogni dei partecipanti, il gruppo sperimenta le prime partecipazioni all'intervista ed alla ricostruzione del tema
- 19.00 - 20.00: tempo libero
- 20.00 - 21.00: cena
- 21.00 - 23.00: tempo utile al completamento dell'analisi dei sogni dei partecipanti ed alla condivisione di osservazioni ed elementi che contribuiranno ad ispirare i sogni del gruppo

sabato 24 settembre
- 08.00 - 09.00: colazione
- 09.30 - 12.30: l'indagine degli elementi onirici, loro valore simbolico (numerologia, analisi dei colori e spaziale, riferimenti agli archetipi, ai miti, alla cabala) e contestualizzazione nel reale psichico, le interviste sui sogni proseguiranno ora a cura del gruppo, secondo il metodo studiato, sotto la supervisione della Dott.ssa Lorenzi
- 12.30 - 13.30: pranzo
- 13.30 - 14.30: tempo libero
- 15.00 - 19.00: si prosegue con l'analisi dei sogni dei partecipanti, il gruppo affina la tecnica dell'intervista e comincia ad arricchire la ricostruzione del tema di eventuali elementi raccolti dai testi specialistici che verranno condivisi
- 19.00 - 20.00: tempo libero
- 20.00 - 21.00: cena
- 21.00 - 23.00: tempo utile al completamento dell'analisi dei sogni dei partecipanti ed alla condivisione di osservazioni ed elementi che contribuiranno ad ispirare i sogni del gruppo

domenica 25 settembre
- 08.00 - 09.00: colazione
- 09.30 - 12.30: si prosegue con l'analisi dei sogni dei partecipanti, la ricostruzione del tema verrà ora affidata a chi del gruppo si sentirà in grado di riconsegnare al sognatore il lavoro svolto
- 12.30 - 13.30: pranzo
- 13.30 - 17.00: tempo utile al completamento dell'analisi dei sogni dei partecipanti ed alla condivisione della ricca bibliografia sul sogno, fine dei lavori e saluti




2-3 luglio e 8-9 agosto "Prendersi Cura di Se'" Castelbuono (PA) Weeks end a Castelbuono con le attività esperienziali che promuove il CESMI....

PROGRAMMA

2 luglio e 8 agosto 2011 ore 19.00

Saluto del Sindaco di Castelbuono Mario Cicero

Presentazione “Prendersi cura di sé”
Gabriella Pravatà, Rosalia Billeci

19.30-20.30 Qi Gong e lo sviluppo dell’energia vitale (atrio) Gabriella Pravatà

19.30-20.30 Metodo Feldenkrais® “Consapevolezza Attraverso il Movimento®” Marisa Glorioso (sala A)

20.30-21.00 Check up energetico secondo la Medicina Tradizionale Cinese Gabriella Pravatà (atrio)

Break
Degustazione prodotti locali

21.30-23.30 Incontro di Sociopsicodramma sul Mito di Amore e Psiche. Rosalia Billeci (atrio)


22.15-23.30 Shiatsu: risveglio vitale Marisa Glorioso (sala B)
***

3 luglio e 9 agosto 2011
Ore 19.00

19.30-20.30 Qi Gong e lo sviluppo dell’energia vitale Gabriella Pravatà (atrio)

19.30-20.30 Metodo Feldenkrais“Consapevolezza Attraverso il Movimento®” Marisa Glorioso (sala A)

20.30-21.00 Check up energetico secondo la Medicina Tradizionale Cinese Gabriella Pravatà (atrio)

Break
Degustazione prodotti locali


21.30 23.30 Danzaterapia e l’espressione creativa
Marika Di Trapani (atrio)

22.15-23.30 Shiatsu: risveglio vitale Marisa Glorioso
(sala B)

 


Nel rispetto di uno svolgimento armonioso
preghiamo gentilmente di essere puntuali


INGRESSO LIBERO

Pelle e fattori stressanti (ambiente, alimenti, emozioni) lunedì 27/28 giugno 2011, ore 18.00 - 20.00
 Trattamento convenzionale ed alternativo alle usuali terapie, rivolto a coloro che sono desiderosi di conoscere l’origine della malattia e le diverse possibilità terapeutiche . Ingresso libero. Prenotazione obbligatoria 091-5082645 – 3345775993- 3391335642 info@cesmipalermo.com

Palermo, 27 e 28 giugno 2011
PROGRAMMA
27 giugno ore 18,00-19,30
In dibattito aperto con il pubblico, i relatori discuteranno su:
-La Pelle ed i fattori (ambiente, alimenti, emozioni) che ne determinano il precoce l’invecchiamento
- Quali sono le terapie convenzionali con benefici ed effetti collaterali
-Quali sono le terapie alternative mediche e le discipline bionaturali che intervengono nella gestione dei fattori stressanti: benefici ed effetti collaterali
-Le esperienze dei pazienti
-Discussione aperta con domande del pubblico.

28 giugno ore 18,30-20,00
Attivita´e dimostrazioni pratiche di trattamenti alternativi o complementari nella gestione dei fattori stressanti

a) Come un medico di Medicina cinese si approccia al paziente per la diagnosi energetica e la scelta del piano terapeutico
b) Esperienza di Shiatsu
c) Esperienza di Osteosimbiosi
d) Esperienza di Qi Gong
e) Esperienza di Sociodramma e Musicoterapia
f) Alimentazione antiradicali liberi

RELATORI E CONDUTTORI ATTIVITA’ PRATICHE
Maria Rita Bongiorno, Prof Ordinario, Direttore della UOC di Dermatologia e MTS, Direttore Scuola di Specializzazione in Dermatologia e Venereologia dell'Università degli Studi di Palermo.
Pravatà Gabriella, Dermatologa, Master universitario in agopuntura e MTC, Presidente CeSMI
Rosalia Billeci, Psicoterapeuta, Psicodrammaterapeuta, Vicepresidente CeSMI
Governale Loredana, Terapista shiatsu CeSMI Palermo
Rasura Rosalba, Terapista shiatsu CeSMI Palermo
Trimarchi Fabio Heilpraktiker, tecniche di riequilibrio posturale con osteosimbiosi e metodo Dorn
Viviana Cutaia, Psicologa, Psicoterapeuta in formazione, Musicoterapeuta
Giuseppina Caronna, farmacista, naturopata, erborista

16 giu 2011 CINEMA E SURREALISMO
Ultimo incontro/dibattito delle rassegna con il fillm " The song remains the same" -Led Zeppelin,1976 GB 
Il ciclo a cura del dott Fabio Rapisarda e della drssa Rosalia Billeci,
avrà durata fino a giugno e ha cadenza bimensile, II° e IV° giovedì del mese. Per info tel 091/ 5082645 o visitare il sito www.cesmipalermo.com

PROGRAMMA GENNAIO/GIUGNO 2011


13 gen L’age d’or e Un chien andalou di L. Bunuel 1929 FRA

27 gen Erasehead di D. Lynch- 1978 USA

10 feb Il pasto nudo di D. Cronenberg- 1992 USA

24 feb Spell di A. Cavallone- 1977 ITA

10 mar Paura e delirio a Las Vegas di Terry Gilliam- 1998 USA

24 mar Yuppy du di A. Celentano- 1974 ITA


28 apr Nostra signora dei turchi di C. Bene- 1968 ITA

12 apr La città delle donne di F. Fellini- 1980 ITA

26 mag L’invenzione di Morel di E. Greco- 1974 ITA

16 giu The song remains the same- 1976 GB

Ingresso su prenotazione 3 euro per i soci e 4.50 per tutti gli altri.
 

Per maggiori informazioni telefonare 091/5082645; 3381621899, o scrivere ad info@cesmipalermo.com,

o visitare la pag centro studi medicina integrata su fb.

16 giu 2011 CINEMA E SURREALISMO 
Ultimo incontro/dibattito delle rassegna con il fillm " The song remains the same" -Led Zeppelin,1976 GB
Il ciclo a cura del dott Fabio Rapisarda e della drssa Rosalia Billeci,
avrà durata fino a giugno e ha cadenza bimensile, II° e IV° giovedì del mese. Per info tel 091/ 5082645 o visitare il sito www.cesmipalermo.com

PROGRAMMA GENNAIO/GIUGNO 2011


13 gen L’age d’or e Un chien andalou di L. Bunuel 1929 FRA

27 gen Erasehead di D. Lynch- 1978 USA

10 feb Il pasto nudo di D. Cronenberg- 1992 USA

24 feb Spell di A. Cavallone- 1977 ITA

10 mar Paura e delirio a Las Vegas di Terry Gilliam- 1998 USA

24 mar Yuppy du di A. Celentano- 1974 ITA


28 apr Nostra signora dei turchi di C. Bene- 1968 ITA

12 apr La città delle donne di F. Fellini- 1980 ITA

26 mag L’invenzione di Morel di E. Greco- 1974 ITA

16 giu The song remains the same- 1976 GB

Ingresso su prenotazione 3 euro per i soci e 4.50 per tutti gli altri.
 

Per maggiori informazioni telefonare 091/5082645; 3381621899, o scrivere ad info@cesmipalermo.com,

o visitare la pag centro studi medicina integrata su fb.


 

Giov 28/05/11 h' 21 CINEMA E SURREALISMO  INCONTRO/DIBATTITO SUL Film "Nostra signora dei turchi" di C. Bene- 1968 ITA

Il ciclo a cura del dott Fabio Rapisarda e della drssa Rosalia Billeci,
avrà durata fino a giugno e ha cadenza bimensile, II° e IV° giovedì del mese. Per info tel 091/ 5082645 o visitare il sito www.cesmipalermo.com

PROGRAMMA GENNAIO/GIUGNO 2011


13 gen L’age d’or e Un chien andalou di L. Bunuel 1929 FRA

27 gen Erasehead di D. Lynch- 1978 USA

10 feb Il pasto nudo di D. Cronenberg- 1992 USA

24 feb Spell di A. Cavallone- 1977 ITA

10 mar Paura e delirio a Las Vegas di Terry Gilliam- 1998 USA

24 mar Yuppy du di A. Celentano- 1974 ITA


28 apr Nostra signora dei turchi di C. Bene- 1968 ITA

12 apr La città delle donne di F. Fellini- 1980 ITA

26 mag L’invenzione di Morel di E. Greco- 1974 ITA

16 giu The song remains the same- 1976 GB

Fantasie di una tredicenne di J. Jires- 1969 CEC

Ingresso su prenotazione 3 euro per i soci e 4.50 per tutti gli altri.
 

Per maggiori informazioni telefonare 091/5082645; 3381621899, o scrivere ad info@cesmipalermo.com,

o visitare la pag centro studi medicina integrata su fb.


 

13 e 14 aprile Giornate dedicata all'Artrosi: terapie convenzionali ed alternative
Nelle due Giornate in cui il CeSMI informa il pubblico su....
 

 

Il CeSMI informa su
"Artrosi cervicale: trattamento convenzionale ed alternativo alle usuali terapie"
L'incontro è rivolto a coloro che sono desiderosi di conoscere l’origine della malattia e le diverse possibilità terapeutiche

 


Palermo, 13 e 14 aprile 2011

PROGRAMMA
13 aprile ore 18,00-19,30
In dibattito aperto con il pubblico i relatori discuteranno su:
-Apparato osteoarticolare e muscolare del tratto cervicale
-Cosa è l'artrosi cervicale
-Quali sono le cause
-Quali sono le cure convenzionali con benefici ed effetti collaterali
-Quali sono le terapie alternative mediche e le discipline bionaturali che intervengono nell'artrosi cervicale: benefici ed effetti collaterali
-Le esperienze dei pazienti
-Discussione aperta con domande del pubblico.

14 aprile ore 18,30-20,30
Attivita´e dimostrazioni pratiche di trattamenti alternativi o complementari nell’artrosi cervicale

a) Come un medico di Medicina cinese si approccia al paziente per la diagnosi energetica e la scelta del piano terapeutico
b) Esperienza di Shiatsu
c) Esperienza di Consapevolezza attraverso il Movimento® con il Metodo Feldenkrais®
d) Esperienza di Osteosimbiosi e Metodo Dorn

RELATORI E CONDUTTORI ATTIVITA’ PRATICHE
Barbagallo Mario, direttore UO Geriatria Università di Palermo
Pravatà Gabriella, dermatologa, master universitario in agopuntura e MTC, presidente CeSMI Governale Loredana, terapista shiatsu CeSMI Palermo
Rasura Rosalba, terapista shiatsu
Glorioso Marisa. st.practioner in training Metodo Feldenkrais®
Trimarchi Fabio heilpraktiker, tecniche di riequilibrio posturale con osteosimbiosi e metodo Dorn

 

La partecipazione alle giornate è gratuita. La prenotazione è obbligatoria per motivi organizzativi


09/04/11 h' 20.30 Performance di Teatro di sociopsicodramma: il Mito di Narciso

I miti parlano della e alla nostra mente archetipica, l’inconscio collettivo, che ha una parte fondamentale nella nostra psiche. Gran parte del nostro sentire dipende da questa immensa eredità che ci portiamo dentro, che ha... bisogno di esprimersi e manifestarsi nel mondo, attraverso il quale diamo voce all’indicibile, all’incomprensibile. Sono stati e saranno affrontati diversi miti: Asclepio (Dio della medicina), le sirene, Prometeo, Amore e psiche, Demetra e PersefoneIn pratica la serata si svolge nel seguente modo: narrazione del mito a cura di Rosalia Billeci (voce recitante), alla fine della performance, sull’onda delle risonanze emotive suscitate dal mito, gli spettatori in piccoli gruppi, trasformandosi così da spettatori in attori, creeranno delle scene spontanee, su cui si può continuare a lavorare in seguito qualora fosse richiesto.
Mensilmente il centro organizza un incontro dedicato all’esplorazione di un mito. La serata di aprile sarà dedicata al mito Narciso
 

 

Ingresso 5 euro. E' richiesta prenotazione
Per info e prenotazioni tel a 091/5082645; 3381621899
o scrivere a info@cesmipalermo.com, o visitare il sito e la pag fb centro studi medicina integrata.

1-2-3 aprile 2011 

 Simposio di Sociopsicodramma "Narciso e la Stanza senza specchi: l'adolescenza tra solitudine e giochi
di ruolo"

Il CeSMI, insieme ad AFIPreS, Anima Mundi e con il patrocinio
dell'assessorato alla famiglia, dell'Università di Palermo "Sezione di
Psichiatria del Dipartimento di
Biomedicina sperimentale e Neuroscienze cliniche dell'Università di
Palermo" e del Comune di
Carini, organizza presso il Castello di Carini (PA), nelle giornate dal 1
al 3 Aprile 2011 ( inizio h'15 di ven. e conclusione h'13 di dom.), il
Simposio di Psicosociodramma e Metodi Attivi:

Saranno presenti, oltre a personalità autorevoli nel campo della salute
mentale come il prof. Daniele La Barbera, psichiatra e psicoterapeuta,
ordinario di Psichiatria dell'Università di Palermo, psicodrammatisti di
fama internazionale come la Dr.ssa Monica Zuretti, medico psichiatra e
psicodrammatista allieva del Dr. J. L. Moreno, creatore dell Psicodramma,
e della moglie Zerka Moreno; il Dr. Luis De Nicolàs Martìnez, psicologo
clinico e psicodrammatista, del Centro Zerka T. Moreno di Vitoria, Spagna
cattedratico specializzato nella gestione psicologica delle crisi e delle
emergenze sociali; e la Dr.ssa Laura Consolati, psicologa e
psicodrammatista, esperta nell’ambito della prevenzione primaria
nell'intervento psicoterapeutico con bambini e adolescenti.

Il Simposio è rivolto a tutti gli operatori del settore (medici,
psicologi, pedagogisti, sociologi, operatori sociosanitari, insegnanti,
ecc.) e a tutti coloro che sono interessati all'argomento, ed ha come
obiettivo la ricerca e lo scambio di esperienze sul fenomeno delle
addizioni e delle dipendenze tecnologiche (in particolare sul fenomeno
degli Hikikomori, adolescenti in reclusione volontaria, che vivono in
completo ed estremo isolamento sociale), e del suicidio giovanile.

Sono stati richiesti crediti ECM

Costo della partecipazione al Simposio per chi si iscrive entro il 20 marzo:
€ 30 per tutti coloro che fanno richiesta di crediti ECM,
€ 15 per tutti gli altri.

Dpo questa data rispettivamente 40.00 e 25.00 euro

Per l'iscrizione fare un bonifico a Centro studi di medicina integrata
-Monte dei Paschi di Siena- AG. 11 Palermo Iban:
IT59V0103004611000000039356, inviando la ricevuta corredata dei dati personali a info@cesmipalermo.com

Per tutti i fuori sede e per chi volesse passare il wek end nei pressi del
luogo dell'evento, abbiamo stipulato una convenzione con l'Hotel
Azzolini veramente conveniente ( 100.00 euro escluso bevande).

Per info tel 091/8674755, 091/8674755 o scrivere info@azzolinihotels.it,
facendo riferimento al simposio.

Sono aperte le iscrizioni.
Per informazioni :
visitare il sito www.cesmipalermo.com:
visitare la pag fb cercando centro studi medicina integrata;
scrivere a info@cesmipalermo.com;
tel al CeSMI 091/5082645 nelle ore di segreteria Lun/giov 16.30/18.30;

o tel alla Dr.ssa Rosalia Billeci – 338/1621899 o al Dott. Salvatore Pace 335/8186649


PROGRAMMA


VENERDI’ 1 APRILE
 

h’ 15.00-15.00 Apertura dei lavori, registrazione e iscrizione ai piccoli gruppi
h’ 15.30-17.00 PANEL:
R. BILLECI “ Narciso e la stanza senza specchi”,
L.CONSOLATI/W.ROMAGNOLI“ Il narciso: Un fiore delicatissimo nato da una goccia
di sangue- La relazione di cura con gruppi di adolescenti”
L. NUCCIO “ Io mi rispecchio: il lavoro con gli adolescenti con rischio suicidario”
h’ 17.00-17.15 PAUSA
h’ 17.15-19.00 LARGE GROUP
R.BILLECI – Performance di Teatro di Sociopsicodramma sul tema “ Narciso nella stanza
senza specchi” ( Gisa Messina chitarra e voce – Rosalia Billeci voce recitante)


SABATO 2 APRILE


h’ 08.30-10.00 LABORATORI
V.COSTA – Laboratorio di YogaMovimento “ Passi creativi e passaggi verso le risorse”
V. CUTAIA – Laboratorio di Musicoterapia “ L’importanza del rispecchiamento emotivo in
Musicoterapia”
h’ 10.00-11.30 LABORATORI
E.VIETRI – Laboratorio di ArteTerapia “ I con-fini in ArteTerapia”
C. STRACQUADAINI – Laboratorio di Sociodramma Pedagogico “ Se io fossi…
luci ed ombre tra fantasia e realtà”
h’ 11.30-11.45 PAUSA
h’ 11.45-13.30 LABORATORI
M. ZURETTI/L.DE NICOLAS – Laboratorio di Sociopsicodramma
L. CONSOLATI/W. ROMAGNOLI – Laboratorio di Psicodramma “ Labirinto degli specchi:
ri-conoscersi attraverso l’incontro empatico nel Teatro di Psicodramma”
h’ 13.30-15.00 PAUSA PRANZO
h’ 15.00- 16.30 LABORATORI
A.ENIA – Laboratorio di Gioco-socio-condotto per il riequilibrio energetico
S.PACE – Laboratorio di Sociopsicodramma e Moltiplicazione Drammatica
“Per speculum in aenigmate”
h’ 16.30-18.30 LABORATORI
M.ZURETTI/L. DE NICOLAS – Laboratorio di Sociopsicodramma
L. CONSOLATI/W. ROMAGNOLI – Laboratori di psicodramma “ Labirinto degli specchi:
ri-conoscersi attraverso l’incontro empatico nel Teatro di Psicodramma”


DOMENICA 3 APRILE


h’ 08.30- 10.00 PANEL
G. REINA “ Rapporto tra medico di famiglia e adolescenti al loro primo incontro”
G. PRAVATA’ “ Agopuntura nel disagio adolescenziale”
A. ENIA, L. PIZZUTO “ Lo psicodramma come metodo elettivo nel processo
d’individuazione dell’adolescente”
h’ 10.00- 11.30 PANEL
L. DE NICOLAS “Narciso nella stanza senza specchi ed Alice nella casa degli specchi:
turbamento nella violenza giovanile”
M. ZURETTI “ L’approccio Sociodrammatico al disagio adolescenziale”
D. LA BARBERA “ Adolescenti e nuove tecnologie della comunicazione:
l’educazione al buon uso dei mondi virtuali”
h’11.30-11.45 PAUSA
h’ 11.45-13.30 LARGE GROUP (M.ZURETTI)

19/03/11 h' 21 INCONTRO DI TEATRO DI SOCIOPSICODRAMMA
" IL MITO DI PROMETEO: potere e limiti dell'uomo".
L'incontro si svolgerà nel modo seguente : narrazione del mito a cura di Rosalia Billeci (voce recitante) e Samul Gyamfi ( percussioni); alla fine della performance, sull’onda delle risonanze emotive suscitate dal mito, gli spettatori in piccoli gruppi trasformandosi in attori creeranno delle scene spontanee. E' possibile continuare il lavoro qualora fosse richiesto. 
Mensilmente il centro organizza un incontro dedicato all'esplorazione di un mito. La serata di Marzo sarà dedicata al mito Prometeo, che meglio rappresenta il potere della conoscenza e dei limiti con cui l’uomo deve confrontarsi nel suo cammino crescita esistenziale.

I miti parlano della e alla nostra mente archetipica, l’inconscio collettivo, che ha una parte fondamentale nella nostra psiche. Gran parte del nostro sentire dipende da questa immensa eredità che ci portiamo dentro, che ha bisogno di esprimersi e manifestarsi nel mondo, attraverso il quale diamo voce all’indicibile, all’incomprensibile. Sono stati e saranno affrontati diversi miti: Asclepio (Dio della medicina), le sirene, Prometeo, Amore e psiche, Demetra e Persefone.

Ingresso su prenotazione 5 euro
( Per maggiori informazioni telefonare 091/5082645, 3381621899, o visitare il sito e la pag fb centro studi medicina integrata).



5 marzo ore 21 Poetry Slam e Reading 
Serata di poesia... le iscrizioni sono aperte! Estendete l'invito agli amici interessati e fateci avere più informazioni possibili sugli eventi da voi e con voi programmati in Sicilia in occasione della prossima giornata mondiale della Poesia! 
POETRY SLAM & READING
Sabato 5 Marzo 2011, ore 20:30

Con l’intenzione d’introdurre il pubblico palermitano agli eventi che festeggeranno la prossima Giornata Mondiale della Poesia, istituita dall’UNESCO nel 1999 e celebrata ogni anno il 21 Marzo, il CeSMI organizza, presso la propria sede di Palermo in Via Dante 153, una serata in cui gli Autori ed i lettori appassionati di Poesia possano partecipare contestualmente ad un READING e ad un POETRY SLAM, ovvero un amichevole incontro tra coloro che alla parola vogliano restituire il ruolo, troppo spesso negato, di centro pulsante della comunicazione, di espressione del proprio Sè, della comprensione tra culture e del dialogo, veri strumenti di e pace tra i popoli.


PROGRAMMA DELLA SERATA

ore 20,30 – 21,00:
Presentazione della serata e composizione della giuria del poetry slam, estratta a sorte tra il pubblico e presieduta da uno dei maestri di cerimonia.

ore 21,00 – 23,00:
Poetry slam tra i poeti iscritti alla gara (le richieste di partecipazione saranno state selezionate in base al loro ordine di arrivo all’indirizzo di posta elettronica info@cesmipalermo.com); per il contest valgono le seguenti regole:
• iscrizione gratuita e aperta a tutti;
• esibizione a cappella (ovvero senza l’accompagnamento di strumenti o basi musicali);
• libertà d'espressione (si può dire, leggere, scandire, cantare testi costruiti su temi liberi);
• tempo a disposizione per ogni esibizione: dai 3 ai 5 minuti;
• gli autori si confronteranno due per volta, leggendo un massimo di tre testi ciascuno;
• al termine dell’incontro la giuria determinerà chi tra i due avrà passato il turno; si procederà così fino alla finale.
Tra un match e l'altro si alterneranno le letture dei testi poetici proposti dagli iscritti al reading, eventualmente accompagnati da un sottofondo musicale (anche per le letture, le richieste di partecipazione verranno selezionate in base al loro ordine di arrivo all’indirizzo di posta elettronica info@cesmipalermo.com).

ore 23,00 – 23,30:
Premiazione del poeta vincitore dello slam e presentazione al pubblico palermitano degli eventi che, in occasione della prossima Giornata Mondiale della Poesia, verranno realizzati in città e nella regione.Mostra tutto
Estendete l'invito agli amici interessati e fateci avere più informazioni
possibili sugli eventi da voi e con voi programmati in Sicilia in
occasione della prossima giornata mondiale della Poesia!

Per informazioni ed iscrizioni al poetry slam o al reading:
info@cesmipalermo.com
393 5352087 - 3381621899

 26/02, 05/03, 19/03 TRE SABATI ESPERIENZIALI Per MEDICI, PSICOLOGI, FARMACISTI
Descrizione breve “SANITA’ LOW COST” con i “PERCORSI TERAPEUTICI INTEGRATI”-
L'evento ha lo scopo, attraverso una conoscenza esperienziale delle attività terapeutiche del CeSMI, di informare gli operatori del settore sanitario sulle opportunità che offre il centro, al fine di rispondere efficacemente ai bisogni terapeutici ma anche economici dei pazienti.
Testo

“TRE SABATI ESPERIENZIALI"

rivolto a MEDICI, PSICOLOGI, FARMACISTI

PROGRAMMA
26 febbraio
Sala A ore 9,00- 9,30 Presentazione del CeSMI (Gabriella Pravatà, Rosalia Billeci)
Sala A ore 9,30-10,30 Come un medico di Medicina cinese si approccia al paziente per la diagnosi energetica e la scelta del piano terapeutico (Gabriella Pravatà)
sala A ore 10,30-11,30 Esperienza di Qi Gong (Gabriella Pravatà)
sala B ore 11,30-12,30 Esperienza di Shiatsu (Loredana Governale, Rosalba Rasura)
ore12,30- 13,00 I terapeuti rispondono alle domande sulle esperienze effettuate
ore 13,00 Cocktail di saluto

5 marzo
Sala A ore 9,30-10,30 Esperienza di Consapevolezza attraverso il Movimento® con il Metodo
Feldenkrais® (Marisa Glorioso)
Sala A ore 10,30-11,30 Esperienza Training Autogeno e/o Counselling logoeducatore (Valerio Costa)
Sala B ore 11,30-12,30 Esperienza di Yoga (Claudia Pessina)
ore12,30- 13,00 I terapeuti rispondono alle domande sulle esperienze effettuate
ore 13,00 Cocktail di saluto

19 marzo
Sala A ore 9,30-10,30 Esperienza di Osteosimbiosi e metodo Dorn (Fabio Trimarchi)
Sala A 10,30-12,30 Esperienza di Psicodramma e Musicoterapia (Rosalia Billeci e Viviana Cutaia)
ore12,30- 13,30 Consulenza filosofica (Augusto Cavadi)
ore 13,30 I terapeuti rispondono alle domande sulle esperienze effettuate
e Cocktail di saluto
 

OPERATORI CeSMI
Billeci Rosalia, medico psicoterapeuta, psicodramma terapeuta vicepresidente CeSMI
Cavadi Augusto, filosofo consulente “Phronesis”
Costa Valerio, logoeducatore, esperto in training autogeno
Cutaia Viviana, psicologa, musicoterapeuta CeSMI Palermo
Glorioso Marisa. insegnante il Metodo Feldenkrais®
Governale Loredana, terapista shiatsu CeSMI Palermo
Pessina Claudia, operatore yoga, shiatsu, tuina, massaggio Thai, antico massaggio cinese del piede Pravatà Gabriella, dermatologa, master universitario in agopuntura e MTC, presidente CeSMI
Rasura Rosalba, terapista shiatsu
Trimarchi Fabio heilpraktiker, tecniche di riequilibrio posturale con osteosimbiosi e terapia Dorn


La partecipazione alle tre giornate è gratuita. La prenotazione è obbligatoria.
 

Per ulteriori informazioni sul Centro studi di medicina integrata consulta
il sito www.cesmipalermo.com, o scrivere ad info@cesmipalermo.com
o telefonare allo 091-5082645 - 3345775993 - 339.6749999 – 338.1621

"LA FAVOLA DI AMORE E PSICHE". La serata sarà dedicata al mito che meglio sembra rappresentare il legame indissolubile e misterioso che lega l'Amore all'Anima. Mensilmente il centro organizza un incontro dedicato all'esplorazione di un mito.

I miti parlano della e alla nostra mente archetipica, l’inconscio collettivo, che ha una parte fondamentale nella nostra psiche. Gran parte del nostro sentire dipende da questa immensa eredità che ci portiamo dentro, che ha bisogno di esprimersi e manifestarsi nel mondo, attraverso il quale diamo voce all’indicibile, all’incomprensibile. Sono stati e saranno affrontati diversi miti: Asclepio (Dio della medicina), le sirene, Prometeo, Amore e psiche, Demetra e Persefone.

In pratica l'incontro si svolgerà nel modo seguente : narrazione del mito a cura di Rosalia Billeci (voce recitante) e Nicola Marchese (chitarra); alla fine della performance, sull’onda delle risonanze emotive suscitate dal mito, gli spettatori in piccoli gruppi, trasformandosi così da spettatori in attori, creeranno delle scene spontanee, su cui si può continuare a lavorare in seguito qualora fosse richiesto.

E’ richiesta la prenotazione
( Per maggiori informazioni telefonare 091/5082645, 3381621899, o visitare il sito e la pag fb centro studi medicina integrata).

29/01/2011

La serata di gennaio sarà dedicata al mito delle sirene, che fanno parte del nostro passato mitico, il cui canto enigmatico e misterioso ancora oggi cattura e seduce. Il mio, il nostro sarà un lavoro di esplorazione, di ricerca risposte a domande come: perché questo canto è così pericoloso per gli uomini...quale aspetto della misoginia viene sollecitato....cosa c'è di così affascinante e terribilmente attraente in una "mezza femmina" mancante di quell'attributo, il sesso, che a noi donne sembra essere l'elemento femminile più importante per un uomo!?

 ven 21/01/11 h' 18 "LO PSICODRAMMA, conferenza della drssa Rosalia Billeci
Descrizione breve
Testo Lo psicodramma nella pratica è una rappresentazione teatrale improvvisata, dove far vivere i propri “personaggi interiori, ma in effetti il termine pscd è un termine molto complesso, perché lavorando sia sulla “dimensione cognitiva” che su quella “emotiva”, può essere sia una “tecnica” ( role-play, drammatizzazione), che “un metodo”, (anzi diversi metodi terapeutici: psdc classico-moreniano, freudiano, lacaniano, junghiano). Questa complessità lo rende uno strumento particolarmente duttile ed efficace, che può essere utilizzato in ambiti molto diversi, dalla terapia alla formazione professionale, dalla prevenzione del disagio alla promozione della salute. E’ gradita la prenotazione ( Per conoscere tutto il programma e per maggiori informazioni visitare la pag fb o tel al 091/5082645, 3381621899).

Sessioni di filosofia pratica per non filosofi condotte da Augusto Cavadi (consulente filosofico riconosciuto "Phronesis").

Per i soci del CeSMI la quota è di euro 10 per ogni sessione. Per i non soci la quota è di euro 12 per ogni sessione

11 gennaio L'amore si sperimenta solo quando si ama e si è riamati da una persona fisica? Oppure ci sono anche altre modalità d'amore?"


 

 Anno 2011

11 gen ore 16,30-18,00 Ordine dei medici
Valutazione critica della letteratura scientifica

18-18,30 Question time
18,30-19,30 Programmazione interna ISDE

Si invitano tutti coloro che sono sensibili a sostenere ISDE Italia nel lavoro divulgativo, di advocacy, di ricerca scientifica ad associarsi
consultando il sito www.isde.it.

Isde Palermo (www.isdepalermo.ning.com)
 


Anno 2010

 

Filosofia per non filosofi  (secondo martedi di ogni mese dalle 21 alle 23

12 ottobre 2010 Il fascino e il costo della fedeltà coniugale. Innamorarsi da sposati, innamorarsi di sposati?"

 

 

9 novembre 2010 Il fascino e il costo della fedeltà coniugale. Innamorarsi da sposati, innamorarsi di sposati?" II° parte

 

 Sessioni di filosofia pratica per non filosofi condotte da Augusto Cavadi (consulente filosofico riconosciuto "Phronesis").

Per i soci del CeSMI la quota è di euro 10 per ogni sessione. Per i non soci la quota è di euro 12 per ogni sessione

 



Sab 6 nov Convegno "Le Giornate della Salute “5° ed. 2010, II° Convegno Nazionale Complementary and alternative medicine (CAM) nelle specialità biomediche “Psichiatria, psicoterapia, medicina non convenzionale: quali sinergie?” (presso La Vignicella-ex Ospedale Psichiatrico, Via La Loggia) crediti ECM per medici e psicologi. Iscrizioni www.cesmipalermo.com
Giov 11 nov ore 17-19 Stagioni autunno-inverno ed alimentazione- seminario I° parte**, Giuseppina Marchione Caronna
Giov 18 nov- 25- nov- 2 dic ore 17,30-19,30 La menopausa: una via preziosa del percorso della vita- prevenzione e terapia in medicina cinese ed occidentale**. Giovanni Lentini, Rosalia Billeci, Gabriella Pravatà
Sab 20 nov ore 9-12 Incontro con i medici di base “La salute e la complessità”, cocktail, Operatori CesMI


30 ott ore 10-12 Incontro con i medici di base “La cura centrata sulla persona”, cocktail, Operatori CeSMI
 

Lun 11 ottobre ore 18 Presentazione del programma anno sociale 2010-11, Gabriella Pravatà presidente del Centro studi di medicina integrata (CeSMI) e gli operatori del CeSMI

CONFERENZE (luogo: sede CeSMI quando non specificato)
 

Ven 22 ott ore 18 Shiatsu – equilibrio psico-fisico-emozionale, Loredana Governale, Rosalba Rasura
Mart 2 nov ore 17-19 Inquinamento e salute (inquinanti e malattie correlate) ISDE Palermo (presso Ordine dei medici di Palermo)
Ven 12 nov ore 18 Alimentare i nostri piccoli o grandi amici a quattro zampe con Luisa Mainardi
Ven 3 dic ore 18 L’agopuntura e la medicina cinese a sostegno dei disturbi della terza età, Gabriella Pravatà
Mart 7 dic ore 17-19 Impatto delle sostanze inquinanti sulla salute, ISDE Palermo (presso Ordine dei medici di Palermo)
Ven 10 dic ore 18 L'armonizzazione attraverso la musicoteterapia, Viiana Cutaia

Lun 20 dic ore 21 L’Altro Natale, performance artistica di Rosalia Billeci, cocktail

Serata di Cinepsicologia sul rapporto genitori/figli.

VENERDI' 17 NOVEMBRE 2010, ore 20.30 proiezione filmato e dibattito condotto dalla Dott.ssa Rosalia Billeci. il tutto in un'atmosfera rilassata e conviviale! 
Dopo la proiezione ed il dibattito sono previsti assaggi in un clima conviviale!

E' previsto un contributo di euro 10


La prenotazione è obbligatoria.
 

Telefonare ai numeri
091/6745209; 338 1621899; 333 2012439

Rosalia Billeci
Medico, psicoterapeuta, psicodrammatista, attrice, autrice di testi teatrali, fin da giovane si è occupata di teatro sia come interprete che come autrice di testi- si è formata alla Scuola di Teatro Teatès, di Palermo diretta da Michele Perriera. Vicepresidente del Centro studi medicina integrata che opera attivamente per lo sviluppo di una cultura della salute che tenga conto della sua complessità. Mettendo insieme la sua duplice anima ha ideato gli incontri di teatro di sociopsicodramma, dove ad una performance teatrale a tema, segue un gruppo di sociopsicodramma. Ha al suo attivo diversi spettacoli teatrali come attrice, autrice e diversi incontri di teatro di sociopsicodramma, degno di nota il work shop tenuto a San Paolo in occasione del convegno I.A.G.P. del 2006, nel 2009 a Roma e la partecipazione con DoppiaMente alle Orestiadi di Gibellina 2008 e con “ Di donne…di dee” al Segesta/Calatafimi festival 2009, due melologhi di cui è autrice.

 "L'ALTRO NATALE" Performance di teatro musica 
20 dicembre h' 20.30 serata prenatalizia con brindisi, per augurare a tutti i nostri amici Buone feste.
Il Centro, che considera la cultura fattore di crescita personale e collettivo,

come ormai da molti anni organizza "LALTRO NATALE", una serata prenatalizia con brindisi finale.

Saranno in scena A.Chiaramonte (chitarra), B.Usticano(chitarra e percussioni), R.Billeci( cantattrice)

con canti della ns tradizione e brani sul Natale poco conosciuti, ma d'immensa bellezza,

di autori come Pirandello, Sciascia, Calvino, Spaziani etc..
 

E' un modo per riportare questa festa, ormai così svuotata di senso, al suo significato originario e profondo.

Contributo di 5.00 per sostenere l'associazione.



Centro Studi di Medicina IntegrataIl fascino e il costo della fedeltà coniugale. Innamorarsi da sposati, innamorarsi di sposati?" I° parte
cominciano da martedì 12 ottobre le sessioni di filosofia per non filosofi...
 

Martedì 9 novembre 2010 "sessioni di filosofia pratica per
non filosofi"condotte da Augusto Cavadi (consulente filosofico riconosciuto "Phronesis").

L'appuntamento è per le ore 20,55 (dopo le 21,10 non si inseriscono ritardatari nella "comunità di ricerca").

Il tema di riflessione critica comunitaria della sessione è:

"Il fascino e il costo della fedeltà coniugale. Innamorarsi da sposati, innamorarsi di sposati?"II° parte

Gli incontri si svolgeranno il secondo martedi di ogni mese dalle 21 alle 23.

 

Per i soci del CeSMI la quota è di euro 10 per ogni sessione. Per i non soci la quota è di euro 12 per ogni sessione.

“Tre Giorni Porte Aperte: Prendersi cura di sé”.
Palermo, 1- 2- 3 dicembre 2010 dalle 18.00 alle 22.00

PROGRAMMA

Mercoledì 1 18.30 - 19.30 Lezione teorico-pratica di Qi Gong con Gabriella Pravatà
Pausa Tisana/Caffè

19.30 - 20.30 Trattamenti individuali di: Osteosimbiosi e Terapia Dorn - Fabio Trimarchi, Shiatsu - Loredana Governale e Rosalba Rasura, Valutazione Energetica secondo la Medicina Tradizionale Cinese (MTC) - Gabriella Pravatà, Training Autogeno e Touch Therapy - Valerio Costa

20.30 - 21.30 Gruppo esperienziale di Sociopsicodramma con Rosalia Billeci

21.30 Chiusura del Seminario Assaggi e degustazioni

***


Giovedì 2 18.30 - 19.30 Lezione teorico-pratica di Yoga Danza con Valerio Costa
Pausa Tisana/Caffè

19.30 - 20.30 Trattamenti individuali di Osteosimbiosi e Terapia Dorn, Shiatsu, Valutazione Energetica secondo la MTC, Training Autogeno e Touch Therapy

20.30 - 21.30 Lezione di Consapevolezza Attraverso il Movimento secondo il Metodo Feldenkrais® con Marisa Glorioso

21.30 Chiusura del Seminario Assaggi e degustazioni

***


 

Venerdì 3 18.30 - 19.30 Lezione teorico-pratica di Yoga con Claudia Pessina
Pausa Tisana/Caffè

19.30 - 20.30 Trattamenti individuali di Osteosimbiosi e Terapia Dorn, Shiatsu, Valutazione Energetica secondo la MTC, Training Autogeno e Touch Therapy

20.30 - 21.30 Lezione teorico-pratica di Musicoterapia con Viviana Cutaia
21.30 Chiusura del Seminario Assaggi e Degustazioni

 

La partecipazione alle tre giornate è gratuita. La prenotazione è obbligatoria.
Per informazioni e prenotazioni: 339-1335642 - 338-1621899 - 339-6749999
E-mail info@cesmipalermo.com
 

Martedì 9 novembre 2010 "sessioni di filosofia pratica per
non filosofi"condotte da Augusto Cavadi (consulente filosofico riconosciuto "Phronesis").

L'appuntamento è per le ore 20,55 (dopo le 21,10 non si inseriscono ritardatari nella "comunità di ricerca").

Il tema di riflessione critica comunitaria della sessione è:

"Il fascino e il costo della fedeltà coniugale. Innamorarsi da sposati, innamorarsi di sposati?"II° parte

Gli incontri si svolgeranno il secondo martedi di ogni mese dalle 21 alle 23.

 

Per i soci del CeSMI la quota è di euro 10 per ogni sessione. Per i non soci la quota è di euro 12 per ogni sessione.


7 novembre 2010 - Seminario "Meridiani Tendino Muscolari (Jinjing) e Wei Qi".
Descrizione breve il dr. *Truong Tan Trung*, Docente di Agopuntura, Specialista in Anestesia e Rianimazione, Presidente de Association pour la Medicine Orientale di Parigi, terrà un seminario su
Testo 

Domenica 7 novembre, ore 9:30-13:30 e 15:30-18:30,

presso la nostra sede si svolgerà il seminario

"Meridiani Tendino Muscolari (Jinjing) e Wei Qi".

Relatore:

Prof. Truong Tan Trung, Docente di Agopuntura, Specialista in Anestesia e Rianimazione, Presidente de Association pour la Medicine Orientale di Parigi

 

 

 

 

 


L'evento è realizzato in collaborazione con l'Associazione Qi

Il costo del seminario di Euro 100.

Iscrizioni presso:Centro studi di medicina integrata (CeSMI) Via Dante
153, Palermo tel 091- 5082645 - 3345775993 - 3396749999

E' possibile inviare un bonifico a Centro studi di medicina integrata -
Monte dei Paschi di Siena- AG. 11 Palermo
Iban: IT59V0103004611000000039356

news www.cesmipalermo.com

ALTRI ARTICOLI E NOTIZIE SU MEDICINA E CULTURA TRADIZIONALE CINESE SU
www.associazioneqi.it

www.studioadelasia.it
http://cinaedintorni.wordpress.com/

 

 

 2 nov Inquinamento e Salute seminario
Seminario aperto a tutti all'Ordine dei medici di Palermo
 

 

Centro studi di medicina integrata (CeSMI), ISDE Palermo

 

Ingresso Libero - Ordine dei Medici via R. da Partanna 22 Palermo

2 nov ore 16,30-18,00

Inquinanti dell'aria, dell'acqua e modalità di azione nello sviluppo
delle malattie correlate con Ernesto Burgio pediatra coordinatore
scientifico ISDE Italia, Rocco Favara geochimico INGV, Ino Genchi chimico
18-18,30 Question time
18,30-19,30 Programmazione interna ISDE

7 dic ore 16,30-18,00 (Ordine dei medici)
Metodologia di valutazione del rischio sulla popolazione
Rosanna Simonetti, epidemiologa et al
18-18,30 Question time
18,30-19,30 Programmazione interna ISDE

 



Programma anno 2009-2010


Rivolto ai soci

 

CONFERENZE

 

Venerdì 15 gennaio h’ 18.00 Percorso terapeutico integrato in dermatologia, Gabriella Pravatà Dermatologa E Master In Agopuntura e MTC, Rosalia Billeci medico psicoterapeuta

Venerdì 26 febbraio h’18.00 L’eroe malato nel mito greco, Filippo Amoroso drammaturgo

Venerdì 5 marzo h’18.00 La relazione nella psicoterapia analitica junghiana, Franco La Rosa psicoterapeuta junghiano

Venerdì 9 aprile h’18.00 Il Cancro alla luce della moderna biologia molecolare, Ernesto Burgio pediatra coordinatore naz. ISDE Italia ( Ass. madici per l’ambiente)

Venerdì 21 maggio h’18.00 Giornata di prevenzione dei tumori cutanei, Gabriella Pravatà Dermatologa E Master In Agopuntura e MTC

Venerdi 11 giugno h'18 Consigli utili per una alimentazione estiva, Giuseppina Marchione Caronna farmacista erborista naturopata

Sabato 19 giugno h’20 “ Il Mito di Prometeo” Potere e Libertà dell'uomo . Cocktail di saluto per pausa estiva e performance di Teatro di Sociodramma di e con Rosalia Billeci

Ai non soci è richiesto un contributo di euro 10

INCONTRO SOCI

 

Cinema e dibattito a cura di Antonio Vadalà (ogni secondo e quarto giovedì del mese ore 21-23)

1) "Anam, il Senza Nome"
"Anam" l' ultima intervista a Tiziano Terzani prima della sua morte.

2) "Samsara", del 2002, del regista Pan Nalin. "Samsara" il mondo, anzi la strada che s' intraprende per conoscere il mondo. Una carovana di lama, condotta da Apo, vecchio e saggio monaco buddista,va a prendere Tashi, che per tre anni, tre mesi, tre settimane, tre giorni, rimasto in meditazione solitaria in un luogo inaccessibile. Il giovane Tashi alla ricerca della illuminazione spirituale, ma l' incontro con la bellissima Pema risveglia i suoi più intimi desideri sessuali.....

3) "Primavera, Estate, Autunno, Inverno.... e ancora Primavera", del 2003, del regista regista coreano Kim Ki - Duk. E' ambientato in un eremo buddista al centro di un lago, in una foresta incontaminata. Racconta la vita di un monaco buddista attraverso le stagioni della sua vita.

Gli incontri "Cinema e psicoanalisi" continuano a cura degli psicoterapeuti Rosalia Billeci e Fabio Rapisarda con il dibattito al termine della proiezione.


Giov. 11/03 Freud regia J. Houston 1962

Giov. 25/03 Prendimi l'anima, di R. Faenza, 2002

Giov 8/04 La montagna sacra , di Jodorovsky, 1973

Giov 22/04 Nuda per Satana, di L. Batzella, 1974

 

 

Programma annuale di conferenze ed incontro soci con quota associativa di Euro 100,00

 

 


ATTIVITA’ DI GRUPPO SETTIMANALI

Rivolte a persone interessate anche non iscritte al CeSMI


QI GONG (lunedi ore 18,30-20,00)
con Gabriella Pravatà medico dermatologa master in agopuntura e MTC

Qi Gong è una pratica terapeutica biopsicocorporea complementare della Medicina Tradizionale Cinese ritenuta la prima medicina preventiva dei nostri antenati e l'origine dell'autoguarigione.
Qi Gong riarmonizza la nostra struttura corporea attraverso esercizi specifici che agiscono sulle tensioni posturali, respiratorie, permettendo in tal modo il libero fluire dell’energia vitale.
Qi è respiro, soffio, energia vitale, Gong è esercizio, padronanza di sè.
La pratica del Qi Gong si avvale di tre gruppi di tecniche:
- le posture e i movimenti,
- le tecniche di respirazione,
- le tecniche di concentrazione, rilassamento e visualizzazione
Il Qi Gong è indicato in:
CONTRATTURE MUSCOLARI, INSONNIA, ANSIA, TACHICARDIA, RISVEGLIO NOTTURNO, DISTURBI DELLA MEMORIA, MALATTIE PSICOSOMATICHE, DISTURBI DELLA CIRCOLAZIONE VENOSA, LINFATICA , SQUILIBRI ORMONALI, OBESITA’, etc.

PSICODRAMMA ANALITICO JUNGHIANO (mercoledì ore 18,30-20,30)
Teatro dell’anima - GRUPPO ESPERIENZIALE terapeutico
condotto da Rosalia Billeci medico, psicodrammaterapeuta,

Attraverso la rappresentazione del nostro mondo interno, si sperimenta la magia del teatro che rende tutto possibile, si può trasformare qualsiasi situazione, sperimentare le proprie potenzialità e affrontare il nuovo.
Rivolto a tutti coloro che vogliono avere l’occasione di dare spazio al desiderio di cambiamento,imparare a scoprire ed utilizzare i propri talenti per metterli a frutto nella vita.
“La vita non è un problema da risolvere ma una realtà da esprimere” (S. Kierkegaard)

DANZAMOVIMENTOTERAPIA (martedì ore 18,30-20,30)
condotto da Delizia Alessandra danzaterapeuta APID DMT


"La Danzamovimentoterapia è una disciplina specifica, orientata a promuovere l'integrazione fisica, emotiva, cognitiva e relazionale, la maturità affettiva e psico-sociale e la qualità di vita della persona.
La Danzamovimentoterapia, nata come approccio clinico, esprime competenze e tecniche rivolte al lavoro psico-sociale, pedagogico e formativo .

MUSICOTERAPIA
La musicoterapia è l’uso della musica e dei suoi elementi all’interno di un processo definito, in rapporto individuale o di gruppo, volto a facilitare e promuovere la comunicazione, le relazioni, l’apprendimento, la mobilizzazione, l’espressione, l’organizzazione ed altri obiettivi terapeutici nella prospettiva di assolvere bisogni fisici, emotivi, mentali e cognitivi.
La musicoterapia si pone come scopi di sviluppare potenziali e/o riabilitare funzioni dell’individuo in modo che egli possa ottenere una migliore integrazione sul piano personale e/o interpersonale.

ARTETERAPIA
L’arteterapia utilizza l’espressione artistica grafica, scultorea, con materiali artistici al fine di creare un ponte comunicativo tra l’interno e l’esterno dell’individuo. Le tecniche di stimolazione non verbale sono le più adeguate a riportare gli utenti in una dimensione della sensorialità inconscia, legata alle primissime fasi dello sviluppo.
In uno spazio di elaborazione non verbale, si accede alla conoscenza profonda di sé, all’analisi dei propri bisogni più autentici ed alle risorse creative personali per esprimere autenticamente se stesso e prevenire comportamenti malsani.

FILOSOFIA PER NON FILOSOFI
(sessione di gruppo: ogni primo e terzo giovedì del mese, ore 21-22,30 da novembre)
a cura di Augusto Cavadi, filosofo, consulente riconosciuto "Phronesis" (www.phronesis.info)

Nell'epoca in cui ogni disagio viene subito diagnosticato come patologia, la filosofia si propone invece come 'spazio' in cui riflettere criticamente, dialogare serenamente e maturare, in maniera consapevole ed autonoma, eventuali mutamenti del nostro modo di rapportarci al mondo.
Questa ricerca dialogica del senso della propria vita (che non sostituisce nessuna eventuale relazione terapeutica con medici del corpo o della psiche) può avvenire o in assetto duale o in piccole "comunità di ricerca".

I soci del CeSMI usufruiscono di agevolazioni economiche sulle attività settimanali e consulenze individuali

22/06/10 ore 18,30 “Amore, Amore, Amore…", Recital/Concerto sulle diverse forme d'amore.
Descrizione breve Il recital/concerto che avrà luogo presso la sede del CeSMI, di via Dante, 153, ha come finalità il sostegno dell'AFIPRES ( Associazione famiglie italiane per la prevenzione del suicidio giovanile)
Testo

 

L'Evento, molto importante per il suo valore sociale, sarà realizzato in collaborazione con il CE.S.VO.P ( centro di servizi per il volontariato di palermo) e Fiordaliso ( associazione per la promozione sociale), con la finalità di sostenere l’AFIPRES, un’associazione di volontariato che s’impegna e si spende molto nel sociale per la prevenzione del disagio giovanile, nello specifico del suicidio in adolescenza.


Programma

ore 18,30 Presentazione dell’iniziativa a cura della dr.ssa Viviana Cutaia, Presidente Associazione “Fiordaliso”

ore 18,45 Proiezione video “Accendere la Speranza”
e video “Life is to live! Uno spot per vivere la vita”

ore 19,00 Recital/concerto “Amore, Amore, amore…” a cura della dr.ssa Rosalia Billeci
con la partecipazione di:
Rosalia Billeci (Voce recitante)
Roberto Bellavia (Tastiera)
Fabio Passiglia (Sax)
Manuela Li Cauli (Voce cantante)

 

ore 20,00 Buffet

ore 21,00 Conclusione evento

Contributo ingresso € 10,00

Per info tel al 3338733186

Centro studi medicina integrata CeSMI e G.S.M.I

presentano
Corso Base di Medicina Funzionale

Docente: Dr. Stanislao Aloisi Medico, nefrologo, specialista in Nutrizionistica e Dietetica


Il corso è articolato in tre moduli che si svolgeranno un week end al mese presso la sede del CeSMI a Palermo in Via Dante 153.
I moduli si svolgeranno dalle 9.00 alle 19.00 il sabato,
dalle 9.00 alle 17.00 la domenica per un totale di ore 48. I moduli saranno articolati nelle seguenti date:


20/21 Marzo 2010 - 29/30 Maggio 2010 - 19/20 giugno

 

30 Crediti E.C.M. per Medici e Farmacisti.


Medicina Funzionale
La Medicina Funzionale è un settore che utilizza indagini precoci per migliorare le funzioni fisiologiche, sia emotive che cognitive e fisiche. Questo tipo di approccio è focalizzato sull’attenzione della individualità biochimica e sull’equilibrio metabolico in un contesto biologico guidando il soggetto in una esperienza unica nella dinamica della conquista e del mantenimento della salute. Una delle chiavi importanti della Medicina Funzionale è l’integrazione delle conoscenze di un gruppo molto ampio di discipline accademiche che includono: biochimica, botanica farmaceutica, endocrinologia, immunologia, tossicologia ambientale, gastroenterologia, genetica, epatologia, medicina naturale, neurologia, nutrizione, fisiologia e PNEI.

Concetto filosofico
Il punto centrale della Medicina Funzionale è l’armonizzazione dei tre concetti basilari che servono di principio guida per l’approccio clinico, la valutazione, il trattamento dell’individuo, supportate da continuo sviluppo di strategie di ricerca basate su:
• Individualità biochimica
• Salute, cioè vitalità positiva
• Funzione come Omeodinamicità

Corso base

Scopo di tale “corso teorico-pratico” è quello di insegnare ai partecipanti un metodo facilmente applicabile secondo le più recenti acquisizioni scientifiche. Vengono infatti fornite le nozioni fondamentali sui principi e sulla metodica diagnostica-terapeutica della Medicina Funzionale, che per il suo taglio olistico, è assolutamente originale e innovativa. Indirizzata soprattutto alla prevenzione primaria e per questo considerata anche la Medicina del giorno prima, la Medicina Funzionale offre un vasto programma profilattico- diagnostico-terapeutico basato sul paziente e non sulla malattia.
In base a questo verranno analizzate le differenze sostanziali tra Medicina Funzionale e Medicina Lesionale


1° Modulo
Sabato 27/02/2010
• Medicina “Funzionale” e medicina “Lesionale”
• Triangolo della salute
• Concetti di individualità biochimica e omeodinamica
• Biocibernetica
• Omeostasi ed Eterostasi
• Principali sistemi omeostatici.
• Branche biomediche di supporto alla Medicina Funzionale
• Visita funzionale, dati, questionari,anamnesi,visita pratica
• Analisi Funzionali, salute cellulare, prevenzione malattie
• Modulazione dietetico-nutrizionale in Medicina Funzionale
• Analisi Minerale Tessutale (AMT)
• Sindrome di Adattamento Generale (SAG)
• Sindrome di Adattamento Locale (SAL)

Domenica 28/02/2010
• Alimentazione secondo il gruppo sanguigno
• Emonutriceutici, il metodo HMS
• Prove pratiche ed esercitazioni


2° Modulo
Sabato 20/03/2010
• Soprappeso ed obesità
• Ipotiroidismo clinico e subclinico
• Sindrome X
• Detossicazione epatica
• Il metodo HMD
• Febbre gastro-intestinale
• Crudo e cotto, compatibilità alimentare
Cronobiologia digestiva

Domenica 21/04/2010
• Cibi acidogeni e cibi alcalogeni
• Potere vibratorio degli alimenti
• PNEI
• Correlati neuroendocrini nella digestione
• Prove pratiche ed esercitazioni

3° Modulo
Sabato 29/05/2010
• Galt
• Terapia delle 4 R.
• Intolleranze Alimentari
• Disbiosi, candidiasi
• Leaky gut sindrome
• Flat gut syndrome

Domenica 30/05/2010
• Radicali Liberi
• L’invecchiamento
• Prove pratiche ed esercitazioni
• Test Finale

 

Indagini funzionali
Il GSMI insegna ai suoi corsisti come utilizzare, una serie di metodiche improntate sulla valutazione funzionale:
• Mineralogramma nei vari sistemi interpretativi.
• Stress ossidativi per valutare la risposta antiossidante ai radicali liberi.
• Test bioenergetici e kinesiologici.
• Ricerca e sperimentazione di nuove metodiche di Medicina Funzionale.
• Analisi completa App. Digerente: Ecointestinal base//plus, Urodigestive test

Iscrizione al corso
La quota di partecipazione al corso è pari a €500,00 comprensiva dell’iscrizione al CeSMI e al GSMI per l’anno 2010.
Essa comprende inoltre:
- Materiale didattico in formato elettronico
- Attestato di partecipazione
- Coffee Break e colazione di lavoro
L’importo dovrà essere versato:
- il 20% all’atto dell’iscrizione da effettuarsi entro il 29/01/2010
- Saldo da effettuarsi all’inizio del corso il 27/02/2010

Per informazioni ed iscrizioni
Dott.ssa M. La Barbera
Ufficio stampa e pubbliche relazioni CeSMI
Cell:3384762283 - info@cesmipalermo.com


Modalità di pagamento
- Assegno bancario non trasferibile intestato a Centro studi di medicina integrata.
- Bonifico bancario intestato a Centro studi di medicina integrata - Monte dei Paschi di Siena- AG. 11 Palermo
Iban:IT59V0103004611000000039356
Il termine ultimo dell’iscrizione è fissato al 29/01/2010.
Eventuali richieste di iscrizione successive, essendo i posti disponibili limitati a 25, saranno accettate con riserva di conferma.


Scheda di adesione al corso
La/Il sottoscritta/o
NOME……………………….COGNOME………………………...
DATA DI NASCITA……………….LUOGO……………………...
VIA…………………………………N°…………CAP…………….
CITTA’………………………………PROV………………………
PROFESSIONE…………………………………………………….
TEL………………………….CELL………………………………
E-MAIL…………………………………@.......................................
Chiede di essere iscritta/o al Corso sopracitato. A tal fine versa l’importo di € 100 con versamento min c/c intestato al G.S.M.I. c/c 96684808 o assegno bancario NON Trasferibile o bonifico bancario intestato a CeSMI (Iban:IT59V0103004611000000039356, impegnandosi a trasmettere copia via Fax al numero 035/335203 o e-mail info@cesmipalermo.com..
Acconsente ai sensi dell’art 23 del Codice al trattamento ed alla Comunicazione dei miei dati personali ad opera del GSMI e CeSMI ed ai soggetti indicati nella predetta informativa e nei limiti di cui alla stessa. Resta fermo che tale consenso è condizionato al rispetto delle disposizioni del D.Lgs 30 Giugno 2003 n° 196 (Codice in materia di protezione dei dati personali).

Data FIRMA

 

 


Attività e servizi di CeSMI e GSMI
Il CeSMI promuove la salute psicofisica ed ambientale integrando medicina tradizionale, non convenzionale, psicoterapia, artiterapie, centrate sulla persona attraverso attività espressive e conferenze. Organizza, inoltre convegni, seminari, corsi di formazione ed aggiornamento per operatori sanitari e delle relazioni di aiuto cooperando con enti pubblici e privati. E’ rappresentante in Sicilia del Comitato Permanente di Consenso per le Medicine non Convenzionali (MnC) in Italia.
Il G.S.M.I. promuove congressi, convegni e seminari in tutta Italia ed all’estero, con la partecipazione dei migliori specialisti del settore. Organizza corsi di Medicina Olistica con notevole spazio dedicato alla Pratica Clinica con la valutazione collegiale di soggetti secondo la metodologia olistica.
Servizi
Il CeSMI offre ai suoi soci conferenze bimensili ed incontri di condivisione con cineforum ed agevolazioni per attività di gruppo e consulenze terapeutiche, spazi professionali.
Il G.S.M.I. offre agli associati servizi di tipo diagnostico - valutativo, didattico e di supporto integrazionale.

Supporti terapeutici: Il CeSMI forma i suoi corsisti nelle varie discipline della MnC, psico-artiterapie, con supporto teorico-pratico.
Il GSMI insegna ai suoi corsisti come utilizzare, nella pratica quotidiana, una serie di formulazioni impostate secondo i canoni della Nutrizione Applicata, della Biotipologia e della Medicina Funzionale.  

Seminario di studi "Don Milani e il Sud: idee per continuare sino in fondo il ‘risanamento’"
 Inerenti gli scopi istituzinali del CeSMI il seminario è inserito tra le attività nelll'amibito dello sviluppo della consapevolezza dell'essere umano. Il CeSMI è coorganzzatore insieme alla Scuola Etico Politica Falcone di Palermo e ...

organizzato da
La Scuola di formazione etico-politica G. Falcone
La Comunità cristiana S. Francesco Saverio
Il Centro studi di medicina integrata (Cesmi)
Il Centro siciliano i documentazione G. Impastato
La Filca Cisl di Palermo
“Libera – Palermo”

 

Programma:

16,30: L’occasione e il senso del seminario
(Augusto Cavadi)
17,00 : L’attualità della lezione di don Milani
(Sergio Tanzarella)
17,50: Pausa
18,00: Intervento di Salvatore Scelfo
18,30: Intervento di Umberto Santino
19,00: Intervento di don Cosimo Scordato

Il seminario è organizzato a partire dai volumi della casa editrice Il pozzo
di Giacobbe (Trapani):
Sergio Tanzarella, “Gli anni difficili. Lorenzo Milani, Tommaso Fiore e le “
esperienze pastorali”;
Sergio Tanzarella – Luigi Di Santo, “Lorenzo Milani. Memoria e risorsa per una
nuova cittadinanza”.

Il seminario si svolgerà il 18 giugno dalle 17,30 alle 20,00 presso la Chiesa S. Francesco Saverio Palermo

Fondazione Pasqua 2000- A.M.O. (Association pour la Médicine Orientale)

con il patrocinio di

W.M.A.A. (World Medical Association of Acupuncture), Associazione Qi Palermo, CeSMI Palermo, Provincia regionale di Trapani, Comune di Erice, Ordine dei medici di Trapani, Asp n°9 Trapani, Club UNESCO Erice


"Le malattie mentali in medicina tradizionale cinese e la pratica del Qi Gong medico Tao Luang Cong"


4-5 giugno 2010

Palazzo del Seminario
Via Cosenza 90 Trapani Erice CS

Venerdì, 4 giugno 2010
9.10 Saluti della Autorità;
Introduzione ai lavori: Prof. Dr. H. Truong
Tan Trung, Presidente dell’A.M.O.;
Mons. L. Palmeri, Presidente di Fondazione
Pasqua2000
9.20 Omaggio alla memoria
del Maestro Dr. Nguyen Van Nghi
Prof. Dr. G. Garozzo, Presidente della W.M.A.A.
Dr. V. Garaffa, Vice Presidente della
W.M.A.A., Responsabile Ambulatorio Pubblico
di Agopuntura ASP n°9 Trapani
9.30 Lectio magistralis
Prof. Dr. H. Truong Tan Trung,
Docente di agopuntura, Specialista inAnestesia e
Rianimazione
“Jing Shen e malattie mentali”
10.15 Prof. Dr. G. Garozzo, Presidente Associazione
Mondiale Medici Agopuntori (WMAA)
“I Qi Jing Ba Mai ed il Mentale”

11.00 Coffee break


11.30 Dr. M. Cernigliaro; Dr. A.M. Grifo; Dr. V. Garaffa
(Istituto Internazionale Nguyen Van Nghi)
“Qing Zhi: il mondo delle emozioni”
12.15 Dr. G. Lentini, Dr. A. La Sala, Dr. V. Marino
(Associazione Qi di Palermo)
“L’agopuntura nelle turbe emotive
della menopausa”
“Punti del canale del Polmone
nelle malattie mentali”
12.45 Dibattito

13.15 Pranzo


15.30 Prof. Dr. B. Van Tho, Professore di agopuntura,
agopuntore, chirurgo ortopedico – A.M.O. Parigi
“Fibromialgie nella Medicina Tradizionale Cinese”
16.15 Prof. Dr. C. D’Arpa, Psichiatra, direttore
del Laboratorio di Epistemologia Tradizionale
di Palermo e Presidente della Società di Medicina
Omeopatica di Bologna
“L’effetto Laozi”. Il contributo del Pensiero
Taoista alla Medicina e alla Psichiatria moderne

17.00 Coffee break


17.15 Prof. Dr. Tran Tuan Anh di Besançon,
Docente alla Facoltà di Medicina di Bobigny-Paris
“Le insonnie nella Medicina Tradizionale Cinese”
18.00 Dibattito
18.30 Chiusura dei lavori

20.00 Cena di gala


21.30 Gli allievi ricordano il maestro:
Souvenir di Van Nghi
aneddoti e filmati del Maestro

Sabato, 5 giugno 2010
9.30 Dr. G. Barbagallo e colleghi
della Scuola Mediterranea di agopuntura
di Catania
“Psichismo e Movimento “Legno” - Caso clinico
Dr. F. Sapienza, Docente FISA della scuola ASMA
di Catania
“Rapporti tra Punti, Meridiani e Tecniche
Respiratore nelle pratica delle Arti Marziali”
Dr. C. Plumari, Neuropsichiatra, Docente della
Scuola Mediterranea di Agopuntura
“Lo Shen e le tecniche di autoguarigione
per il terapeuta”
10.15 Prof. Dr H. Truong Tan Trung
“Jing-Shen e malattie mentali” (seconda parte)

11.00 Coffee break


11.30 Dr.ssa G. Pravatà, Dermatologa, agopuntore
Ce.SMI Palermo
“Psiche e Dermatosi”
11.50 Dr.ssa R. Billeci, Medico psicoterapeuta,
psicodramma terapeuta, CeSMI di Palermo
“Le Sette Passioni causa o aggravamento di
dermatosi: ruolo dell’agopuntura e proposta
di integrazione con psicodramma”
12.15 Dibattito

13.00 Pranzo


15.30 Dr. N. Ba Chuong, Medico agopuntore, maestro di
arti marziali – Parigi
Presentazione del Tao Luân Công
(Qi Gong Taoïsta circolare)
Lavoro sull’energia con movimento circolare
conforme ai movimenti dell’universo

17.00 Pausa


17.30 Iniziazione al Tao Luân Công (parte pratica)
Dr. Nr. Ba Chuong
18.30 Fine del Simposio

Iscrizione al Simposio
Costo per i partecipanti (non relatori): 160 euro
Costo per la partecipazione alla sola lezione teorico–pratica
di Qi Gong: 80 euro

Il versamento dovrà essere effettuato nella ragione del 50%
della cifra entro e non oltre il 20 Maggio 2010 tramite
vaglia postale o assegno circolare o tramite bollettino
postale a favore di:
Fondazione Pasqua2000
C.so V. Emanuele n°38 – TRAPANI
C/C 92065085
È possibile prenotare i pranzi e le cene e la permanenza in
Seminario anche per le notti telefonando al Sig. Tilotta
Filippo- cell. 338.3914804 - Fax 0923.562411
Altre informazioni:
Dr. Garaffa Vincenzo, cell. 333.4583651
Dr. Grifo Anna Maria, cell. 347.3359020
Dr. Cernigliaro Michele, 338.5319778 

Filosofia per non filosofi:"Intorno alla morte"
Martedi 18 maggio ore 21 sessione di filosofia sul tema della morte.

 

"Intorno alla morte" II° parte

 

conduce: Augusto Cavadi filosofo consulente "Phronesis"

Data: Ordinariamente il primo ed il terzo MARTEDI di ogni mese (tranne eccezioni che si comunicano alla fine dell'incontro precedente e sul sito del Cesmi: www.cesmipalermo.it).

Orario: La sessione di pratica filosofica inizia puntualmente alle 21,00 e termina alle 22,30.
Se non per motivi gravi ed eccezionali, si prega di arrivare fra le 20,45 e le 20,55 in modo da non disturbare.

Condizioni di partecipazione: La partecipazione è aperta a tutti i soci del Cesmi (quota associativa annuale euro 100,00) e comporta un contributo di euro 5,00 per ogni sessione (da versare di volta in volta all'ingresso del Cesmi).
E' possibile la partecipazione anche a persone interessate non iscritte al Cesmi: in questo caso la quota per ogni incontro è di euro 8,00.

Metodologia: Al termine di ogni sessione, la "comunità di ricerca" individua un interrogativo filosofico che la intriga (cos'è la coerenza etica? Sino a che punto si può rispettare la legalità? Che atteggiamento assumere nei confronti degli stranieri? ...) che sarà affrontato nell'incontro successivo. Il filosofo professionista non ha alcun ruolo 'magisteriale': deve solo moderare, o stimolare (secondo i casi), la riflessione personale e la interazione fra i partecipanti (preferenzialmente: cittadini che non si occupano per mestiere di filosofia).
Chiunque può chiedere, e ottenere, la parola. Purché intervenga con stile filosofico. Dunque con stile:
* spregiudicato. In filosofia non si può dare nulla per scontato: non si può presupporre che gli altri diano per ovvia qualche credenza (religiosa, morale, politica, scientifica o d'altro genere);
* dialettico. In filosofia si può sostenere qualsiasi tesi, purché non ci si limiti ad esternare stati d'animo soggettivi o slogan: occorre argomentare la propria opinione, "rendere ragione" di ciò che si sostiene;
* sincero. In filosofia la motivazione essenziale dovrebbe essere la passione per la verità: dialogando con gli altri si dovrebbe evitare di sostenere ciò di cui non si è intimamente convinti;
* amichevole. In filosofia non ci sono avversari, ma compagni di strada: non ha senso intervenire polemicamente, per difendere animatamente una propria 'posizione' o per imporla ad altri a scopi di proselitismo o di propaganda.

 

Incontri precedenti:


"Non è meglio evitare di cercare il senso della vita?"


"Perchè la Vita vuole vivere?"

" Chiedi e non ti sarà dato"

"Natura e cultura"

"La legge va osservata sempre e comunque?"

" Che significa volersi bene"

"Quali sono i limiti che impediscono di volersi bene?"

 

ELISABETH ROCHAT DE LA VALLEE A PALERMO!
 evento in città con la presenza di Elisabeth Rochat De La Vallèe che svolgerà il seminario su....
 

 

 

ASPETTI FISIOPAOLOGICI DELL'ESSER DONNA SECONDO LA MEDICINA TRADIZIONALE CINESE - Etiopatogenesi, diagnosi e percorsi terapeutici

Palermo 12-15 maggio 2010

Evento organizzato da Fondazione Pasqua 2000 con il patrocinio e la collaborazione di Ordine dei Medici di Palermo, Associazione Qi Palermo, World Medical Association of Acupuncture, CeSMI Palermo, Club Unesco Erice, Frangini snc, Hering Laboratori

12 maggio ore 17,30 Villa Magnisi Via R. da Partanna 22

Inaugurazione e presentazione del seminario

13 e 14 maggio ore 9,00 - 12,30 / 16,00 -19,00 Casa del Sorriso “Casa del Sorriso”, via Baronio Manfredi, 27 - Monreale Alta(PA)

ASPETTI FISIOPAOLOGICI DELL'ESSER DONNA SECONDO LA MEDICINA TRADIZIONALE CINESE E LA MEDICINA DI GENERE

15 maggio ore 9,00 -13,00 Casa del Sorriso Monreale

LA GUARIGIONE. DIALOGO TRA ELISABETH ROCHAT DE LA VALLEE E LIBORIO PALMERI SU PENSIERO TAOISTA E PENSIERO CRISTIANO A CONFRONTO.

Discussione, riflessioni e proposte

 

Il seminario di studio (con lezioni frontali, approfondimenti e confronto tra i partecipanti per un totale di 20 ore)., oltre che essere un’importante occasione di confronto interculturale, vuole essere l’inizio di un cammino di conoscenza e di approfondimento del pensiero cinese antico ai massimi livelli oggi possibili della sua trasmissione.

Il seminario è rivolto a tutti e, in particolare, a studenti, insegnanti, medici, psicologi, fisioterapisti e professionisti impegnati nell’approfondimento delle conoscenze psicosomatiche. A tutti verrà rilasciato un attestato di partecipazione.

Elisabeth Rochat De La Vallèe è docente di Filosofia Cinese alle Università di Parigi e Nantes, prima allieva e poi assistente del grande sinologo padre Claude Larre, gesuita, traduttore e commentatore dei testi antichi cinesi, con il quale ha fondato l’Istituto Ricci di Parigi,
attualmente considerata massima autorità scientifica nell’ambito filosofico della medicina tradizionale cinese (In lingua francese con traduzione di Dominique Ferraro, scrittrice e insegnante di ginnastiche mediche cinesi).

Coordinatori- Vincenzo Garraffa, medico agopuntore, è attualmente vice-presidente della World Medical Association of Acupuncture (WMAA) e del Club Unesco di Erice.
Anna Maria Grifo medico agopuntore, allieva del grande maestro vietnamita Nguyen Van Nghi.
Liborio Palmeri attualmente Vicario generale e Direttore dell’Ufficio per l’Educazione, la Scuola e l’Università della Diocesi di Trapani.
Giovanni Lentini medico chirurgo, agopuntore e ginecologo Associazione Qi, Palermo.

Prenotazioni e informazioni- Fondazione Pasqua2000 (segreteria generale)
Filippo Tilotta - Cell. 338.3914804 - Fax 0923.562411 scrivici@fondazionepasqua2000.it - www.fondazionepasqua2000.it
- Dr. Vincenzo Garaffa - Cell. 333.4583651
- Dr.ssa Anna Maria Grifo - Cell. 347.3359020

La quota di partecipazione al seminario ammonta a euro 160, comprensivi di colazione di lavoro, coffee-break e materiale didattico. A chi viene da fuori è offerta la possibilità di sistemazione logistica a costi contenuti (pasti e pernottamento) previ accordi con la segreteria della “Casa del Sorriso”, rivolgendosi al sig. Giuseppe Pitti, cell. 3453988644.

E' POSSIBILE PRENOTARSI ANCHE PRESSO IL CESMI " Cinema e psicoanalisi" Giov. 25/03 Prendimi l'anima, di R. Faenza, 2002
Descrizione breve GIOVEDI' 11/03/10 inizia un ciclo di incontri/dibattito su "Cinema e psicoanalisi"
Testo

Al CeSMI ogni II° e IV° giovedì del mese ore21, dal inizia un ciclo di incontri/dibattitisul tema"Cinema e psicoanalisi",
che comprende la visione di 4 film.

Ecco il calendario:


Giov. 11/03 Freud regia J. Houston 1962

Giov. 25/03 Prendimi l'anima, di R. Faenza, 2002

Giov 8/03La montagna sacra , di Jodorovsky, 1973

Giov 22/03 Nuda per Satana, di L. Batzella, 1974

l'ingresso è gratuito per i soci, per tutti gli altri
ci sarà una quota di 5 euro.

Mente e corpo nell'epoca dell'intelligenza artificiale:un intreccio inestricabile" 
Il Cesmi in collaborazione con la Scuola di formazione etico-politica "G. Falcone" di Palermo organizza un incontro dibattito con Alberto Giovanni Biuso

L'iniziativa è suggerita dalla pubblicazione dell'ultimo volume di A. G.Biuso filosofo:

"La mente temporale. Corpo Mondo Artificio", Carocci, Roma 2009, pp. 271,
euro 27,50.

L'appuntamento è per le ore 20,00 di sabato 13 marzo 2010 presso la nuova sede della Scuola di formazione etico-politica "G. Falcone" in via Principe Belmonte 47 (all'altezza della statua di Ignazio Florio).


PS: L'incontro inizierà puntualmente alle ore 20 e si concluderà alle 21,30.

Se qualcuno volesse prolungare la conversazione in trattoria dovrebbe prenotarsi
non più tardi di 48 ore prima presso Augusto Cavadi (acavadi@alice.it).

 



19 gennaio Cambiato il giorno degli incontri di" Filosofia per non filosofi"
Descrizione breve E' stata cambiata la serata del giovedi con quella del martedi in cui ci si incontra per filosofare tra non filosofi....
Testo

Culture della salute

E' stata cambiata la serata del giovedi con quella del martedi in cui ci si incontra per filosofare tra non filosofi!

19 GENNAIO 2010


"La legge va osservata sempre e comunque?"


conduce: Augusto Cavadi filosofo consulente "Phronesis"

 

Data: Ordinariamente il primo ed il terzo MARTEDI di ogni mese (tranne eccezioni che si comunicano alla fine dell'incontro precedente e sul sito del Cesmi: www.cesmipalermo.it).

Orario: La sessione di pratica filosofica inizia puntualmente alle 21,00 e termina alle 22,30.
Se non per motivi gravi ed eccezionali, si prega di arrivare fra le 20,45 e le 20,55 in modo da non disturbare.

Condizioni di partecipazione: La partecipazione è aperta a tutti i soci del Cesmi (quota associativa annuale euro 100,00) e comporta un contributo di euro 5,00 per ogni sessione (da versare di volta in volta all'ingresso del Cesmi).
E' possibile la partecipazione anche a persone interessate non iscritte al Cesmi: in questo caso la quota per ogni incontro è di euro 8,00.

Metodologia: Al termine di ogni sessione, la "comunità di ricerca" individua un interrogativo filosofico che la intriga (cos'è la coerenza etica? Sino a che punto si può rispettare la legalità? Che atteggiamento assumere nei confronti degli stranieri? ...) che sarà affrontato nell'incontro successivo. Il filosofo professionista non ha alcun ruolo 'magisteriale': deve solo moderare, o stimolare (secondo i casi), la riflessione personale e la interazione fra i partecipanti (preferenzialmente: cittadini che non si occupano per mestiere di filosofia).
Chiunque può chiedere, e ottenere, la parola. Purché intervenga con stile filosofico. Dunque con stile:
* spregiudicato. In filosofia non si può dare nulla per scontato: non si può presupporre che gli altri diano per ovvia qualche credenza (religiosa, morale, politica, scientifica o d'altro genere);
* dialettico. In filosofia si può sostenere qualsiasi tesi, purché non ci si limiti ad esternare stati d'animo soggettivi o slogan: occorre argomentare la propria opinione, "rendere ragione" di ciò che si sostiene;
* sincero. In filosofia la motivazione essenziale dovrebbe essere la passione per la verità: dialogando con gli altri si dovrebbe evitare di sostenere ciò di cui non si è intimamente convinti;
* amichevole. In filosofia non ci sono avversari, ma compagni di strada: non ha senso intervenire polemicamente, per difendere animatamente una propria 'posizione' o per imporla ad altri a scopi di proselitismo o di propaganda.

 

Incontri precedenti:


"Non è meglio evitare di cercare il senso della vita?"


"Perchè la Vita vuole vivere?"

" Chiedi e non ti sarà dato"

"Natura e cultura"

Dal 7 gennaio ore 20,30 iniziano gli incontri dei soci a cui è possibile aggregarsi ....


AugurandoVi un Felice Anno Nuovo ricordiamo che il

7 gennaio 2010 ore 20,30

si svolgeranno gli "incontri dei soci" con cocktail e proiezione di filmati proposti dal socio Antonio Vadalà.

Gli incontri si svolgeranno il secondo giovedi del mese, tranne eccezioni che saranno comunicate agli interessati o che troverete sul sito.

Ogni socio può invitare altre persone.... possibili futuri soci che contribuiranno alla serata con euro 5!

Vi aspettiamo numerosi!
Buon Anno dal CeSMI!

 

7 gennaio: "Anam, il Senza Nome"
"Anam" l' ultima intervista a Tiziano Terzani prima della sua morte.

 

11 Febbraio: "Samsara", del 2002, del regista Pan Nalin.
"Samsara" il mondo, anzi la strada che s' intraprende per conoscere
il mondo. Una carovana di lama, condotta da Apo, vecchio e saggio
monaco buddista,va a prendere Tashi, che per tre anni, tre mesi, tre
settimane, tre giorni, rimasto in meditazione solitaria in un luogo
inaccessibile. Il giovane Tashi alla ricerca della illuminazione
spirituale, ma l' incontro con la bellissima Pema risveglia i suoi più
intimi desideri sessuali.

 

11 Marzo: "Primavera, Estate, Autunno, Inverno.... e ancora Primavera, del 2003,
del regista regista coreano Kim Ki - Duk
E' ambientato in un eremo buddista al centro di un lago, in una
foresta incontaminata. Racconta la vita di un monaco buddista
attraverso le stagioni della sua vita.

Abstracts/relazioni del I° Convegno Nazionale “Medicina non convenzionale (MnC) in Dermatologia” Approcci diagnostico-terapeutici a confronto per una medicina integrata centrata sulla persona
 Pubblichianmo gli abstracts o le relazioni pervenute dei relatori del I° Convegno Nazionale di MNc in Dermatologia che ha riscosso grande successo tra i partecipanti medici e farmacisti
 

 

 

 

 

Centro studi di Medicina Integrata Palermo - Clinica Dermatologica Università di Palermo


Palermo 24 ottobre 2009
Aula Ascoli Policlinico P. Giaccone Palermo

Patrocinio
Ordine dei Medici di Palermo
Comitato Permanente di Consenso per le medicine non convenzionali in Italia
Associazione per la medicina centrata sulla persona

Programma

Moderatori: M. Aricò, A. Ronchi

ore 9,00 Saluto ed inaugurazione M. Aricò, G. Pravatà

ore 9,15 La dermatologia e la globalizzazione, M. Aricò

ore 9,35 La dermatologia e le ragioni culturali delle strategie terapeutiche,
M. R. Bongiorno

ore 9,55 Psoriasi e la visione olistica dell’omeopatia, S. Amato

ore 10,15 La medicina non convenzionale in Italia: stato dell’arte, A. Ronchi

ore 10,35 Medicina non convenzionale in dermatologia G. Pravatà

ore 10,55 Principi dell’omotossicologia: applicazioni in dermatologia, E. Damiani

ore 11,15 Leggi fondamentali dell’omeopatia V. Sbacchi

ore 11,35 Coffee Break

ore 11,55 L’utilizzo della medicina omeopatica in dermatologia A. Avolio
ore 12,15 Approccio omeopatico ad un caso di dermatite atopica, G. Marinelli
ore 12,35 La ricerca omeopatica sperimentale, G. Arena

ore 13,00 Impiego dei farmaci antroposofici in dermatologia, R. Nocifora

ore 13,30 Pausa pranzo

Moderatori: C. Di Stanislao, G. Pravatà

ore 15,00 La fitoterapia in dermatologia, F. Firenzuoli

ore 15,20 Approccio " integrato " alle condilomatosi genitali, G. Scaglione

ore 15,40 Basi teoriche della medicina ayurvedica: applicazioni in dermatologia, G. Sartori

ore 16,00 Dermatologia: esperienze in Medicina Cinese, C. Di Stanislao

ore 16,20 "Vento nascosto e Vento manifesto” ovvero origine, manifestazione e cura dell'Orticaria secondo la MTC, V. Garraffa

ore 16,40 Trattamento combinato di agopuntura e infiltrazioni nelle nevralgie posterpetiche, V. Marino

ore 17,00 “Xie qi” (energie perverse interne) e dermatosi: è sufficiente il trattamento con agopuntura? G. Pravatà

ore 17,20 Dermatologia psicosomatica o l’etica dell’ascolto, R. Bassi

ore 17,40 Psicodramma individuativo ed arteterapia: ipotesi di intervento nell’approccio integrato al paziente dermatologico, R. Billeci

ore 18,00 Un’occasione per la ricerca in Italia: Studio delle proprietà antitumorali di derivati metallici ed organometallici di porfirine in cellule di melanoma, M.A. Costa, L. Pellerito

ore 18,20 Questions time (tutti i relatori)

ore 18,40 Conclusione

 

La dermatologia e la globalizzazione
Mario Aricò
direttore UO Clinica Dermatologica, Università degli Studi di Palermo


I cambiamenti socio-demografici avvenuti in Italia negli ultimi anni, generati dall’incremento e dalla stabilizzazione dei flussi migratori, da paese di emigranti è divenuto paese di immigrazione e punto di approdo scelto da centinaia di migliaia di persone alla ricerca di migliori condizioni di vita.
Il medico è chiamato a dedicare una costante e profonda attenzione agli aspetti umani della salute e della malattia e ad affrontare i problemi medici a cui si aggiungono difficoltà legate all’interculturalità, cioè alla grande diversità nella connotazione culturale del rapporto con il proprio corpo, della malattia, delle sue manifestazioni agli altri e della cura; al necessario confronto fra la medicina occidentale e le diverse medicine non tradizionali.
Il dermatologo sempre più di frequente si trova di fronte a pazienti che richiedono metodiche diagnostico-terapeutiche non convenzionali, in alternativa o in associazione alla medicina scientifica ufficiale oppure dopo aver provato per la stessa dermopatia una terapia con farmaci convenzionali. La possibilità di integrazione ha come premessa indispensabile una rivalutazione critica delle conoscenze attualmente disponibili sull’effettiva efficacia terapeutica delle metodiche non convenzionali in ambito dermatologico. E’ auspicabile un approfondimento della ricerca in tale specifico settore, nel rispetto e nella tolleranza indispensabili in una società multietnica.

La dermatologia e le ragioni culturali delle strategie terapeutiche
Maria Rita Bongiorno
professore associato Cattedra di Dermatologia-Unità Operativa Complessa di Dermatologia e MTS
Università degli Studi di Palermo


L'Italia sta diventando un paese multietnico. La multiculturalità è da considerarsi un valore anche nella promozione della salute e di conseguenza nella gestione di esseri umani con culture, problematiche, usanze ed atteggiamenti relazionali diversi. Lo scambio interculturale fa si che un numero crescente di pazienti preferisce rivolgersi alle medicine non convenzionali, talvolta poco conosciute, piuttosto che utilizzare gli strumenti terapeutici e i rimedi della medicina convenzionale (o ufficiale).
Nei confronti delle medicine alternative e delle pratiche mediche non convenzionali vi è sovente, anche in ambito medico, un atteggiamento ambivalente: da un lato si assume un atteggiamento di rifiuto aprioristico, pregiudiziale, non aperto al confronto; dall’altro vi è un’accettazione acritica, quasi fideistica di queste pratiche.
Entrambi sono atteggiamenti errati, dettati da un’arroganza culturale che mal si concilia con l’esigenza di chi aspira ad avvicinarsi il più possibile alla comprensione del vero.
In ambito dermatologico sono state proposte diverse metodiche di terapia alternativa, ma i risultati della ricerca scientifica sulla loro efficacia spesso appaiano contraddittori ed il meccanismo d’azione, gli effetti collaterali a breve e a lungo termine e la tossicità sono ancora in gran parte sconosciuti. Inoltre, non vi sono dati definitivi riguardo al rapporto costo-efficacia di tali terapie dal momento che non sono state effettuate valutazioni che paragonano la spesa in farmaci omeopatici e convenzionali. Appare, quindi, indispensabile un confronto scientifico al fine di consentire una migliore comprensione della funzione e dell’uso di tali terapie.

Psoriasi e la visione olistica dell’omeopatia
Salvatore Amato,presidente Ordine dei Medici Palermo, direttore U.O.Dermatologia e MTS ARNAS, Palermo

La “psoriasi “ è stata definita la principale delle dermatosi psicosomatiche, in quanto l’andamento della patologia è influenzata dalla sfera psico-affettiva del paziente. Nei mesi estivi il miglioramento sembra essere dovuto sia all’effetto cheratoregolatore di alcuni sali presenti nell’acqua marina ed alle radiazioni ionizzanti del sole ma anche all’importante quota di benessere psicofisico di una serena vacanza estiva.
Tra le cause della psoriasi rivestono un ruolo importante sia la predisposizione genetica, sia alcuni fattori ambientali e di stili di vita come l’alcool, il fumo, i farmaci e soprattutto lo stress emotivo. Inoltre, tra gli individui predisposti, ci sarebbe una associazione tra alcuni tratti del carattere (personalità ossessivo compulsiva, personalità narcisistica) e la patologia in questione. George Engel, famoso medico che si è occupato nel corso della sua carriera di disturbi psicosomatici, nel 1977 ha formulato un modello teorico in cui veniva affermato che la malattia e salute dell’individuo sono determinate e condizionate da tre componenti fondamentali : biologica, psicologica e sociale. Nella psoriasi è stata dimostrato che stili di vita stressanti o eventi di vita dolorosi esercitano un ruolo nello scatenare o aggravare la malattia. I più frequenti problemi nei pazienti psoriasici sono : problemi della propria immagine corporea, bassa autostima, vergogna, imbarazzo, sensazione di essere stigmatizzati e continua anticipazione di quello che potrà essere il giudizio di altri.
Il medico omeopatico con la sua visione olistica, meglio di altri può intervenire sia durante la raccolta dell’anamnesi che con la terapia, individuando la cd costituzione
( psorinum o sulfur )

La medicina non convenzionale in Italia: stato dell’arte
Antonella Ronchi, Presidente Federazione Italiana delle Associazioni e dei Medici Omeopati-FIAMO e Coordinatrice del Comitato Permanente di Consenso per le Medicine non Convenzionali in Italia

Partendo dalla domanda di MnC da parte dei cittadini verranno definiti i differenti approcci, verrà esaminato il ruolo dei sistemi politici nazionale e regionale e degli ordini professionali nel processo di regolamentazione di tali medicine. Si accennerà inoltre alle problematiche etiche e medico legali ad esse correlate, nell’ottica di un pluralismo sanitario che sia frutto di un processo di integrazione rispettoso dei singoli paradigmi e che concorra alla costruzione di una medicina davvero centrata sulla persona.

Medicina non convenzionale in dermatologia

Gabriella Pravatà dermatologa, master universitario di II livello in agopuntura e medicina tradizionale cinese, presidente Centro studi di medicina integrata (CeSMI), Palermo

Riporto i dati recenti dell’uso di Medicina non convenzionale, meglio conosciuta nel linguaggio internazionale con l’acronimo CAM “Complementary and Alternative Medicine”. Il tasso di prevalenza d’uso di CAM è del 62% in USA, seguito dal 49% in Australia e Francia, sino a giungere al tasso più basso del 23,4% nel 2008 in Italia. La Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri (FNOMCeO) italiana in seguito alla pietra miliare nel settore delle CAM che è il “documento di Terni del 2002”, riconosce nove CAM: agopuntura, medicina tradizionale cinese, omeopatia, medicina ayurvedica, medicina antroposofica, fitoterapia, omotossicologia, chiropratica, osteopatia.
Nell’ambito dermatologico i principali databases scientifici (PuBMed- The Cochrane Library) riportano diversi studi clinici, trials, case reports, full text, abstracts, citazioni, sull’uso di sette CAM in dermatologia (ho escluso dalla ricerca l’osteopatia e la chiropratica) con un numero di voci di gran lunga inferiori ( 2710 voci) rispetto alle voci relative alla dermatologia che fa riferimento al modello biomedico (832.556 voci), ed a quelle relative alle varie CAM in altre branche della medicina (48.707 voci).
Le patologie dermatologiche che hanno fatto uso di CAM e che compaiono più frequentemente sono in prevalenza croniche: orticaria, acne polimorfa, dermatite atopica, prurito sine materia, psoriasi, herpes zoster e nevralgia posterpetica, eczema e neurodermite, sindrome di Melkersson- Rosenthal, vulvodinia, cheloidi postchirurgici, sclerodermia, rinofima, alopecia areata ed androgenetica, rosacea, patologie seborroiche non ben specificate.
Gli articoli più numerosi sono relativi all’uso dell’agopuntura in pazienti affetti da varie patologie dermatologiche e studi molto interessanti si riferiscono all’acne polimorfa con ottimi risultati attraverso l’uso di agopuntura e moxibustione (una tecnica della medicina tradizionale cinese che utilizza artemisia essiccata composta a forma di sigaro che emana, dopo accensione, calore a temperatura costante); nella psoriasi con dati controversi; nell’eritrodermia psoriasica con ottimi risultati in pazienti resistenti alle classiche terapie convenzionali; nell’orticaria acuta con il 90% di efficacia, ma anche nell’orticaria cronica, nell’herpes zoster e nella nevralgia posterpetica. L’agopuntura è stata inoltre utilizzata in varicella, herpes simplex, impetigo, vitiligine, tinea, lupus eritematoso sistemico, cloasma. Innovativo è un trial aperto che si sta conducendo a Siviglia sull’efficacia dell’agopuntura nel trattamento delle ulcere venose degli arti inferiori, con modesto bendaggio delle lesioni, rispetto all’efficacia del bendaggio compressivo multistrato valutando anche i costi sanitari.
La fitoterapia occupa il secondo posto in letteratura per il suo uso in dermatologia, ed un recentissimo studio in pazienti con psoriasi rivela l’efficacia dell’indigo naturalis, dimostrando l’azione inibitrice della proliferazione e di promozione della differenziazione dei cheratinociti dopo applicazione topica del fitoterapico per 12 settimane; l’effetto inibitorio Ginko Biloba e , l’epigallocatechina-3-gallate (té verde) su VEGF (vascular endothelial growth factor), e CXCL8/IL-8 in cheratinociti attivati da TNFalpha e quindi la sua possibile applicazione in patologie cutanee associate ad angiogenesi; valutata l’efficacia maggiore della monoterapia orale di Ginkgo biloba e Vitamina E rispetto a L-phenylalanine, cobalamina e acido folico nel trattamento di vitiligine associata a fototerapia; l’effetto antiparassitario di Chenopodium ambrosioides su Leishmania amazonensis pari al Glucantime e Pentamidine senza tossicità.
Le erbe cinesi Zengse Pills usate in pazienti con vitiligine e stasi di Qi e Xue (sindrome clinica di medicina tradizionale cinese indice di squilibrio di Yin-Yang) dimostrano l’effetto di regolazione immunitaria per aumento di CD4, del rapporto CD4/CD8, diminuzione di CD8.
L’omeopatia segue al terzo posto negli articoli indicizzati della letteratura scientifica in dermatologia ad es. con lo studio multicentrico osservazionale (45 medici) e follow up di 2anni in pazienti con psoriasi, per valutare gli effetti in dettaglio della terapia omeopatica in 82 pz, trattati per 10 anni prima con farmaci di sintesi: la valutatizione di questonari standard, diagnosi omeopatica, severità, qualità di vita (QoL), storia medica, consultazioni, trattamenti ed uso di altri servizi di salute, ha rilevato un netto miglioramento nella diagnosi omopatica e severità di manifestazioni cliniche (Cohen's d= 1.02-2.09), con netto miglioramento di QoL ; altri studi mostrano la validità dell’omeopatia con miglioramento relativo alla malattia cutanea, e miglioramento generale insieme a qualità di vita e relazione interpersonale in pazienti con dermatite atopica, eczema, acne, orticaria cronica, alopecia universale che ricevevano terapia omeopatica in aggiunta alla convenzionale da 3 mesi a 2,7 anni.
Utili le potenziali applicazioni delle proprietà chemiopreventive della frazione flavonoidi di Saraca asoka (Family - Caesalpiniaceae) usata nella tradizione Ayurvedica, per la significante riduzione del numero di tumori cutanei indotti sperimentalmente con dimethyl benz(a)antracene e croton oil; il conosciuto effetto antinfiammatorio, cicatrizzante e disfunzioni epatiche del turmeric (rizoma di Curcuma longa), pigmento spezia usato in alimentazione ed in Ayurvedica, Unani e Medicina Cinese, ha mostrato anche l’effetto di prevenzione cutaneo di danno indotto da UVB in modello murino, con prevenzione dell’ispessimento cutaneo e l’ipoelastcità della cute irradiata da UVB.
Di grande impatto sociale gli studi olandesi rispettivamente: 1) studio sulla netta diminuzione della prevalenza di atopia su 295 bambini età 5–13 anni frequentanti la scuola antroposofica (Steiner) di Stoccolma, comparato a 380 bambini della stessa età di 2 scuole vicine. Indagate storia di atopia, malattie infettive, uso di antibiotici e vaccinazioni, variabili sociali ed ambientali. Le persone che seguono uno stile di vita secondo l’antroposofia usano meno antibiotici, meno vaccinazioni, più vegetali, cereali, cibi fermentati (lattobacilli) rispetto ai bambini di controllo; 2) studio di coorte alla nascita per identificare i fattori che influenzano l’espressione clinica della malattia atopica in 957 neonati nati da donne che seguivano lo stile di vita antroposofico, con i risultati che le modificazioni della microflora intestinale dovuti a stile di vita, possono essere coinvolti nello sviluppo della malattia atopica (E coli associato con eczema, Clostridium difficile associato con l’atopia)
Per ultimo l’omotossicologia, la più recente tra le CAM nel mondo, mostra l’effetto inibitorio dose-dipendente di 11 estratti di piante, componenti di alcuni rimedi omotossicologici, sulla proliferazione cellulare indicando che essi possono modulare la composizione della matrice extracellulare attraverso l’effetto inibitorio sullo sviluppo cellulare dei fibroblasti; uno studio italiano su 108 pazienti affetti da orticaria cronica, rivela che il 65% dei soggetti ha beneficiato dalla sola terapia biologica, il 19% ha fatto uso combinato di terapia convenzionale e terapia biologica, il 7% drop-out dopo 2 mesi imputabile, in parte, all’impazienza nell’accettazione dei tempi non rapidi di cui spesso necessita la vicariazione regressiva tipica dell’omeotossicologia. Lo studio sottolinea anche l’ottima la sinergia tra dermatologo ed omotossicologo.
Concludo con la segnalazione degli studi che riportano gli effetti collaterali delle CAM in numero alquanto minore (374 voci), rispetto alle ben più numerose reazioni avverse di farmaci di sintesi (353.996 voci). Interessante è l’osservazione italiana di 5 anni, coordinata da IRCCS, relativa ai 16 casi di reazioni allergiche in ambito dermatologico e respiratorio da Propolis usato per dermatiti, laringite, afte e gli AA suggeriscono la necessità di maggiore informazione nei consumatori e medici, evitandone l’uso nei pazienti con diatesi allergica; 12 casi di reazioni avverse di cui 9 con rimedi Ayurvedici e 3 con rimedi omeopatici con un 58.3% in ambito cutaneo di grado da moderato a severo in un ospedale del sud India e si sottolinea l’importanza della segnalazione spontanea di reazioni avverse; uno studio dell’ Università di Bari segnala dermatite da contatto, orticaria, angioedema, eruzioni maculopapulose, fotosensibilità, s. Stevens-Johnson con l’uso di propolis, olii per aromaterapia, fotosensibilizzanti, composti contenenti metalli; interferenze con chemioterapici sono riportate con erbe anticancro: kava-kava, vitamina E, quercetina, ginseng, garlic, beta-carotene, echinacea a gli AA stimolano nuove ricerche per prevenire il fallimento terapeutico e la tossicità.
Infine l’uso maldestro di agopuntura può dar luogo ad infezioni cutanee locali, pericondrite, sindrome vaso-vagale, endocarditi, lesioni midollari, pneumotorace, tromboflebiti, epatite B. Le segnalazioni di reazioni avverse cutanee con agopuntura sono relative a micobatteriosi atipica non tubercolare (32 casi registrati a Toronto tra aprile e dicembre del 2002), basalioma superficiale dopo cauterizzazione da moxa, dermatofibroma gigante in una donna coreana sottoposta a multipli trattamenti con agopuntura con veleno di api (tecnica non in uso in occidente), panniculite faciale in 2 giovani donne indotta da elettroagopuntura, argiria cutanea localizzata in paziente con storia di melanoma.
Principi dell’omotossicologia: applicazioni in dermatologia
E. Damiani chirurgo generale e toracico, master in Chirurgia e Medicina Estetica, Medicina ortomolecolare, Palermo
Leggi Fondamentali dell’Omeopatia
Vincenzo Sbacchi, medico omeopata psicosomatista, CeSMI, Palermo
La terapia omeopatica fu fondata in Germania nel 1796 dal geniale medico sassone
Dr. Samuel Hahnemann


Dr. Samuel Hahnemann 1755-1843
Medico Fondatore dell’Omeopatia

Essa si basa sulla prescrizione d’un medicamento in genere di origine vegetale, minerale od animale la cui azione sull’organismo degli esseri viventi è nota attraverso la sperimentazione del medicinale stesso su soggetti volontari sani nei quali crea una serie di sintomi d’interesse psicologico, generale e fisico: è ciò che in omeopatia si definisce tecnicamente patogenesi medicamentosa.
Quando l’insieme di quegli stessi sintomi è presente in un paziente bisogna quindi somministrargli il rimedio (medicinale) che in un soggetto sperimentatore sano li ha prodotti: è questa la prima legge dell’omeopatia, la legge dei simili che adesso esaminiamo

Legge dei simili

Qualsiasi sostanza che, nella sua sperimentazione su un soggetto sano, abbia provocato una serie di sintomi, sarà in grado di curare quegli stessi sintomi in un soggetto malato.
In parole semplici un malato guarisce dai suoi disturbi usando un prodotto che in un
individuo sano, al contrario, li causa.
Hahnemann ebbe la prima intuizione circa l’esistenza della legge dei simili in ambito terapeutico nel 1790 quando, durante il lavoro di traduzione della Materia Medica del
Dr. Cullen dall’inglese al tedesco, s’accorse d’una apparente contraddizione presente nel testo riguardante la capacità del chinino di provocare una febbre simile a quella per la quale era prescritto cioè la febbre intermittente caratteristica della malaria e ciò lo incuriosì al punto tale da sperimentare su se stesso l’effetto della corteccia di china provocando così nel suo organismo l’insorgenza di sintomi simili a quelli della malaria.
Scrive testualmente Hahnemann:”Per fare un esperimento presi, due volte al giorno,
quattro dracme ( di chinino) di buona qualità.
All’inizio i piedi e la punta delle dita mi diventarono freddi, divenni fiacco ed assonnato, poi il mio cuore cominciò a palpitare e il mio polso divenne lento e teso, sperimentai un’ansia insopportabile, tremore, spossatezza in tutte le membra, pulsazioni
nel capo, rossore sulle guance, sete; in breve comparvero tutti i sintomi che sono caratteristici della febbre intermittente, uno dopo l’altro.”
Hahnemann iniziò così ad elaborare una serie di riflessioni sul fatto che il potere curativo dei medicamenti consiste nella loro capacità di produrre in uomini sani sintomi simili a quelli che curano nei malati per cui condusse una lunga serie di sperimentazioni su di sé e su suoi familiari ed amici utilizzando numerose altre sostanze ed ottenne puntuali conferme alla sua teoria.
Nel 1796, dopo lunghi, accurati ed incessanti studi, egli pubblicò il suo “ Saggio su un nuovo principio per scoprire le virtù curative delle sostanze medicinali” ed è con questo lavoro che sancì la nascita dell’omeopatia.
Hahnemann fu quindi, in senso assoluto, il primo, vero, grande sperimentatore nella storia della medicina; la sperimentazione sull’uomo sano, vera pietra angolare della terapia omeopatica, fu una vera e propria rivoluzione copernicana nel pensiero medico occidentale la cui importanza è brillantemente espressa dalle seguenti parole dello stesso Hahnemann:“ Per guarire radicalmente certe affezioni croniche si devono cercare dei rimedi che provochino ordinariamente nell’organismo umano una malattia simile e la più simile che sia possibile ”.
Similia similibus curentur ( I simili si curino con i simili ) è la celebre frase coniata da
Hahnemann nel riferirsi all’arte del guarire ch’egli definisce omeopatia,
sostantivo da lui stesso ideato e proveniente dalla fusione delle due parole greche
òmoios=simile e pàthos=sofferenza.
Samuel Hahnemann chiamò Organon la sua opera più nota, edita in sei diverse edizioni, ispirandosi per il titolo al Novum Organon di Francesco Bacone scritto da quest’ultimo con intenzione polemica nei confronti del sapere e della logica tradizionali contenuti nell’Organon di Aristotele.
Nell’Organon è presente un’esposizione dottrinaria con una filosofia medica che non si riallaccia ad ipotesi destinate ad essere sorpassate nel corso del tempo per cui i suoi contenuti sono validi a tutt’oggi a distanza di più di due secoli.
Quest’opera è il frutto della rigida osservazione dei fenomeni della natura avulsa da caduche interpretazioni.

Il rimedio omeopatico agisce sugli esseri viventi (esiste anche l’omeopatia veterinaria) stimolando le forze di autoguarigione insite in loro.

L’organismo malato riceve un’informazione in merito alle strategie da adottare per guarire e si libera dai problemi ripristinando l’equilibrio perduto mediante il suo guaritore interno, cioè grazie alle sue stesse risorse.
L’omeopatia, così come, ad esempio, l’agopuntura e la medicina ayurvedica indiana, appartiene al novero delle “medicine energetiche” ossia a quelle discipline terapeutiche che guariscono attraverso un’azione riequilibratrice sulla energia vitale presente in ogni essere vivente.

L’energia vitale è il centro direttivo dello svolgersi dei complessi fenomeni
psico-biologici dell’esistenza.

Samuel Hahnemann scrive al paragrafo 9 della sesta edizione dell’Organon : “Nello stato di salute dell’uomo la forza vitale, vivificatrice e misteriosa, domina in modo assoluto e dinamico (=autocrazia) il corpo materiale (=organismo) e tiene tutte le sue parti in meravigliosa attività armonica di sensi ed attività, in modo che il nostro intelletto ragionevole si possa servire liberamente di questo strumento sano e vitale per gli scopi superiori della nostra esistenza.”
Al paragrafo 11 Hahnemann dice: “Quando l’uomo ammala, dapprincipio è perturbata soltanto questa forza vitale (principio vitale) –indipendente e presente ovunque nell’organismo ed immateriale – dall’azione, nemica alla vita e dinamica, di qualche agente patogeno. Unicamente questa potenza, per sé invisibile e riconoscibile solo nelle sue manifestazioni, nell’organismo mette in evidenza la sua perturbazione morbosa sotto forma di malattia nei sentimenti ed attività – l’unica parte dell’organismo aperta ai sensi dell’osservatore e del medico- rilevabile dai sintomi del male e da null’altro.”
Al paragrafo 12 Hahnemann sostiene in modo chiaro che “ Unica la forza vitale morbosamente perturbata provoca le malattie, in modo che le manifestazioni di malattia percepibili dai nostri sensi, come pure tutte le alterazioni interne, esprimono la perturbazione totale morbosa del principio dinamico interno e rappresentano tutta la malattia … ”
Scrive Hahnemann al paragrafo 15 dell’Organon:” Nell’interno invisibile del nostro organismo i disturbi della dynamis (forza) – energia vitale che anima il nostro corpo e la cui armonia è stata sconvolta – e l’insieme dei sintomi percettibili dai nostri sensi – provocati da questo disturbo della dynamis – i quali sono la manifestazione dell’effettiva malattia, sono una cosa sola e costituiscono un sintomo unico…”
e, al paragrafo 16, “ La nostra forza vitale, quale principio spirituale dinamico, non può venire aggredita ed intaccata da agenti nocivi all’organismo sano a mezzo di potenze nemiche (che disturbano dal mondo esterno l’equilibrio della vita) se non per via dinamica. Tutte le alterazioni morbose -malattie- non possono essere rimosse dal medico in alcun modo se non con la forza dinamica virtuale dei rimedi agenti sulla nostra forza spirituale vitale a mezzo della sensibilità nervosa dovunque presente nell’organismo. ”
Le “sostanze dotate di forze modificatrici” in oggetto sono i medicamenti omeopatici tecnicamente definiti rimedi opportunamente diluiti e dinamizzati.

Legge della diluizione e dinamizzazione

Hahnemann, in un primo momento, utilizzò i rimedi ad un dosaggio ponderale e rispettando il principio di similitudine: spessissimo accadeva che l’effetto primario del rimedio provocava un aggravamento di tutti i sintomi sul malato.
Per questo motivo, progressivamente, egli incominciò a ridurre la quantità di sostanza
somministrata fino a renderla imponderabile.
Scoprì che diluendo progressivamente le sostanze si riducevano gli effetti tossici e soprattutto anche quelli terapeutici ma quest’ultimo fenomeno non accadeva se le soluzioni venivano sottoposte ad energiche scosse, nel tentativo di ottenere una buona miscelazione tra solvente e soluto; addirittura dopo il processo di diluizione e di succussione aumentava l’effetto terapeutico.
Al paragrafo 269 della sesta edizione dell’Organon Hahnemann scrive:
”L’omeopatia sviluppa, per il raggiungimento dei propri fini, le energie terapeutiche, interne e quasi spirituali delle sostanze grezze, mediante un trattamento speciale, finora non usato; e le sviluppa ad un grado altissimo, di modo che esse diventano assai attive, giovevoli e di azione assai profonda. Diventano tali perfino quelle che allo stato greggio non manifestano sul corpo umano alcuna azione. Questa meravigliosa trasformazione delle qualità di sostanze naturali, mediante un’azione meccanica, che agisce sulle loro particelle più piccole a mezzo della triturazione e succussione (mentre esse con l’interposizione di una sostanza indifferente, sia allo stato solido che liquido, rimangono separate tra loro) sviluppa energie prima non palesi, latenti, dinamiche, che agiscono soprattutto sul principio vitale e sullo stato di salute della vita animale. Questo procedimento si denomina dinamizzare, potentizzare ed i suoi prodotti dinamizzazione o potenze nei vari gradi.”
Esistono varie metodologie di potentizzazione dei rimedi omeopatici ma in questa sede mi limiterò a fare una breve descrizione della scala di diluizione e dinamizzazione
centesimale hahnemanniana, la più famosa, definita con l’acronimo CH o, più semplicemente, C.
Il procedimento di preparazione d’una CH consiste nel prendere una parte in peso della tintura madre (la sostanza originaria del prodotto) ed aggiungendola ad un flacone contenente in genere novantanove parti in volume di alcool a 70° si ottiene la diluizione; agitando poi il flacone imprimendogli un numero di scosse che nella quinta edizione dell’Organon Hahnemann fissa in numero di due si realizza la dinamizzazione ed avremo così, al termine del procedimento, la prima diluizione e dinamizzazione centesimale hahnemanniana, la potenza 1 CH.
Volendo continuare ad attenuare il medicinale si preleva dalla 1 CH una parte in peso che viene aggiunta ad altre novantanove parti in volume di alcool a 70°, si continua nel modo già descritto e si ottiene la seconda diluizione e dinamizzazione centesimale hahnemanniana (2 CH) e si seguita così per ulteriori preparazioni.


Schema di preparazione d’un rimedio omeopatico secondo la scala C


Legge della sperimentazione dei rimedi sull’uomo sano

Le sperimentazioni rappresentano i pilastri su cui poggia la pratica omeopatica.
La necessità di sperimentare i rimedi su un uomo sano per poterne definire meglio le proprietà curative, è stata, come prima detto, la grande intuizione di Hahnemann.
Per condurre le sperimentazioni su individui sani, tecnicamente definite provings, vengono utilizzate le sostanze potentizzate alla 30 CH : attraverso tale procedimento si registrano, seguendo un protocollo abbastanza rigido, i sintomi d’ordine psicologico, generale e fisico che un rimedio produce su di un gruppo di volontari esenti da patologie.
I provings forniscono dunque un quadro psicofisico del rimedio analizzato che potrà essere prescritto al paziente che a sua volta accusi quegli stessi sintomi.
Scrive Hahnemann al paragrafo19 della sesta edizione dell’Organon:
“…i medicamenti non potrebbero in alcun modo guarire le malattie, se non possedessero la
facoltà di modificare lo stato dell’uomo nei suoi sentimenti ed attività ed anzi unicamente in questa proprietà è riposta la loro forza di guarigione”
e, al paragrafo 107 egli dice:
“Se a scopo di ricerca, si somministrano rimedi solo a persona malata, sia pure in modo semplice e uno per volta, non si vede nulla o poco di preciso nei riguardi della loro azione pura, perché le alterazioni da aspettarsi, specie dello stato di salute, sono combinate con i sintomi della malattia naturale presente”.

L’Omeopatia è stata dunque costruita su solide basi sperimentali.
La maggior parte dei rimedi utilizzati per la terapia è stata sperimentata su gruppi di volontari sani.

Legge dell’individualizzazione morbosa e medicamentosa.

In Omeopatia l’individuo viene considerato come un tutto integrato, quindi mente e soma sono parti inscindibili dell’essere vivente.
Questa visione unitaria trae origine da una impostazione filosofica di tipo aristotelico-tomista
Il principio di individualità morbosa e quello di individualità medicamentosa, in omeopatia, sono alla base della corretta scelta del rimedio.

Individualizzazione morbosa

L’Omeopatia considera l’Uomo nella sua totalità di mente e corpo e quindi individualizza la terapia in relazione alla capacità reattiva dell’organismo “in toto”.
“…per guarire il secondo la legge dei simili devonsi tenere presenti in modo particolare e quasi esclusivo, i sintomi più salienti, quelli particolari, quelli non comuni, quelli caratteristici della malattia” (Organon, par.153)

 

Individualizzazione medicamentosa

Come abbiamo visto parlando dei provings ogni sostanza proveniente dai regni della natura sottoposta a sperimentazione su volontari sani mostra di possedere un potere curativo specifico che la fa riconoscere come un elemento perfettamente definito da se stesso e in se stesso.

Quadro sinottico di Arsenicum Album identificabile nella sperimentazione e nel paziente

• Ansia con estrema agitazione specie di notte dopo mezzanotte con enorme paura della morte
• Debolezza estrema
• Freddolosità intensa migliorata dal caldo ma con bisogno d’aria fresca
• Dolori brucianti migliorati dal calore
• Sete intensa di piccole quantità d’acqua fredda
• Vomito dopo mangiato o bevuto accompagnato da diarrea e sfinimento
• Prurito notturno su pelle secca e squamosa

Ogni sostanza, quindi, possiede una propria individualità medicamentosa agendo esclusivamente secondo l’informazione propria che porta dentro di sé.
Un rimedio si diversifica da un altro in base a specifiche peculiarità (individualità medicamentosa) che sono le stesse che deve presentare il paziente perché glielo si possa prescrivere (individualità morbosa).
In parole semplici le caratteristiche del paziente devono coincidere con quelle del rimedio desunte dalla sperimentazione.
La legge omeopatica della individualità morbosa e medicamentosa prevede dunque che due individui sofferenti, clinicamente affetti dalla stessa malattia, possano essere rispettivamente guariti da due rimedi completamente diversi fra loro prescritti in base alle personali modalità reattive specie-specifiche.

Legge del Rimedio unico

Poiché la terapia omeopatica è fondata sull’assoluto rispetto della legge della similitudine e, di conseguenza, sull’individualizzazione della terapia, la ricetta omeopatica propriamente detta è contraddistinta dalla prescrizione d’un solo rimedio la cui azione è nota attraverso la sperimentazione su uomini sani.
Scrive Hahnemann al paragrafo 273 della sesta edizione dell’Organon:
“In nessun caso di malattia è necessario, e per questo soltanto non è lecito, somministrare al paziente, in una volta, più di un’unica medicina semplice ben nota nella sua azione, oppure un miscuglio di medicine diverse tra loro.
Nell’unica terapia vera e semplice, nella terapia veramente naturale qual è l’ Omeopatia, non è permesso dare al malato due diverse medicine in una volta”.
La somministrazione di più rimedi simultaneamente entra in fortissimo contrasto con i principi d’individualità morbosa e medicamentosa, è un gravissimo sconvolgimento della legge di similitudine, disattende pericolosamente le basi sperimentali dell’omeopatia.

Riassumendo quanto sinora detto l’omeopatia si fonda sulle cinque seguenti leggi fondamentali ed immutabili:

• Legge dei Simili
• Diluizione e dinamizzazione dei rimedi
• Sperimentazione sull’uomo sano
• Individualità morbosa e medicamentosa
• Rimedio unico

 

Caso Clinico

(Contrariamente al solito presento oggi un caso clinico ancora in trattamento dato l’interesse che ha in me suscitato a seguito del rimedio utilizzato per la terapia, non molto frequentemente prescritto in ambito omeopatico.
Mi scuso del fatto di non potere presentare il materiale fotografico del caso perché s’è perso accidentalmente)

Conosco Margherita (nome fittizio), insegnante di lettere presso un liceo scientifico, in data 28/01/09.
E’ una donna di 58 anni dalla corporatura piuttosto esile, vestita in modo semplice ed ordinato e porta occhiali abbastanza spessi data la sua forte miopia. Giunge alla mia osservazione attraverso la sorella da me già curata nel recente passato.
Il problema di Margherita è una neurodermite comparsa per la prima volta dodici anni fa interessante la regione cervicale che si accentua durante il periodo invernale e le causa prurito specialmente notturno.
“Non posso portare collane di pietre dure intorno al collo ormai da molto tempo” dice con una punta di amarezza
“Da piccola ho sofferto di allergie cutanee ma non ricordo molto se non il prurito che mi veniva anche sul collo”.
“Trovo difficile condividere ciò che succede a scuola, c’è un andazzo altamente diseducativo. Troppe cose vanno in un senso che non condivido”.
“Riscontro superficialità e disinteresse verso il lavoro nei miei colleghi mentre io lo amo moltissimo, è per me quasi una droga”
“Ho fatto una fatica spaventosa per crescere mio figlio, è stata una fatica immensa perché la condizione di separata non ricadesse negativamente su di lui. Sono massacrata dal senso del dovere da quando sono nata, sin da piccola in famiglia m’hanno sempre detto che dovevo dare l’esempio agli altri, mi sono sempre caricata di responsabilità”.
“Non m’è stato regalato niente, ho tribolato abbastanza”
“Sono molto attiva, anzi iperattiva specialmente al mattino già dalle sei, a proposito dell’umore lo stare all’aria aperta è per me un enorme antidepressivo”

• Mastectomia nel 2002 a seguito di Ca mammario.
• Tendenza al rialzo della pressione diastolica con il clima freddo
• Desiderio di bevande fredde

Sintomi repertorizzati (Programma Radar 9.1)

• 1) MIND - INDUSTRIOUS
• 2) MIND - RESPONSIBILITY - taking responsibility too seriously
• 3) SKIN – Eruptions - eczema
• 4) GENERALS - AIR; OPEN - desire for open air
• 5) GENERALS - FOOD and DRINKS - cold drink, cold water - desire
• 6) GENERALS - SEASONS - winter - agg.
• 7) GENERALS – night

Somma dei sintomi e dei gradi

Ars. Aur. Ars. Aur. Calc. Lyc.
7/16 7/7 7/14 7/13 7/16
1 1 1 3 1 2
2 1 1 1 1 1
3 3 1 1 3 3
4 2 1 3 1 3
5 3 1 1 2 2
6 3 1 3 2 3
7 3 1 2 3 2

• Prescrizione del 28/01/09
Aurum Arsenicosum 30 CH

• Somministrazione
Plussing Method


Follow up del 02/04/09

“La neurodermite è molto migliorata rispetto a due mesi fa, è molto meno pruriginosa e quasi totalmente scomparsa, soprattutto è scomparso completamente il prurito notturno, ho cominciato a portare nuovamente le collane anche se prudentemente”.
“Il mio stato d’animo è molto migliorato, mi sento più rilassata di fronte al quotidiano”
“Nonostante l’inverno freddo non ho avuto problemi, prima mi capitava che la minima arrivava anche a 95 o poco più nonostante la pillola”.
• Prescrizione del 02/04/09
Aurum Arsenicosum 200 CH

• Somministrazione
Plussing Method

Brevi considerazioni sul caso

(Avrei molto da discutere sul caso appena esposto ma il tempo è ormai giunto al termine ed inoltre questo congresso è introduttivo alle medicine non convenzionali e non riservato ad esperti in omeopatia classica).
(Molto brevemente voglio però dire che) Aurum Arsenicosum è una perfetta combinazione di Aurum Metallicum ed Arsenicum Album.
In questo rimedio troviamo nel paziente un enorme senso di responsabilità data la sua convinzione d’essere, in senso simbolico, un re che deve badare al meglio ai suoi sudditi all’insegna d’un esagerato perfezionismo e mostrare la validità delle sue idee mentre in Arsenicum Album c’è una grande paura delle malattie e dell’ignoto che lo costringe ad avere sempre qualcuno accanto a sé specie la notte per cui Aurum Arsenicosum è un re che pensa che il suo “potere” sia minacciato dalle malattie: è questa la problematica di Margherita che adesso sta molto meglio sul piano psico-fisico grazie al rimedio in questione.

Conclusioni Finali

Da quanto sinora passato in rassegna è facilmente intuibile che per essere medico omeopata non è sufficiente prescrivere un medicinale omeopatico:è medico omeopata degno successore di Hahnemann chi, come fu saggiamente detto dal dr. Tomás Pablo Paschero, Maestro dell’ omeopatia argentina, è animato dal desiderio di
“ Carpire il senso della malattia, aiutare il paziente a superare il blocco della sua energia vitale che gli rende impossibile la crescita, il maturare, l’essere libero ed indipendente, il realizzarsi come essere umano, capace di aprirsi alla vita e di viverne la pienezza”.

“L’omeopatia è il più recente e raffinato metodo per trattare i pazienti in modo economico e non violento. Il governo deve diffonderla e patrocinarla nel nostro paese.
Il Dr. Hahnemann fu uomo dotato di superiore forza intellettuale e di grandi mezzi per la salvezza della vita umana.
M’inchino di fronte alla sua abilità ed all’erculeo ed umanitario lavoro che svolse”.
MAHATMA GANDHI, 30/08/1936
L’utilizzo della medicina omeopatica in dermatologia
Alessandro Avolio, medico omeopata,Catania
Molto spesso si fa riferimento alla medicina omeopatica senza conoscerne le regole ed i principi che ne regolamentano un suo corretto utilizzo, cosa indispensabile soprattutto quando si vuole ottenere la guarigione del paziente. Durante questo intervento si mostreranno dei casi clinici in cui è stata utilizzata la medicina omeopatica. I casi trattati sono: psoriasi, pemfigo, verruche, etc dopo la visione dei casi seguirà breve spiegazione per comprendere quale può essere l’aiuto che può essere dato dalla medicina omeopatica in casi dermatologici.

Approccio omeopatico ad un caso di dermatite atopica,
Giacomo Marinelli medico omeopata, Bari
La Dermatite Atopica per le sue caratteristiche eziopatogenetiche ad oggi incerte, per le modalità della definizione dei criteri diagnostici tesi alla oggettiva descrizione di sintomi e lesioni croniche recidivanti individuali e per l’approccio terapeutico mirato per ogni singolo caso a conseguire una condizione di migliorato benessere generale piuttosto che alla semplice soppressione dei sintomi, è una malattia che ben si presta a evidenziare gli aspetti positivi di un approccio medico integrato di tipo omeopatico.
Con l’applicazione della metodologia del case report al caso del piccolo Paolo, senza stravolgere quella che e’ l’impostazione individuale della formulazione della cartella omeopatica si intende rendere il caso clinico fruibile anche ai non adetti ai lavori in omeopatia. A tal fine nello sviluppare la metodologia del case report si pone l’accento su una scelta terapeutica ragionata attraverso l’illustrazione di un percorso clinico-medico ufficialmente convalidato che porta a formulare la scelta di un farmaco (in questo caso un medicinale omeopatico piuttosto che uno allopatico) come indicazione terapeutica.
Avvalendosi dei criteri diagnostici codificati dalla letteratura scientifica, dei parametri di valutazione dello scorad che conferiscono una adeguata valutazione della evoluzione delle lesioni cutanee, ed applicando la metodica del case report, ci sono validi motivi per potere prospettare un approccio omeopatico allo studio della dermatite atopica.
La ricerca omeopatica sperimentale,
Gaetano Arena, geriatra omeopata, Catania

 

Impiego dei farmaci antroposofici in dermatologia
Riccardo Nocifora cardiologo, medico antroposofo, fitoterapeuta, Gruppo Medico Siciliano di Antroposofia, Palermo

La Medicina orientata in senso antroposofico considera la pelle come un organo in cui prevalgono tre funzioni fondamentali: quella sensoriale (epidermide), quella metabolica ( ipoderma ) e quella ritmico-circolatoria (derma), le tre funzioni pur avendo espressione in un preciso strato della pelle entrano in relazione reciproca molto stretta. La pelle rappresenta pertanto il più grande organo di senso, il più grande emuntorio e la più vasta area corporea dove si modula gran parte della circolazione dei liquidi. L’equilibrio di questo sistema rappresenta lo stato di salute, la prevalenza di una funzione e quindi di una struttura sull’altra rappresenta lo stato di malattia,
inoltre la polarità fra infiammazione e sclerosi determina i quadri morbilici interessando diversamente le tre strutture. Scopo della terapia è quello di favorire un ripristino dell’equilibrio fra queste funzioni e polarità. La Medicina Antroposofica in Dermatologia oltre ad utilizzare molti farmaci condivisi con la Medicina Omeopatica impiega farmaci propri della sua farmacopea ed in particolare ha sviluppato una linea di prodotti che hanno un uso cosmetico oltre che terapeutico.
La pelle viene curata a partire dagli organi e dalle funzioni che svolgono un ruolo determinante nelle lesioni cutanee, e di contro si considera la pelle molto importante come via di accesso a patologie di organi apparentemente lontani come il sistema nervoso, pertanto l’uso di applicazioni cutanee trova largo impiego sia nella cura della pelle stessa che in patologie di interesse psichiatrico.
La fitoterapia in dermatologia,
F. Firenzuoli professore a.c. Fitoterapia Clinica, Università di Firenze, pres. Associazione Nazionale Medici Fitoterapeuti, resp. U.O. Centro di Medicina Naturale Centro di riferimento per la Fitoterapia,
Regione Toscana Ospedale S. Giuseppe, ASL 11 EMPOLI
La fitoterapia in quanto uso di piante medicinali e derivati per la prevenzione e il trattamento delle malattie offre una serie di medicinali, tipici anche della tradizione europea, utili per preparazioni ad uso topico e sistemico. Oggi tuttavia si utilizzano in particolare preparati tecnologicamente avanzati, quali estratti depurati, titolati e standardizzati, alcuni addirittura registrati come specialità medicinali. L'importanza della disciplina dal punto di vista scientifico, piuttosto che popolare, è comunque sottolineata dalla mole di ricerca che la sostiene, sia preclinica che clinica, e che le consente di emergere dal corpus di esperienze affidatoci dalla tradizione.
In ambito dermatologico frequente è l'impiego della fitoterapia nella prevenzione dell'invecchiamente cutaneo ed in particolare nella terapia e prevenzione di alcune patologie croniche e recidivanti quali l'herpes simplex, l'acne e la dermatite atopica. Parte integrante della fitoterapia clinica è la fitovigilanza, sistema che consente l'analisi delle reazioni avverse da piante medicinali, molto frequenti anche in ambito dermatologico.

Approccio "integrato" alle condilomatosi genitali
Giuseppe Scaglione ginecologo oncologo UO Ginecologia Oncologica M. Ascoli Palermo
Esiste una sola Medicina. Cambiano le terapie che il Medico ha a
disposizione per aggredire la malattia ; tutte sono valide ed importanti ma
hanno delle profonde differenze che bisogna conoscere, valutare e sfruttare
al meglio. Mentre nella medicina convenzionale ( e anche nella
fitoterapia ) si assiste alla standardizzazione della cura per cui uno
stesso farmaco va bene per tanti malati con la stessa patologia e lo stesso
quadro nosografico, la medicina dei simili ricerca e valorizza identità e
differenze per arrivare al concetto di individualità morbosa e medicamentosa
espresso da Hahnemann nell 'Organon. Le condilomatosi genitali sono una
patologia che deve essere curata sfruttando al meglio il concetto di "
integrazione " fra le varie terapie per garantire ai pazienti maggiori
possibilità di guarigione nel rispetto della individualità della persona
nella sua globalità e completezza. Il medico che sa sfruttare al meglio le
terapie integrazionali si può definire " moderno e completo ".

Basi teoriche della medicina ayurvedica: applicazioni in dermatologia
G. Sartori medico presidente “Atah” Associazione Pazienti Ayurvedici, Bologna

Dermatologia: esperienze in Medicina Cinese
C. Di Stanislao dermatologo Docente di Agopuntura e MTC presso varie Scuole Italiane. Rappresentante per l'Italia del China Medical College di Taipei; prof. onorario del Collegio Medico del Gansu; presidente AMSA, segretario Società Italiana di Agopuntura, L’Aquila
“Solo i saggi possiedono delle idee, la maggior parte dell'umanità ne è posseduta”
Samuel Taylor Colderidge
La dermatologia è un settore molto importante della Medicina Cinese, sviluppatosi come branca specialistica dal XIV secolo (1-2). Una delle difficoltà che si presentano a chi si avvicina per la prima volta allo studio della Medicina Cinese risiede in una ovvia distanza culturale e linguistica. Le distanze tra la medicina cinese e la medicina occidentale sono prima di tutto distanze tra ambiti di pensiero più vasti, differenze nella concezione della natura e del suo rapporto con l'uomo, ma ancora più profondamente differenze tra modi di sistematizzare il mondo e di pensarne i problemi. Per capire la Medicina Cinese occorre prima di tutto comprendere alcune differenze sostanziali tra le concezioni occidentali e quelle della tradizione cinese, almeno per quanto riguarda l'ambito della medicina (3-4). Il corpo dei cinesi è l'universo in miniatura ed è allo stesso tempo uno specchio dell'ordine sociale; infatti la simbologia usata nel dialogo dell'Imperatore Giallo con il suo consigliere (il testo fondamentale della medicina cinese) è la stessa usata per descrivere l'Impero. Il sistema viene descritto in termini di uffici nella burocrazia centrale del corpo, non in termini anatomici. Gli organi sono meri correlati del sistema di funzioni. Anche nel caso della medicina, il corpo viene costruito in maniere completamente diverse. Per tradurre il termine greco per corpo - sarkos - un termine che denota chiaramente il fisico (soma, erroneamene tradotto con corpo fisico, indica invece "l'idea del corpo"), ci troviamo di fronte a quattro termini: shen, t'i, ch'u e hsing. Di questi i primi tre (shen, t'i e ch'u ) hanno una denotazione più ampia (denotano o implicano il concetto di personalità o persona), mentre il quarto, hsing (=forma) veniva raramente impiegato. Secondo Sivin il corpo cinese è "composto soprattutto da ossa e carne vagamente definita e attraversata da tratti circolatori"; questi tratti collegano degli "insiemi di funzioni", i cosiddetti organi, per cui si può dire, con Unshuld che la patologia cinese è funzionale. Come si legge sul Classico dell'Imperatore Giallo: "Il soggetto del discorso...è il flusso libero ed il movimento centrifugo e centripeto del qi divino (shen qi), non sono pelle, carne, tendini ed ossa . L'etica buddhista, con la sua idea di sacralità del corpo, ad un certo punto si innesta sulla filosofia confuciana e contribuisce a rendere il corpo cinese un tutto indiviso, per studiare il quale il medico deve osservare le funzioni, l'equilibrio delle sostanze. Un corpo dissezionato non è di alcun interesse per il terapeuta, ed è significativo che in medicina cinese la immagine tipica usata per descrivere la morte imminente sia quella di una separazione tra yin e yang (5-6). A parte ciò la Medicina Cinese condivide con la medicina psicosomatica, la visione la malattia in generale e quella cutanea in particolare, siano meccanismi con causali di adattamento a problemi di stress o inconsci che si convertono in modo non casuale (7). Infatti per la Medicina Cinese la pelle (pi fu) è un organo di superficie che rappresenta l'involucro protettivo e insieme di contatto con il mondo esterno. Struttura di confine fra il sé ed il non sé, organo di senso e organo di fondamentale importanza nell'omeostasi, è forse più di ogni altra parte del corpo implicata nelle vicende psico-emotive dell'individuo (8). Pertanto il medico tradizionale cinese nel valutare la terapia delle varie dermatosi deve analizzare l’intero individuo secondo i parametri di emozione e di apprendimento, tenendo conto delle interrelazioni fra fattori genetici ed ambientali, con comportamenti analoghi a quelli di recenti contributi della psicologia cognitiva. Ciò introduce stimolanti metodi di accertamento delle risorse biologiche individuali e principi di intervento (9-10). La più parte degli studi moderni sulla letteratura indicizzata ha riguardato l’agopuntura che si è dimostrata efficace soprattutto in corso di prurito essenziale, uremico e colestatico, acne persistente del dorso dell’adulto, nevralgia post-erpetica (11-14). Studi più recenti hanno riguardato l’impiego in campo dermoestetico con ragguardevoli risultati (15-16). A volte è importante combinare agopuntura con formule erboristiche, come, ad esempio, in corso di dermatite atopica, psoriasi e ulcere trofiche sia vascolari che neuropatiche (17-18). Dal 1996 abbiamo attivato un servizio convenzionato di agopuntura presso la UO di Dermatologia, che esegue circa 1200 trattamenti l’anno relativi, all’incirca, a 120 pazienti. Nel corso di 13 anni di ininterrotta attività abbiamo potuto verificare l’efficacia dell’agopuntura in corso di prurito senile (19), herpes zoster, dermatosi da stress (20) e delle formule erboristiche cinesi in corso di dermatite atopica (21). Alcune esperienze, inoltre, hanno riguardato la psoriasi. Infine abbiamo segnalato reazioni avverse in portatori di allergia al nichel.
Bibliografia
1. De-hui S.,R ui-fen X., Wang N.: Manuale di Dermatologia in MTC, Ed. CEA, Milano, 1997.
2. Lin L.: Diagnosis and treatment of skin diseases in TCM, Ed. Hai Feng, ong Kong, 1990.
3. Larre C.. Lo spirito della Medicina Cinese, Ed. Jaca Book, Milano, 2007
4. Di Stanislao C.: Argomenti di Medicina: il dialogo e l’integrazione fra culture e modelli, Ed. Fondazione Silone, L’Aquila-Roma, 2005.
5. Bottalo F., Brotzu R.: I Fondamenti della MTC, Ed. enia, Milano, 1999.
6. Boschi G. : Medicina Cinese: la radice e i fiori, Ed. CEA, Milano, 2002.
7. Ying W.: Agopuntura in Dermatologia – DVD, Ed. Piccin, Nuova Libreria, Padova, 2009.
8. Yuen J.C.: Western Diseases in Traditional Chinese Medicine, d. Swedisch Intitute of Oriental Medicine, New York, 1995.
9. Brotzu R., De Beradinis D.: Medicina Cinese, in Oltre il Labirinto di F. Berrera, Ed.Il Colibrì, Torino, 2008.
10. Messina C., Barbaro Paparo S.: Medicina Cinese e Medicina Occidentale. Ipotesi di Confronto, Ed. irone, Roma, 2008.
11. Di Stanislao C. (a cura di): Libro bianco sull’agopuntura e le altre metodiche orientali, Ed. SIA-CEA, Milano, 2000.
12. Di Stanislao C.: Agopuntura e Medicina Cinese, in Le Leggi dell’Ospedale di V. Sanfo, Ed. Verducci,. Roma, 2001.
13. Di Stanislao C.: Medicina Cinese, in Enciclopedia di Bioterapia di I. Bianchi e L. Pommier, ed. Nuova Ipsa, Palermo, 2007.
14. Di Stanislao C.: Risultati clinici sull’impiego dell’agopuntura in campo dermatologico, I Congresso Italiano WFAS, Ragusa, Atti, 1998.
15. Zhang H.S., Gao X.Y.: Observation on therapeutic effect of acupuncture, moving cupping and blood-letting puncture on chloasma, Zhongguo Zhen Jiu, 2009, 29(2):119-121.
16. Scarsella S.: Merdicina Cinese in campo estetico, Kosmè, 2003, 2: 12-15.
17. Teo L.H., Tang M.B., Tan A.W., Tan H.H., Ng S.K.: Ulcers related to acupuncture and traditional chinese medicine: a case series and review of the literature, Arch. Dermatol. 2009, 145(4):490-492.
18. Qing H., Tian Y.S., Fan J.M., Tang B.Y., Niu H.Q., Lu J.Y.: Meridian three-combined therapy for treatment of ordinary psoriasis: a multi-center randomized controlled study, Zhongguo Zhen Jiu, 2009, 29(3):181-184.
19. Di Stanislao C., Bologna G., Flati G. et al.: Esperienze agopuntura nel prurito senile, Pandora, 1998, 4: 23-30.
20. Di Stanislao C., Bologna G., Flati G. et al.: Agopuntura nelle zoster associated pain, Congresso annuale IEV Centro Sud, Manotesilvano (P, Atti, 2001.
21. Di Stanislao C., Bologna G., Flati G. et al.: Formula erboristica cinese nelle dermatite atopica, Medicina Naturale, 2000, 23: 35-40.
22. Di Stanislao C.:Agopuntura e Medicine non Convenzionali in Campo Dermo-Allergologico, Congresso Annuale SIDAPA, Firemze, Atti, 2008.
"Vento nascosto e Vento manifesto” ovvero origine, manifestazione e cura dell'orticaria secondo
la MTC
Vincenzo Garaffa medico agopuntore docente Agopuntura alla Sapienza, vicepres. Ass. Mondiale Agopuntori,Trapani, coautori della relazione: Anna Maria Grifo, medico agopuntore, docente di agopuntura Università di Roma “La Sapienza”; Michele Cernigliaro, medico agopuntore, vice presidente Istituto
Internazionale Nguyen Van Nghi, Trapani
"Questo lavoro si propone di dare una chiave di lettura del fenomeno
"Orticaria" basandosi sulla interpretazione eziopatogenetica e terapeutica
della Medicina Tradizionale Cinese a partire dallo studio del significato degli
ideogrammi della pelle, dell'energia immunologica (Wei) e dell'energia
nutritiva (Rong), per arrivare alla presentazione ed alla discussione di alcuni
casi clinici trattati nell'ambulatorio pubblico di agopuntura della ASL di
Trapani

Trattamento combinato di agopuntura e infiltrazioni nelle nevralgie posterpetiche
V. Marino medico agopuntore, docente a contratto al Master inAgopuntura clinica, Università di Roma Tor Vergata, responsabile ambulatorio di Agopuntura, Osp. Buccheri La Ferla FBF, Palermo; socio fondatore e consigliere dell'Associazione Culturale “QI”, Palermo, coautori della relazione: Amalia Di Liberto, _Dott. Aldo Asaro Ambulatorio di Terapia del dolore, II Servizio di Anestesia e Rianimazione Ospedale Civico, Palermo e Rianimazione Ospedale Civico, Palermo
Trattamento combinato di Agopuntura e infiltrazioni nelle nevralgie posterpetiche"
Dott.ssa Amalia Diliberto*, Dott. Vito Marino MD**, Dott. Aldo Asaro MD *
* Ambulatorio di Terapia del dolore, II Servizio di Anestesia e Rianimazione Ospedale Civico - Palermo. ** Docente a contratto al Master in Agopuntura clinica, Universita' di Roma Tor Vergata.Responsabile ambulatorio di Agopuntura, Osp. Buccheri La Ferla FBF, Palermo. Socio fondatore e Consigliere dell'Associazione QI.Associazione Culturale "QI" - Palermo
Abstract
La nevralgia posterpetica (NPE) è una nevralgia che può residuare, per mesi o anni, dopo la scomparsa della lesione cutanea dell'herpes zoster, dermatosi dolorosa espressione clinica di una reinfezione endogena da virus Varicella-Zoster.
Gli AA stanno elaborando i dati relativi ai primi 7 mesi di inserimento dell'Agopuntura nell'ambito di attività dell'Ambulatorio di Terapia del dolore del II Servizio di Anestesia e Rianimazione dell'Ospedale Civico di Palermo. Gli AA descrivono 2 casi illustrativi di NPE, trattati combinando il trattamento convenzionale di infiltrazioni ed eventuale farmacoterapia, con Agopuntura.
In MTC si isserva una permanenza, dopo l'episodio di herpes zoster, di vento, umidità, fuoco nello shaoyang, o nel taiyang e nello yangming, che causano stasi di qixue. La condizione è in relazione a deficit di weiqi, jingqi e yinqi.
Il trattamento è consostito nella dispersione del vento, nella purificazione del fuoco, nella trasformazione dell'umidità, nell'arresto del dolore, con agopuntura in dispersione di TE6-Zhigou, LI4-Hegu, LR13-Zhangmen, PC6-Neiguan, e infiltrazione dei punti dolorosi di cortisone e anestetico locale.
I risultati sembrano migliori della sola terapia farmacologica (infiltrazione e/o farmacoterapia orale
“Xie qi” energie perverse esterne e cause interne di dermatosi: è sufficiente il trattamento con
agopuntura? G. Pravatà
Vengono prese in considerazione alcuni tra gli stati emozionali “Xie qi”, facenti parte delle 7 passioni della Medicina Tradizionale Cinese, correlate agli organi i cui squilibri sono causa di malattia: collera/Fegato, gioia/Cuore, pensieri ossessivi o rimuginazioni/Milza, tristezza/Polmone, paura/Rene, panico-shock e depressione /più organi correlati.
I casi clinici presentati mostrano come gli stati emozionali, perseveranti nel tempo, siano la causa e l’aggravamento di dermatosi per squilibri dei movimenti energetici (qi, yin, yang) degli organi e dei visceri correlati.
Si relaziona sul ruolo dell’agopuntura come unico trattamento e se possa essere integrata con altri interventi terapeutici, mantenendo il principio diagnostico-terapeutico della medicina tradizionale cinese.

Dermatologia psicosomatica o l¹etica dell¹ascolto
Roberto Bassi dermatologo psicologo, docente a contratto di Psicosomatica Dermatologica all’Università di
Ferrara, Venezia

La psicosomatica è un¹arte.Essa si apprende attraverso la quotidiana
osservazione del malato ed il suo ascolto.E¹ fondamentale che il medico sia
psicoaffettivamente tranquillo. Una psicoanalisi personale è certamente più
importante di una specializzazione in psichiatria o psicologia. Il medico
dovrà sempre ascoltare il paziente con atteggiamento empatico. Nella mia
cinquantennale esperienza appena un paziente su dieci richiede un nostro
attento ascolto. Per trattare onestamente il malato che si presenta a noi,
dobbiamo conoscere la dermatologia e disporci a prestargli , in alcuni casi,particolare attenzione. Un caso clinico ci aiuterà ad esplicitare questo
assunto.

Psicodramma individuativo ed arteterapia: ipotesi di intervento nell’approccio integrato al
paziente dermatologico
R. Billeci Rosalia Billeci medico psicoterapeuta, psicodrammaterapeuta, vicepresidente CeSMI, Palermo

Un’occasione per la ricerca in Italia: Studio delle proprietà antitumorali di derivati metallici ed
organometallici di porfirine in cellule di melanoma

Lorenzo Pellerito, prof. ordinario del Dipartimento di Chimica Inorganica e Analitica
“Stanislao Cannizzaro”, Università Palermo, coautore
della relazione: T. Fiore, M.A. Costa, ricercatore Istituto di Biomedicina e Immunologia
Molecolare (CNR), Palermo; coautori della relazione: F. Zito, C. Pellerito, G. Barbieri.

Il melanoma è il più aggressivo e il più letale tra i tumori cutanei, ed è notoria la sua resistenza all’effetto delle comuni droghe chemioterapiche. L’indice di mortalità è in continuo aumento nella popolazione occidentale, con un numero di casi che è raddoppiato negli ultimi 20 anni, di conseguenza sempre più studi sono richiesti per identificare nuovi efficaci agenti antitumorali, più idonei a superare la chemio resistenza del melanoma [1,2].
I nostri studi sono abbastanza recenti e si basano sull’analisi degli effetti di derivati della porfirina su una linea cellulare, altamente invasiva, di melanoma umano, l’A375.
Lo studio dei derivati della porfirina come potenziali droghe antitumorali è stato un interessante campo di investigazione negli ultimi 20 anni infatti i derivati dell’emato-porfirina vengono utilizzati nella terapia fotodinamica (PDT), che sfrutta le proprietà della porfirina di accumularsi preferenzialmente nelle lesioni maligne e di rimanere in queste per periodi prolungati. Il suo utilizzo terapeutico è dovuto a una selettiva e rapida necrosi del tumore irradiato, grazie alla generazione delle sostanze ROS (specie dell’ossigeno altamente reattive) [3,4]. Nonostante questa terapia sia efficace per molti tipi di tumore presenta alcuni svantaggi che limitano il suo generale uso clinico, come per esempio una fotosensibilità della pelle a lungo termine e una perdita dell’assorbanza, durante la radiazione, dovuta a un rapido “photobleaching” (perdita progressiva di fluorescenza). Nel melanoma, in particolare, i melanociti producono melanina che assorbe alla stessa lunghezza d’onda clinicamente usata per la PDT, diminuendo quindi l’azione delle sostanze utilizzate. Inoltre anche se questi derivati si localizzano all’interno dei melanociti tumorali, provocando la formazione delle ROS, le cellule cancerose riescono a sopravvivere e a superare questa condizione di stress [5,6].
La nostra scelta di studiare i complessi organotin(IV) della meso-tetra(4-sulfonatophenyl)porphinate (TPPS) in cellule di melanoma è nata per l’effetto citotossico che queste sostanze e alcuni composti simili presentano indipendentemente dall’irradiazione, come riportato da alcuni studi [7-10]. Noi abbiamo studiato due gruppi di organo-stagnoTPPS, metilici e butilici, che differiscono fra loro soltanto per la presenza o meno del manganese (Mn) al centro dell’anello porfirinico. Dallo studio del primo gruppo di sostanze, prive di Mn, è emerso che solo i composti (Bu2Sn)2TPPS e (Bu3Sn)4TPPS risultano altamente citotossici per le A375, causando la morte per apoptosi di queste cellule, morte cellulare preferibile alla necrosi che invece induce una risposta anti-infiammatoria non desiderabile [11]. Inoltre si è osservato anche che l’uso di concentrazioni più basse, precisamente 0,5 µM per il (Bu2Sn)2TPPS e 0,08 µM per il (Bu3Sn)4TPPS, induce un arresto della proliferazione cellulare e, dato ancora più interessante, il (Bu3Sn)4TPPS causa un cambiamento di forma delle cellule trattate [12]. Lo studio del secondo gruppo di sostanze e in particolare gli organo-stagnoTPPS con il Mn, ha riportato che il (Me2Sn)2MnClTPPS non ha nessun effetto sulle A375, il (Me3Sn)4MnClTPPS ha un effetto sulla proliferazione cellulare, ma non sulla vitalità, e nuovamente i composti butilici, il (Bu2Sn)2MnClTPPS e il (Bu3Sn)4MnClTPPS, inducono la morte per apoptosi delle cellule, quando usati entrambi alla concentrazione di 1 µM; invece il loro uso alla concentrazione di 0,1 µM determina un notevole rallentamento della proliferazione con il (Bu2Sn)2MnClTPPS e un suo arresto con il (Bu3Sn)4MnClTPPS. Inoltre anche quest’ultimo composto induce un cambiamento di forma delle cellule. Quest’ultimo è il dato più interessante che è emerso dai nostri studi, e quello che ci ha spinto ad indagare sull’effetto che i tributili potessero avere su alcune proteine coinvolte nella tumori genesi. Infatti abbiamo dimostrato che il (Bu3Sn)4TPPS 0,08 µM e il (Bu3Sn)4MnClTPPS 0,1 µM abbassano notevolmente il livello proteico della β-catenin, di c-myc e di snail, proteine che sono altamente espresse nel melanoma e che sono coinvolte nella proliferazione e nella invasività tumorale; in particolare snail è un fattore di trascrizione che induce la trasformazione delle cellule dallo stato epiteliale a quello mesenchimale (EMT, epitelial to mesenchymal transition), quindi un importante marker della progressione e invasione tumorale [13-15].
Approfondire questi studi diventa necessario visto il ruolo che questi composti sembrano avere in vitro nella regressione dello stato invasivo-metastatico delle cellule di melanoma. Noi pensiamo che questi composti possano quindi essere dei buoni candidati per una futura nuova terapia, non escludendo, naturalmente, un ulteriore miglioramento per renderli ancora più idonei.

 

Bibliografia
1. Gray-Schopfer V, Wellbrock C and Marais R: Melanoma biology and new targeted therapy. Nature 445: 851-857, 2007.

2. Cummins DL, Cummins JM, Pantle H, Silverman MA, Leonard AL and Chanmugam A: Cutaneous malignant melanoma. Mayo Clin Proc 81: 500-507, 2006.

3. Philipp Babilas, Sigrid Karrer, Alexis Sidoroff , Michael Landthaler and Rolf-Markus Szeimies: Photodynamic therapy in dermatology – an update. Photodermatol Photoimmunol Photomed 21: 142–149, 2005.

4. Tita SP and Perussi JR: The effect of porphyrins on normal and transformed mouse cell lines in the presence of visible light. Braz J Med Biol Res 34: 1331-1336, 2001.

5. Valerie Nadeau, Martin O’Dwyer, Khaled Hamdan, Iain Tait and Miles Padgett: In vivo measurement of 5-aminolaevulinic acid-induced protoporphyrin IX photobleaching: a comparison of red and blue light of various intensities. Photodermatol Photoimmunol Photomed 2004; 20: 170–174.

6. Z. Zhou, C.Y. Li, K. Li, T. Wang, B. Zhang and T.W. Gao: Decreased methionine sulphoxide reductase A expression renders melanocytes more sensitive to oxidative stress: a possible cause for melanocyte loss in vitiligo. British Journal of Dermatology 161: 504–509, 2009.

7. Pellerito A, Fiore T, Giuliani AM, Maggio F, Pellerito L and Mansueto C: Organometallic complexes with biological molecules: IX. Diorgano-and Triorgano-tin(IV)[meso-tetra(4-sulfonatophenyl)porphinate] derivates: solid-state and solutionphase structural aspects and in vivo effects. Appl OrganometChem 11: 707-719, 1997.

8. D.E. Callahan, T.M. Forte, S.M. Afzal, D.F. Deen, S.B. Kahl, K.A. Bjornstad, et al.: Boronated protoporphyrin (BOPP): localization in lysosomes of the human glioma cell line SF-767 with uptake modulated by lipoprotein levels. Int. J. Radiat.
Oncol. Biol. Phys. 45: 761–771, 1999.

9. C. Mansueto, E. Puccia, F. Maggio, R. DiStefano, T. Fiore, C. Pellerito, et al.: Organometallic complexes with biological molecules. XIV. Biological activity of Dialkyl and Trialkyltin(IV) [meso-tetra(4-carboxy-phenyl)porphinate] derivates.
Appl. Organomet. Chem. 14: 229–235, 2000.

10. G. Han, P. Yang: Synthesis and characterization of waterinsoluble and water-soluble dibutyltin(IV) porphinate complexes based on the tris(pyridinyl)porphyrin moiety,
their anti-tumor activity in vitro and interaction with DNA. J. Inorg. Biochem. 215: 167–177, 2004.

11. Costa MA, Pellerito L, Izzo V, Fiore T, Pellerito C, Melis M, Musmeci MT and Barbieri G: Diorganotin(IV) and triorganotin(IV) complexes of meso-tetra(4-sulfonatophenil)porphine induce apoptosis in A375 human melanoma cells. Cancer Lett. 238: 284-294, 2006.

12. Costa MA, Gulino L, Pellerito L, Fiore T, Pellerito C and Barbieri G: Effects of two organotin(IV)(sulfonatophenyl)porphinates on MAPKs and on the growth of A375 human melanoma cells. Oncology Reports 21: 593-599, 2009

13. Goodall J, Martinozzi S, Dexter TJ, Champeval D, Carreira S, Larue L and Goding CR: Brn-2 expression controls melanoma proliferation and is directly regulated by β-catenin. Moll Cell Biol 24: 2915-2922, 2004

14. Biroccio A, Amodei S, Antonelli A, Benassi B and Zupi G: Inhibition of c-Myc oncoprotein limits the growth of human melanoma cells by inducing cellular crisis.
J Biol Chem 278: 35693-35701, 2003

15. Palmer M B, Majumder P, Green MR, Wade PA and Boss JM: A 3’ enhancer controls snail expression in melanoma cells. Cancer Res 67: 6113–20, 2007

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Programma

Moderatori: M. Aricò, A. Ronchi

ore 9,00 Saluto ed inaugurazione M. Aricò, G. Pravatà

ore 9,15 La dermatologia e la globalizzazione, M. Aricò

ore 9,35 La dermatologia e le ragioni culturali delle strategie terapeutiche,
M. R. Bongiorno

ore 9,55 Psoriasi e la visione olistica dell’omeopatia, S. Amato

ore 10,15 La medicina non convenzionale in Italia: stato dell’arte, A. Ronchi

ore 10,35 Medicina non convenzionale in dermatologia G. Pravatà

ore 10,55 Principi dell’omotossicologia: applicazioni in dermatologia, E. Damiani

ore 11,15 Leggi fondamentali dell’omeopatia V. Sbacchi

ore 11,35 Coffee Break

ore 11,55 L’utilizzo della medicina omeopatica in dermatologia A. Avolio
ore 12,15 Approccio omeopatico ad un caso di dermatite atopica, G. Marinelli
ore 12,35 La ricerca omeopatica sperimentale, G. Arena

ore 13,00 Impiego dei farmaci antroposofici in dermatologia, R. Nocifora

ore 13,30 Pausa pranzo

Moderatori: C. Di Stanislao, G. Pravatà

ore 15,00 La fitoterapia in dermatologia, F. Firenzuoli

ore 15,20 Approccio " integrato " alle condilomatosi genitali, G. Scaglione

ore 15,40 Basi teoriche della medicina ayurvedica: applicazioni in dermatologia, G. Sartori

ore 16,00 Dermatologia: esperienze in Medicina Cinese, C. Di Stanislao

ore 16,20 "Vento nascosto e Vento manifesto” ovvero origine, manifestazione e cura dell'Orticaria secondo la MTC, V. Garraffa

ore 16,40 Trattamento combinato di agopuntura e infiltrazioni nelle nevralgie posterpetiche, V. Marino

ore 17,00 “Xie qi” (energie perverse interne) e dermatosi: è sufficiente il trattamento con agopuntura? G. Pravatà

ore 17,20 Dermatologia psicosomatica o l’etica dell’ascolto, R. Bassi

ore 17,40 Psicodramma individuativo ed arteterapia: ipotesi di intervento nell’approccio integrato al paziente dermatologico, R. Billeci

ore 18,00 Un’occasione per la ricerca in Italia: Studio delle proprietà antitumorali di derivati metallici ed organometallici di porfirine in cellule di melanoma, M.A. Costa, L. Pellerito

ore 18,20 Questions time (tutti i relatori)

ore 18,40 Conclusione

Relatori

Prof. Mario Aricò direttore UO Clinica Dermatologica, Università di Palermo
Prof.ssa Maria Rita Bongiorno professore associato Clinica Dermatologica Università di Palermo
Prof. Salvatore Amato presidente Ordine dei Medici Palermo, direttore U.O. Dermatologia e MTS ARNAS, Palermo
Dott.ssa Antonella Ronchi medico omeopata, presidente Federazione Italiana delle Associazioni e dei Medici Omeopatici (FIAMO),coordinatrice del Comitato Permanente di Consenso per le Medicine Non Convenzionali in Italia, Milano
Dott.ssa Gabriella Pravatà dermatologa master universitario in Agopuntura e Medicina Tradizionale Cinese, presidente Centro studi di medicina integrata (CeSMI), Palermo
Dott. Ettore Damiani chirurgo generale e toracico, master in Chirurgia e Medicina Estetica, Medicina ortomolecolare, Palermo
Dott. Vincenzo Sbacchi medico omeopata psicosomatista, CeSMI, Palermo
Dott. Alessandro Avolio medico omeopata, Catania
Dott. Giacomo Marinelli medico omeopata, Bari
Dott. Gaetano Arena geriatra omeopata, Catania
Dott. Riccardo Nocifora cardiologo, medico antroposofo, fitoterapeuta, Gruppo Medico Siciliano di Antroposofia, Palermo
Dott. Fabio Firenzuoli professore a.c. Fitoterapia Clinica, Università di Firenze, pres. Associazione Nazionale Medici Fitoterapeuti, resp. U.O. Centro di Medicina Naturale Centro di riferimento per la Fitoterapia, Regione Toscana Ospedale S. Giuseppe, ASL 11 EMPOLI
Dott. Giuseppe Scaglione ginecologo oncologo UO Ginecologia Oncologica M. Ascoli Palermo
Dott.Guido Sartori medico presidente “Atah” Associazione Pazienti Ayurvedici, Bologna
Dott. Carlo Di Stanislao dermatologo Docente di Agopuntura e MTC presso varie Scuole Italiane. Rappresentate per l'Italia del China Medical College di Taipei. prof. onorario del Collegio Medico del Gansu. presidente AMSA, segretario Società Italiana di Agopuntura, L’Aquila
Dott. Vincenzo Garaffa medico agopuntore docente Agopuntura alla Sapienza, vicepres. Ass. Mondiale Agopuntori, Trapani, coautori della relazione:Dr. ssa Anna Maria Grifo, medico agopuntore, docente di agopuntura Università di Roma "La Sapienza"; Dr. Michele Cernigliaro, medico agopuntore, vice presidente Istituto Internazionale Nguyen Van Nghi.,Trapani
Dott. Vito Marino medico agopuntore, docente a contratto al Master in Agopuntura clinica, Universita' di Roma Tor Vergata, responsabile ambulatorio di Agopuntura, Osp. Buccheri La Ferla FBF, Palermo, socio fondatore e consigliere dell'Associazione Culturale "QI", Palermo; coautori della relazione: Dott.ssa Amalia Di liberto, Dott. Aldo Asaro Ambulatorio di Terapia del dolore, II Servizio di Anestesia e Rianimazione Ospedale Civico - Palermo
Prof. Roberto Bassi dermatologo psicologo, docente a contratto di Psicosomatica Dermatologica all’Università di Ferrara, Venezia
Dott.ssa Rosalia Billeci medico psicoterapeuta, psicodrammaterapeuta, vicepresidente CeSMI, Palermo
Prof. Lorenzo Pellerito direttore del ^Dipartimento di Chimica Inorganica e Analitica “Stanislao Cannizzaro”, Università Palermo; coautore della relazione: T. Fiore^
Dott.ssa M.A. Costa, ricercatore ^^Istituto di Biomedicina e Immunologia Molecolare (CNR), Palermo; coautori della relazione^^, F. Zito^^, C. Pellerito^^, G. Barbieri^^

Comitato scientifico: MR. Bongiorno, G. Pravatà, V. Sbacchi, R. Billeci

Segreteria organizzativa:
CIFoP Via S. Cuccia 46, 90144 Palermo- tel 0916269859- Fax 0916269859- cifopsrl@virgilio.it;
CeSMI Via Dante 153, 90141 Palermo- tel 091-9820468 - info@cesmipalermo.com

Crediti ECM - Evento n° 9034328 per n° 70 medici e n° 30 farmacisti.
Saranno iscritti ai crediti formativi ECM i primi 100 richiedenti.

Quota di iscrizione al convegno ed ECM Euro 20,00
(Inviare alla segreteria organizzativa CIFoP o CeSMI, mail di iscrizione al convegno con dati anagrafici, specializzione, copia bonifico effettuato)
Bonifico bancario intestato a Centro studi di medicina integrata, Via Dante 153- 90141 Palermo.
Iban: IT59V0103004611000000039356- Monte dei Paschi di Siena-AG. 11 Palermo

 

 

SHIATSU KI PRESENTAZIONE SEMINARI
Descrizione breve LA SCUOLA SHIATSUKI DI FIRENZE ORGANIZZA LE SEGUENTI SERATE DI PRESENTAZIONE A PALERMO......
Testo

 

 

 

LA SCUOLA SHIATSUKI DI FIRENZE ORGANIZZA LE SEGUENTI SERATE DI PRESENTAZIONE

 

 

4 dicembre alle ore 21

 

al CeSMI Via Dante, 153Palermo

 

 

Alle serate di presentazione seguiranno due seminari di introduzione all'arte dello Shiatsu (INGRESSO LIBERO)

il 21-22 novembre e 13-14 dicembre al CeSMI idalle 10 alle 18,30

Si consiglia un abbigliamento comodo (tuta) e dei calzini da indossare in sala

 

 

Vi invitiamo a consultare il nostro sito www.shiatsuki.it

oppure a contattarci

<mailto:leviedelcuore@gmail.com> leviedelcuore@gmail.com

<mailto:erina.pellitteri@alice.it> erina.pellitteri@alice.it

Presentazione Artiterapie (Drammaterapia, Danzaterapia) e Tecniche di riequilibrio psicofisico (Qi Gong, Taiji Quan)
 26 - 27 novembre h' 17.30-19.30 Presentazioni delle attività di gruppo settimanali anno 2009/10. Arteterapie: Drammaterapia, Danzaterapia; Riequilibrio psicofisico: Qi Gong e Taiji Quan: Ingresso libero
 

 

 

 

Giov 26 nov 09 ore 17,30 – 19,30

 

Artiterapie:Drammaterapia, Danzaterapia

“La vita non è un problema da risolvere ma una realtà da esprimere”: Ruolo delle Artiterapie (Rosalia Billeci medico psicoterapeuta, psicodrammaterapeuta, vicepresidente CeSMI, Delizia Alessandra danzaterapeuta Apid)

Ore 18,30 – 19,30 Esperienza di Drammaterapia (sala A)
Ore 18, 30 – 19,30 Esperienza di Danzaterapia (sala B)
Ore 19,30 – 20,30 Esperienza di Drammaterapia (sala A)
Ore 19,30 – 20,30 Esperienza di Danzaterapia (sala B)


Ven 27 nov 09 ore 17,30 – 19,30

 

Riequilibrio psicofisico: Qi Gong e Tai Ji Quan

Qi Gong e Tai Ji Quan in Medicina tradizionale cinese per riequilibrare l’energia vitale ed in medicina preventiva (Gabriella Pravatà dermatologa, master in agopuntura e MT; Luigi Mercurio insegnante di Tai Ji Quan)

Ore 18,30 – 19,30 Esperienza di Qi Gong (sala A)
Ore 18, 30 – 19,30 Esperienza di Tai Ji Quan (sala B)
Ore 19,30 – 20,30 Esperienza di Qi Gong (sala A)
Ore 19,30 – 20,30 Esperienza di Tai Ji Quan (sala B)

 

INGRESSO LIBERO
 

INCONTRI DI FILOSOFIA PRATICA PER NON FILOSOFI
 26 novembre ore 21 con Augusto Cavadi filosofo consulente "Phronesis"                                                                            Culture della salute

PERCHE' LA VITA VUOLE VIVERE?

Conduce: Augusto Cavadi filosofo consulente "Phronesis"

 

Data: Ordinariamente il primo ed il terzo giovedì di ogni mese
(tranne eccezioni che si comunicano alla fine dell'incontro
precedente e sul sito del Cesmi: www.cesmipalermo.it).

Orario: La sessione di pratica filosofica inizia puntualmente
alle 21,00 e termina alle 22,30.
Se non per motivi gravi ed eccezionali, si prega di arrivare
fra le 20,45 e le 20,55 in modo da non disturbare.

Condizioni di partecipazione: La partecipazione è aperta a tutti i soci del Cesmi (quota associativa annuale euro 100,00) e comporta un contributo di euro 5,00 per ogni sessione (da versare di volta in volta all'ingresso del Cesmi).
E' possibile la partecipazione anche a persone interessate non iscritte al Cesmi: in questo caso la quota per ogni incontro è di euro 8,00.

Metodologia: Al termine di ogni sessione, la "comunità di ricerca" individua un interrogativo filosofico che la intriga (cos'è la coerenza etica? Sino a che punto si può rispettare la legalità? Che atteggiamento assumere nei confronti degli stranieri? ...) che sarà affrontato nell'incontro successivo. Il filosofo professionista non ha alcun ruolo 'magisteriale': deve solo moderare, o stimolare (secondo i casi), la riflessione personale e la interazione fra i partecipanti (preferenzialmente: cittadini che non si occupano per mestiere di filosofia).
Chiunque può chiedere, e ottenere, la parola. Purché intervenga con stile filosofico. Dunque con stile:
* spregiudicato. In filosofia non si può dare nulla per scontato: non si può presupporre che gli altri diano per ovvia qualche credenza (religiosa, morale, politica, scientifica o d'altro genere);
* dialettico. In filosofia si può sostenere qualsiasi tesi, purché non ci si limiti ad esternare stati d'animo soggettivi o slogan: occorre argomentare la propria opinione, "rendere ragione" di ciò che si sostiene;
* sincero. In filosofia la motivazione essenziale dovrebbe essere la passione per la verità: dialogando con gli altri si dovrebbe evitare di sostenere ciò di cui non si è intimamente convinti;
* amichevole. In filosofia non ci sono avversari, ma compagni di strada: non ha senso intervenire polemicamente, per difendere animatamente una propria 'posizione' o per imporla ad altri a scopi di proselitismo o di propaganda.

 

Incontro precedente (giovedì 5 novembre 2009) "Non è meglio evitare di cercare il senso della vita?"

Psiche e dermatosi
Sab. 14 novembre ore 10-12.30 Incontro con i medici.

E' ormai ampiamente dimostrato che la nostra condizione psichica è strettamente collegata a quella fisica e la pelle è uno dei mezzi espressivi più importanti delle emozioni. Nel paziente dermatologico il corpo è il solo mezzo per proiettare, fuori dalla propria sfera psichica, emozioni misconosciute o sconosciute. E' auspicabile quindi un approccio integrato.

Sab 14 novembre
ore 10-12,30


ore 10.00 Saluti e presentazione del CeSMI Gabriella Pravatà presidente CeSMI

• “Il Mito di Asclepio” lettura drammatizzata Rosalia Billeci vicepresidente CeSMI

• Psicodramma individuativo ed arteterapia nell’approccio integrato al paziente dermatologico: “A fior di pelle” Rosalia Billeci medico psicoterapeuta psicodrammaterapeuta, vicepresidente CeSMI

• Energie perverse interne “7 sentimenti” in medicina tradizionale cinese causa o aggravamento di dermatosi Gabriella Pravatà dermatologa, master in agopuntura e MTC

• Approcci terapeutici integrati in dermatologia Gabriella Pravatà, Rosalia Billeci

ore 12,30 Cocktail

 

INCONTRI DI FIOSOFIA PATCA PER NON FILOSOFI

Culture della salute

Riprendono gli incontri al Cesmi che augura a tutti i partecipanti proficua ricerca!

Data: Ordinariamente il primo ed il terzo giovedì di ogni mese
(tranne eccezioni che si comunicano alla fine dell'incontro
precedente e sul sito del Cesmi: www.cesmipalermo.it).

Orario: La sessione di pratica filosofica inizia puntualmente
alle 21,00 e termina alle 22,30.
Se non per motivi gravi ed eccezionali, si prega di arrivare
fra le 20,45 e le 20,55 in modo da non disturbare.

Condizioni di partecipazione: La partecipazione è aperta a tutti i soci del Cesmi (quota associativa annuale euro 100,00) e comporta un contributo di euro 5,00 per ogni sessione (da versare di volta in volta all'ingresso del Cesmi).
E' possibile la partecipazione anche a persone interessate non iscritte al Cesmi: in questo caso la quota per ogni incontro è di euro 8,00.

Metodologia: Al termine di ogni sessione, la "comunità di ricerca" individua un interrogativo filosofico che la intriga (cos'è la coerenza etica? Sino a che punto si può rispettare la legalità? Che atteggiamento assumere nei confronti degli stranieri? ...) che sarà affrontato nell'incontro successivo. Il filosofo professionista non ha alcun ruolo 'magisteriale': deve solo moderare, o stimolare (secondo i casi), la riflessione personale e la interazione fra i partecipanti (preferenzialmente: cittadini che non si occupano per mestiere di filosofia).
Chiunque può chiedere, e ottenere, la parola. Purché intervenga con stile filosofico. Dunque con stile:
* spregiudicato. In filosofia non si può dare nulla per scontato: non si può presupporre che gli altri diano per ovvia qualche credenza (religiosa, morale, politica, scientifica o d'altro genere);
* dialettico. In filosofia si può sostenere qualsiasi tesi, purché non ci si limiti ad esternare stati d'animo soggettivi o slogan: occorre argomentare la propria opinione, "rendere ragione" di ciò che si sostiene;
* sincero. In filosofia la motivazione essenziale dovrebbe essere la passione per la verità: dialogando con gli altri si dovrebbe evitare di sostenere ciò di cui non si è intimamente convinti;
* amichevole. In filosofia non ci sono avversari, ma compagni di strada: non ha senso intervenire polemicamente, per difendere animatamente una propria 'posizione' o per imporla ad altri a scopi di proselitismo o di propaganda.

Conduce: Augusto Cavadi filosofo consulente "Phronesis"

giovedì 5 novembre 2009 "Non è meglio evitare di cercare il senso della vita?"

 

Augusto Cavadi svolge attività di consulenza filosofica individuale su appuntamento. Inviare la richiesta all'indirizzo di posta elettronica info@cesmipalermo.com

Corso di Shiatsu per operatore professionale
SHIATSU KI

SCUOLA DI SHIATSU
FIRENZE

Firenze - Roma - Cecina - Palermo

 

Inizio corso di Shiatsu per operatore professionale

 


Il 9 ottobre alle 21 Paola Misino sarà a Palermo per la serata di presentazione del corso di formazione per operatore Shiatsu.

La serata è GRATUITA ed aperta a TUTTI

presso il CeSMI via Dante 153

www.shiatsuki.it

 

MEETINGS, CONVEGNI MEDICI, CORSI DI FORMAZIONE PER MEDICI E FARMACISTI
 Programma di incontri con medici, famacisti, terapeuti per l'anno 2009-10...

 

Anno 2009-2010

 

Sabato 3 ottobre ore 10,00-12.00 Incontro con i medici di base “Presentazione dei percorsi terapeutici integrati” G. Pravatà medico agopuntrice, R. Billeci medico psicoterapeuta, Cocktail e performance di Teatro di Sociodramma,“Il mito di Asclepio:Il Guaritore ferito”, di e con R.Billeci, CeSMI via Dante 153 Palermo

 

Sabato 10 ottobre ore 9,00-19,00 Convegno Giornata della salute - 4° Ed. 2009- "Medicina non convenzionale (MnC) e convenzionale in occidente: per una cooperazione a favore della salute del paziente”medicina interna, allergologia, dermatologia, geriatria, pediatria, in collaborazione con Ordine dei Medici di Palermo- Patrocinio di: Comitato Permanente di Consenso per le medicine non convenzionali in Italia, Associazione per la medicina centrata sulla persona- Villa Magnisi via R. da Partanna 22, Palermo

 

Sabato 24 ottobre ore 9,00-19,00 I° Convegno Nazionale “Medicina non convenzionale (MnC) in Dermatologia”Approcci diagnostico-terapeutici a confronto per una medicina integrata centrata sulla persona" in collaborazione con la Clinica Dermatologica Università di Palermo, Patrocinio di: Ordine dei Medici di Palermo, Comitato Permanente di Consenso per le medicine non convenzionali in Italia, Associazione per la medicina centrata sulla persona, Aula Ascoli Policlinico P. Giaccone, Palermo

 

Ciclo di seminari ambiente e salute ( ISDE Italia Associazione medici per l’ambiente) in programmazione

 

Ciclo di seminari di psicoterapia in programmazione

 

Incontro sull'origine e gli sviluppi della "filosofia pratica".
 Mercoledì 21 Ottobre 2009 Augusto Cavadi intervisterà Antonio Cosentino...

 

Mercoledì 21 Ottobre 2009

alle ore 20:45

incontro sull'origine e gli sviluppi della "filosofia pratica".

Augusto Cavadi intervisterà Antonio Cosentino

autore del libro "La filosofia come pratica sociale.Comunità di ricerca,
formazione e cura di sé",

(Apogeo, Milano 2008). 

“MEDICINA NON CONVENZIONALE (MnC) E CONVENZIONALE IN OCCIDENTE: per una cooperazione a favore della salute del paziente”
 Convegno a Palermo 10 ottobre 2009. Il CeSMI insieme all'Ordine dei Medici della provincia di Palermo organizzano la 4° ed. 2009 della "Giornata della salute". Il convegno ha lo scopo di creare un confronto tra i medici....
 

 

 

 

"Giornata della salute" 4° Edizione 2009 CeSMI

in collaborazione con

Ordine dei Medici della provincia di Palermo

Patrocinato dal Comitato Permanente di Consenso per le medicine non convenzionali in Italia e

Associazione per la medicina centrata sulla persona

Palermo 10 ottobre 2009

Ordine dei Medici

(Villa Magnisi)

Via Rosario da Partanna 22

Programma

ore 9,00 Saluto ed inaugurazione S. Amato, presidente Ordine dei Medici Palermo, direttore UO Dermatologia ARNAS Civico Palermo, G. Pravatà presidente CeSMI

Moderatori: S. Amato, P. Roberti di Sarsina

ore 9,30 La Medicina Centrata sulla Persona, P. Roberti di Sarsina

ore 10,00 Potenzialità della medicina non convenzionale in geriatria, M. Barbagallo

Ore 10,30 Lombalgia e lombosciatalgia. Esempi di terapia con Agopuntura in casi clinici, A. La Sala

Ore 11,00 Coffee break

Ore 11,30 L'Immunoterapia specifica in pediatria: stato dell'arte, criticità e prospettive S. La Grutta

Ore 12,00 Approccio diagnostico-terapeutico della Medicina tradizionale cinese in pediatria, R. Geloso

Ore 12,30 Aspetti attuali della Fitoterapia, R. Nocifora

Ore 13,00 Pranzo di lavoro

Moderatori: G. Filippazzo, G. Pravatà

ore 14,30 Leggi fondamentali dell’omeopatia, V. Sbacchi

ore 15,00 Che tipo di specialistica è l’Omeopatia? C. D’Arpa

ore 16,00 La ricerca omeopatica sperimentale, G. Arena

ore 16,30 Biomedicina e MnC a confronto in dermatologia, S. Amato

ore 17,00 Applicazioni dell’agopuntura in dermatologia, G. Pravatà

ore 17,30 Medicina antroposofica: approccio diagnostico ed intervento clinico, R. Nocifora

ore 18,00 Tavola rotonda: Esperienze di integrazione tra le MnC e la medicina tradizionale in occidente e questions time (tutti i relatori)

ore 19, 00 Conclusione


Comitato scientifico: S. Amato, G. Pravatà, V. Sbacchi

 

Segreteria organizzativa:
Collage Congressi Via Umberto Giordano 37/a, 90144 Palermo
Tel. 0039 091 6818545 - Fax 0039 091 9889354
e- mail: belinda.mineo@collagecongressi.it

Crediti ECM – Evento n°9196-9032210
Saranno iscritti ai crediti formativi ECM i primi 100 richiedenti.
Inviare alla segreteria organizzativa e-mail o fax di richiesta iscrizione con dati anagrafici e specializzazione.

 

Relatori
Prof. Salvatore Amato, presidente Ordine dei Medici Palermo, direttore U.O. Dermatologia e MTS ARNAS, Palermo
Dott. Paolo Roberti di Sarsina, esperto per le Medicine Non Convenzionali del Consiglio Superiore di Sanità, presidente dell’Associazione per la Medicina Centrata sulla Persona, coordinatore Commissione MNC OMCeO, Bologna
Prof. Mario Barbagallo, direttore Scuola di specializzazione in Geriatria, UO di Geriatria Università di Palermo
Dott.ssa Angela.La Sala, medico esperto in Agopuntura e MTC presidente Ass. Qi, Palermo
Dott.ssa Stefania La Grutta, dirigente Medico Responsabile ST VIII Ambiente e Salute Agenzia Regionale per la Protezione Ambiente - ARPA Sicilia, Palermo
Dott.ssa Rosamaria Geloso, medico esperto in Agopuntura e MTC presidente La Mandragora, Palermo
Dott. Riccardo Nocifora, cardiologo, medico antroposofo, fitoterapeuta, Gruppo medico siciliano di antroposofia, Palermo
Dott.ssa Gabriella Filippazzo, gastroenterologa, direttore sanitario di P.O. dell’Azienda ospedaliera della rete di emergenza di 2° livello “V. Cervello”, Palermo
Dott. Vincenzo Sbacchi, medico psicosomatista omeopata, CeSMI, Palermo
Dott. Ciro D’Arpa, psichiatra, omeopata, agopuntore, presidente della Società Italiana di Medicina Omeopatica, Palermo
Dott. Gaetano Arena, geriatra, omeopata, omotossicologo, Catania
Dott.ssa Gabriella Pravatà, dermatologa master universitario di II livello in Agopuntura e MTC, presidente CeSMI, Palermo

 

 SPIRITO E/E’ MATERIA ? Una riflessione su natura e coscienza
Descrizione breve Santo Stefano Quisquina 3 - 5 luglio 2009
Testo

 

La Scuola di formazione etico-politica "GIOVANNI FALCONE" ed il Centro studi di medicina integrata (CeSMI) propongono il seminario residenziale a Santo Stefano Quisquina.


Ognuno di noi ha una concezione globale della realtà e, all'interno di essa, una idea dell'essere umano. Domande ontologiche come "che cosa intendiamo quando diciamo materia o spirito?" e domande antropologiche come "che cosa intendiamo quando diciamo corpo o mente?" sembrano - a prima vista - astratte nel senso deteriore del termine: lontane dalla concretezza della vita quotidiana.
Ma è davvero così? O ciò che pensiamo su cosa sia davvero reale (nell'universo e nella nostra soggettività) comporta delle conseguenze molte precise e molto tangibili sul nostro modo di vivere come persone e come società?
Ne discuteremo, in un lungo week-end, con un filosofo della mente e alcuni scienziati con lo stile intellettuale - ormai acquisito in tanti anni di consuetudine - della semplicità nel linguaggio, del rigore delle argomentazioni e soprattutto dell'assoluto rispetto interpersonale, in modo che ciascuno, pur senza intenti apologetici o proselitistici, abbia modo di esporre con calma il proprio punto di vista e di ascoltare con apertura interiore il punto di vista degli altri interlocutori.

Il seminario si svolgerà presso il Country Hotel Pigna d'Oro
Contrada Finocchiaro (S. Stefano Quisquina, Agrigento)

* La partecipazione ai 3 giorni di seminari: euro 25 (da versare al momento dell'iscrizione).
* Partecipazione solo di 1 giorno (anche un incontro): euro 10 (da versare all'ingresso dell'hotel).

* Ognuno può scegliere di dormire e di pranzare dove ritiene più opportuno.
E' possibile, per chi vuole, chiedere ospitalità al Country Hotel Pigna d'Oro (tf. 0922. 992021 - 333.3177968 - www.pignadorohotel.it) facendo riferimento alla convenzione con la Scuola "Falcone" per il week-end indicato.
Abbiamo infatti concordato un 'pacchetto' a prezzo speciale (comprendente per ogni persona 1 pensione completa + 1 semipensione) al costo di euro 110 in doppia (supplemento singola: + 30 euro). Per esigenze particolari (terzo e quarto letto scontato per bambini) e per la prenotazione delle stanze contattare direttamente la direzione dell'Hotel. Le stanze ci saranno riservate sino al giorno 19 giugno: oltre questa data sarà possibile trovare occupate tutte le 18 stanze dell'albergo.
* L'Hotel si raggiunge facilmente seguendo le due possibili strade per S. Stefano Quisquina: la più comoda, ma meno suggestiva, è la veloce Palermo - Agrigento, uscita a Lercara e prosecuzione in direzione Prizzi - S. Stefano; più tortuosa, ma più intrigante, la provinciale che si stacca dalla veloce Palermo - Agrigento già a Misilmeri, passa per Marineo e Ficuzza, quindi Prizzi - S. Stefano. In entrambi i casi, prima di entrare nel paese, girare a sinistra in direzione Monte S. Calogero (ma c'è anche l'insegna "Pigna d'Oro") e salire per circa due chilometri sino alla cima (circa 1200 metri s.l.m)


Programma
Venerdì 3 luglio 2009

ore 17,30: arrivo in albergo, sistemazione nelle camere,

accoglienza reciproca

ore 20,00: cena

ore 21,30 - 22,30: Che siamo venuti a...pensare?

Discussione di gruppo introdotta da Pietro Spalla

 

Sabato 4 luglio

ore 10,30: Berkeley e Condillac: ovvero Mr. Spirito e Mr. Materia

Discussione di gruppo introdotta da Augusto Cavadi

ore 11,30: Pausa

ore 12 - 13: Il materialismo di un biologo

Intervento di Michele Ernandez (dell'Unione degli Atei e degli Agnostici
Razionalisti) e discussione di gruppo

ore 13,00: Pranzo


ore 17,30: Mente e materia: il Corpo come macchina temporale

Discussione di gruppo introdotta da Alberto Biuso

ore 18,30: Pausa

ore 19- 20: L'unità psicofisica dell'essere umano

Intervento di un medico e discussione di gruppo

ore 20: Pizza offerta in campagna dalla famiglia Saieva

 

Domenica 5 luglio


ore 10,00: Visita in fattoria alla scoperta di cibi genuini

ore 11,30: Che idee nuove ci portiamo a casa?

Assemblea conclusiva moderata da Francesco Palazzo

ore 13,00: Pranzo

ore 16,00: Ritorno alle case.

 

 L’arte della cura…La cura dell’arte
Descrizione breve Il 29 maggio al CesMI ha avuto luogo una giornata di scambi di pensieri e di esperienze tra psicoterapeuti, arteterapeuti, medici, ideata da Gorgio Geraci. Pubblichiamo il report finale di Mario Mulè in attesa delle relazioni della giornata .
Testo


Palermo - 29.05.09

Ho deciso di assolvere al ruolo di reporter che Giorgio mi ha affidato riportando non tanto il sunto della varie relazioni ( peraltro di non facile realizzazione ) quanto piuttosto sensazioni e pensieri nati da questa giornata di riflessione sulla cura e sull’arte per molti versi inusuale.
Insolito era già il clima che si sentiva: forse era la casa che ci accoglieva, calda e colorata; forse l’accoglienza e la festa che subito si sperimentava.
Molti abbracci, un fitto intreccio di incontri e di racconti affettuosi e confidenziali, un’atmosfera gioiosa e rilassata.
Gabriella Pravatà, introducendo i lavori della giornata, ci invita a firmare un documento in difesa dell’ambiente. Cosa c’entra la difesa dell’ambiente con un convegno sulle psicoterapie? La risposta che mi do è ovvia ed immediata. Penso a quanto diceva E. Fromm a questo proposito: chi è capace veramente di amare non lo farà amando una sola persona o soltanto i suoi familiari, perché amerà se stesso ed il mondo, gli uomini e la natura.
Giorgio prende la parola per dirci che ha voluto organizzare questa giornata di studio per un bisogno di incontro con i tanti colleghi che ha conosciuto lungo il suo percorso professionale. Ma potrebbe avere altro senso? Conosco l’affettività di Giorgio, sempre presente e quasi traboccante, che caratterizza ogni suo discorso, ogni sua azione.
Cominciano le relazioni: c’è un alto livello di competenza, circolano pensieri raffinati, frutto di una vita di studio, di lavoro, di ricerca. Il tema dominante è quello della cura, della sofferenza, della clinica. Clinica proviene dal gesto di chinarsi, di piegarsi verso la persona sofferente per accostare l’orecchio al suo petto, per sentire il battito del cuore o il soffio del suo respiro dentro i polmoni.
“ Con la curiosità per lo straniero ed il rispetto per l’ospite” ci ricorda Boccolan.
E più tardi la Barbera ci dirà che la sana curiosità per le vicende umane è forse l’istanza fondamentale che sostiene il nostro lavoro, alla ricerca di un incontro con l’altro e con le sue drammatiche vicissitudini.
Cura come dare parola, perché le metafore mute che vivono dentro di noi e si fanno strada nei sogni e nei sintomi, iscritte nella memoria implicita con una forte carica affettiva ma enigmatiche e confuse, chiedono di essere conosciute che sia l’immagine e la configurazione o la parola a simbolizzarle.
Quindi la cura come narrazione, come costruzione di senso all’interno di un incontro, perché è nell’intersoggettività che nasce una trama di significati, come atto creativo e poetico, come ispirazione.
Ma la cura, ci ricorda La Barbera, non è solo creatività, arte, invenzione. Il richiamo è al metodo, alla conoscenza dei fattori strutturali e strutturanti che non soltanto sono necessità per un approccio scientifico e valicato, ma anche per un lavoro che si fondi sull’etica.
Lo Verso recupera la sua esperienza di uomo di mare e ci porta la metafora della navigazione, anche quella più avventurosa, oltre le 6 miglia dalla terra: il metodo è ciò che consente di navigare in acque profonde, così come una buona barca ed un timoniere esperto consentono di avventurarsi in mare aperto, di affrontare ciò che ancora non si conosce.
Si confrontano e si intrecciano dunque istanze diverse: il richiamo all’ispirazione, all’intuito poetico ma al contempo la necessità della disciplina e del metodo, necessità che accomuna psicoterapia ed arteterapia.
Ma non è proprio questo uno degli aspetti che caratterizzano l’attività dello psicoterapeuta? Non deve essere “ ispirato” dal paziente che ha di fronte, ma altresì capace di pensare per categorizzare o almeno per rintracciare prototipi, percorsi, strutture?
Sappiamo ( ce lo ricorda Lo Verso ) che le teorie sono strumenti di navigazione, utili ma modificabili e migliorabili. Ed anche le teorie più autorevoli possono e debbono essere verificate e relativizzate: Falci ce ne dà un esempio mettendo in discussione l’impostazione “ patobiografica” con cui sono state lette le opere di artisti, a partire dal famoso lavoro di Freud su Leonardo, molto geniale ma anche molto arbitrario.
Un’opera di un artista è qualcosa di più e di diverso di una trasposizione, per es: su una tela, di traumi e conflitti inconsci che affondano nella storia infantile; e le categorie per una loro conoscenza debbono allargarsi oltre la psicoanalisi e la psicopatologia. Della necessità del limite anche all’interno della terapia ci parla già il
Mito di Esculapio, che venne richiamato dagli dei e “ ridimensionato” nella sua onnipotenza terapeutica.
Una domanda è circolata, mi sembra senza una risposta definita. La domanda era sulla capacità auto-terapeutica dell’arte. In altri termini se chi produce qualcosa di artistico si cura e guarisce dai propri mali.
Forse una risposta può darcela il grande Tiziano, che stanco degli uomini e dalla vita,dipingendo il maestoso paradiso del Palazzo ducale a Venezia, così armonioso e sereno, immerso in immagini e colori, “ dimenticò di morire”.
Del resto Miro, che riconosceva nel suo carattere qualcosa di malinconico e di tragico, ci racconta che forse il suo humor era l’unico modo che conosceva per potervi sfuggire: “ E’ una reazione, ma involontaria”, diceva. Ed aggiungeva in un altro scritto: “ Se non dipingo divento inquieto, mi sento depresso, mi tormento, sono triste, ho idee nere e non so che cosa fare di me stesso”.

_________________________________

Siamo adesso al pomeriggio. Il clima è diverso, sempre amichevole ma “più intimo”, più informale. Siamo disposti a cerchio ( in verità ad ovale ), si parla delle esperienze, di terapeuti che si uniscono ai pazienti, con un connettivo che li avvicina fatto di artigianato e di arte.
Giulia Motisi ci racconta del suo rapporto con la creta, di questo incontro primordiale con la madre terra, che sembra ricco di promesse ma ancora enigmatico ed indefinito.
Io penso al terapeuta come “ eterno debuttante”, secondo le parole di Corrado Pontati; penso a questo impegno, promosso dalla 180, a cercare nuovi strumenti, a creare ponti e linguaggi per avvicinare anche i pazienti più autistici, a decifrare i loro ( ed i nostri? ) fantasmi.
Peppe Romano ci parla del coro, il canto che accomuna, che fa tornare il paziente nella comunità umana, come racconta un ragazzo in una lettera-messaggio diffusa attraverso la radio.
Mentre Peppe ci racconta questa esperienza mi vengono in mente “ i fattori terapeutici aspecifici” descritti dagli studiosi del processo terapeutico gruppale. Ma anche quello che dice E. Saverino quando ricorda che è stato il canto, assieme alla danza, che ha raccolto l’uomo attorno al fuoco, creando i primi abbozzi di Comunità.
Ed il canto, una canzone di Jovanotti, è il tramite che Patrizia Muccioli ha usato per incontrare i ragazzi. Canzoni e scrittura creativa per sfidare il nichilismo delle nuove generazioni, l’ospite inquietante di cui parla U. Galimberti.
Una sfida che contiene una fede nell’uomo, anche quando sembrano prevalere la stupidità e l’arroganza, forti anche del pensiero di Winnicot che ci ammonisce sulla nostra responsabilità: perché la creatività può emergere se, ma solamente se, c’è qualcuno capace di rispecchiarla.
Giorgio Geraci ci racconta della “ nascita” della sua vocazione artistica che era coperta dalla dimensione professionale e che è emersa come bisogno urgente, che non può più tacere, attraverso la sofferenza della malattia.
Ma non sono forse le umanità dolenti quelle che hanno meglio avvertito, per risonanza, i mali del mondo? Pare infatti che gli artisti del XX secolo abbiano una caratteristica comune, di avvertire in una condizione che spesso è solitaria e sofferente, i mali di un secolo che ha visto milioni di morti, due guerre mondiali, lo scoppio dell’atomica e, ultima arrivata, la disperazione dei profughi che fuggono le guerre e la fame e che il mondo opulento respinge e lascia morire, in un grottesco rimbalzo di accuse e di responsabilità.
Rosalia Billeci ci racconta del teatro, che ha nutrito la sua anima, che ha dilatato ed arricchito la sua esperienza. Il teatro che ti consente di vivere molte vite, che trasforma anche le bruttezze del mondo, consentendo di guardarle e di superarle.
Viene in mente quanto dice G. Benedetti, che propone l’esistenza di un “ terzo principio”, oltre ai principi del piacere e della realtà descritti da Freud.
Questo terzo principio, dice, è il bisogno di esteriorizzare, drammatizzare, configurare, comunque fare vivere qualcosa che dentro di noi preme per rappresentarsi al cospetto del mondo.
Michele Inguglia ci racconta del suo “ flirt” con il tornio: ancora non è nato un vero amore, c’è solo un gioco di sguardi, un avvicinarsi stupito e meravigliato per uno strumento che crea e che, forse, riesce a scongelare che si è congelato, parafrasando Resnik.
Eliana Baiamonte ci parla di una trasformazione che avviene attraverso la creatività, trasformazione che risuscita gli operatori prima ancora dei pazienti, li rende vivi ed infonde speranza.
E la speranza è un fattore fondamentale nella terapia: ce lo ricorda Luc Ciompi che lo inserisce tra gli ingredienti più efficaci addirittura imprescindibile in ogni lavoro che si proponga la cura ed il cambiamento.
Creatività che riesce ad oltrepassare le mura del carcere, le sbarre delle celle, come ci racconta Claudia Bongiorno, per portare anche agli ultimi degli ultimi ( carcerati con la doppia diagnosi ) una possibilità di esprimersi e di esistere.

_________________________________________________________________________________

Così si è conclusa una giornata di scambi di pensieri e di esperienze.
Resta ancora da appagare il desiderio di amicizia e di incontro, che certamente ha circolato per tutta la giornata, ma ha bisogno di un suo rito, dei canti di Coralmente, del couscous trapanese ( di Titti ) e di un brindisi con lo champagne che festeggi l’amico di noi tutti, il nostro caro Giorgio.

 "Cinema- Sogno- Psicanalisi"
giovedi 25 giugno ore 21 ultimo incontro per il ciclo di proiezioni "Cinema- Sogno- Psicanalisi" il Prof. Giuseppe Zimmardi e la Dott.ssa Rosalia Billeci psicoterapeuta discuteranno sul tema

 

 

 

Visione, analisi e commento di tre opere cinematografiche, Io ti salverò di A. Hitchcock, il posto delle fragole di I. Bergman e un chien Andalou di L. Buñuel e S. Dalì.

I tre film scelti seguono un preciso percorso didattico e di complessità.

Il primo, di Hitchcock, per la sua trama scandita nei modi della detective story, ma che è anche una love-story con tanto di happy end , è stato considerato il manifesto di un modo tutto americano anni ’40 e ‘50 ottimistico e, se si vuole, semplicistico di intendere la terapia psicanalitica. Subito dopo i titoli di testa prima che inizi la storia un cartello annunzia principi e virtù delle teorie freudiane. Tuttavia al di là di questa interpretazione, che ha un suo valore storico sociale ben preciso, il film presenta una narrazione filmica interessante. Hitchcok prende spunto dai temi della dell’indagine psicanalitica e del sogno per usare le convenzioni del linguaggio cinematografico in modo atipico e non convenzionale. Flash back, dissolvenze, l’uso del dettaglio contrastato e della metafora visiva divengono funzioni atte a sottolineare e descrivere l’oggetto e il lavoro psicanalitico. La visualizzazione del sogno è in parte delegata alle scenografie di S. Dalì, riconosciuto genio del surrealismo e per tanto esperto di visioni oniriche , non sfocate, come nella tradizione, ma chiare e luminose. Lo spettatore si lascia coinvolgere dalla storia e tuttavia, a tratti, ne rimane spiazzato. L’incerta identità del protagonista lo priva dell’abituale e gratificante identificazione. La soggettiva finale del film gli si impone come marca allucinatoria contraddicendo almeno in parte l’happy end finale.

Un sogno è l’incipit del film di I. Bergman il posto delle fragole. Alla vigilia del riconoscimento pubblico della sua lunga carriera di professione medica Isak Borg sogna il suo funerale. Al risveglio decide di intraprendere il viaggio che lo condurrà alla città della cerimonia in automobile invece che in aereo. Tale viaggio sarà occasione di incontri e visite ai luoghi della sua giovinezza che lo porteranno ad una profonda riflessione sul senso della propria esistenza. Anche in questo film le convenzioni cinematografiche sono rinnovate e piegate alle esigenze dell’autore-regista. Lo stile e temi dell’espressionismo tedesco alla Dreyer da forma e la materia al sogno iniziale. Il continuo ricorso a flash-back rompe la lineare narrazione degli eventi a vantaggio di un tempo della coscienza. Gli spostamenti da un luogo a l’altro sono del tutto a svantaggio della verosimiglianza geografica e a favore della visione della realtà privata e interiore del protagonista. Le situazioni degli incontri possono ritenersi figure delle posizioni kierkegaardiane: la gioventù vissuta nell’infinità dell’attimo, il tema della scelta, il silenzio di Dio. Una prova d’esame introdotta da un semplice passaggio esterno/interno, ricreata con parole incomprensibili, immagini incongrue e personaggi allucinati , riprende il tema freudiano del sogno d’esame. In questa specie di sogni angosciosi Freud ravvisa il segno di un peggio già avvenuto e superato, e in effetti, alla fine del film, si ha la sensazione di avere accompagnato Isak Borg in una sorta di autoanalisi catartica.


Il 6 giugno 1929 viene presentato alla galleria Ursulines di Parigi un chien andalou un film di L. Buñuel e S. Dalì.
Considerato il primo film surrealista gli stessi autori vantavano di aver seguito di comune accordo, durante la stesura della sceneggiatura, una semplice regola: non accettare alcuna idea, alcuna immagine in grado di condurre a una spiegazione razionale. Ad aprire le porte dell’irrazzionale, dopo il cartello c’era una volta segue la sequenza choc dell’occhio tagliato. Un uomo al balcone affila il rasoio e guarda la luna, entra in casa, si avvicina una donna seduta e, dopo che una nuvola ha attraversato la luna, taglia trasversalmente l’occhio della donna. Segue il cartello otto anni dopo. Metafora edipica, del veggente cieco, della notte dei mistici o dell’irrompere caotico dell’inconscio, l’occhio, tagliato o no, è un tema caro ai surrealisti che dello scarto e del (ri)taglio fecero materia per la loro scrittura automatica. Tale tecnica poetica, praticata ovviamente nella scrittura ma anche nelle arti pittoriche e grafiche, era impossibile da applicare, a quei tempi, alla ripresa cinematografica che necessariamente doveva avvalersi di luci, cinepresa, attori e tecnici bene organizzati e comunque lontani dalla pratica del caso. Così la scelta dei due autori è quella di sviluppare il film attraverso una sorta di decostruzione narrativa/temporale. Stacchi, campi/controcampi, montaggio alternato, parvenza narrativa scandita da cartelli convenzionali sono usati in modo tradizionale e tuttavia connettono l’incongruo. Porte si aprono sul mare, movimenti iniziano in una inquadratura interna per concludersi in una inquadratura esterna. Una sola volta è tradita la perpendicolarità della macchina da presa e l’uso della dissolvenza è improprio. Non viene usata come transizione da una inquadratura all’altra ma per creare sovrapposizioni persistenti tra due inquadrature sovrapposte.
Ne viene fuori un intreccio senza fabula il cui probabile correlativo oggettivo è forse la scatola strisce diagonali bianche/nere esibita al collo all’inizio dal protagonista e distrutta alla fine. Il principio di identità e di non contraddizione è tradito, il terzo è incluso, siamo presenti ad un sogno. Ma chi sogna?

Incontri rivolti ai soci con ingresso libero.

Ai non soci è richiesto un contributo di euro 5

 

Programma attività anno 2009
Conferenze

Ven 27 feb ore 17,30-19,30 Campi magnetici pulsanti – ambiti di intervento, G. Pravatà dermatologa e master in agopuntura e mtc

Giov 12 mar ore 21,00 Nutrizione e squilibri ormonali, M. La Mantia nutrizionista naturopata

Sab 21 marz ore 17,30-19,30 Ambiente e complessità, S. Riggio ordinario di Ecologia Facoltà MM.FF. NN Università di Palermo

Ven 27 marz ore 17,30-19,30 Idioplastia: come la mente modella la materia, V. Sbacchi medico omeopata psicosomatista

Giov 2 apr ore 21 Invecchiare in salute con le strategie della “Medicina funzionale secondo M. Pandiani, M. La Mantia nutrizionista naturopata

Ven 24 apr ore 17,30 – 19,30 Relazione genitori-figli: problematiche adolescenziali e comunicazione, A.M. Barbera psicologo clinico

Ven 8 mag ore 17,30-19,30 Prurito un sintomo, una malattia? G. Pravatà dermatologa, master in agopuntura e mtc

Sab 9 mag 17,30-18,30 Giornata di prevenzione dei tumori cutanei (conferenza e consulenze gratuite), G. Pravatà dermatologa, master in agopuntura e mtc

Ven 5 giugno ore 17,30-19,30 Nutrizione un nuovo contatto alimentare, G. Marchione Caronna farmacista

Attività di gruppo

Ven 6 marz ore 17,30 – 19,30 Centralità della colonna vertebrale con il metodo Feldenkrais, C. Forte insegnante internazionale metodo Feldenkrais.

Ven 13 marz ore 17,30-19,30 Il Gioco rituale, un’occasione per la vita (assetto di laboratorio psicodrammatico) A. Enia, neuropsichiatra infantile psicodrammaterapeuta

Ven 20 marz ore 17,30 – 19,30 Stress cronico e Zen Shiatsu , qualche tecnica per l’autotrattamento (attività di gruppo) scuola Shiatsu Ki Firenze


Ven 15 mag ore 17,30-19,30 I 6 Suoni Del Qi Gong Terapeutico, G. Pravatà dermatologa e master in agopuntura e mtc

 

Incontri di teatro di sociopsicodramma

Sab 7 marz ore 20,30 “Le Madri” Teatro di Socipospsicodramma e a seguire gruppo dinamico-creativo R.Billeci medico psicoterapeuta e psicodrammaterapeuta, A. Enia medico psicodrammaterapeuta; dom 8 marz ore 17,30 – 19,30 approfondimento e dibattito sul tema: Genitorialità al femminile con R.Billeci medico psicodrammaterapeuta

Sab 4 Apr ore 20,30 “Suoni…Parole: La Sicilia tra storia e complessità” Teatro di Socipospsicodramma e a seguire gruppo dinamico-creativo R.Billeci medico psicodrammaterapeuta; dom 5 apr ore 17,30 – 19,30 approfondimento e dibattito sul tema: Identità e appartenenza con R.Billeci medico psicodrammaterapeuta

Le iniziative dell’anno 2009 sono rivolte ai Soci che desiderano promuovere la salute psicofisica ed ambientale, incontrarsi per conoscere e proporre argomenti di medicina e salute, sviluppare ed esprimere la creatività, essere protagonisti della propria vita.

La segreteria per le nuove iscrizioni è aperta il giov dalle 16,30 alle 18,30.


La quota di partecipazione al programma dell'anno 2009 compresiva di quota associativa è di euro 100,00 con validità annuale.

 

 

QI GONG MEDICO - 6 SUONI TERAPEUTICI

Il Qi Gong, pratica terapeutica psicocorporea millenaria della medicina tradizionale cinese, riequilibra la disfunzione organica attraverso esercizi specifici che armonizzano l’energia vitale.
Qi è energia, Gong è esercizio e padronanza di sé. La pratica del Qi Gong si avvale di tre gruppi di tecniche: le posture ed i movimenti; le tecniche di respirazione; le tecniche di concentrazione, rilassamento e visualizzazione.
Il Qi Gong è utile in ansia, risveglio notturno, insonnia, panico, tachicardia, disturbi della memoria e dell’attenzione, tachicardia, diminuzione delle difese immunitarie, disturbi della circolazione venosa, linfatica, contratture muscolari, squilibri ormonali, obesità.

Gabriella Pravatà conduce il corso settimanale GIOVEDI ORE 18,30 - 20,00 ultimo incontro 4 giugno


Contributo euro 10 ad incontro

 

Virtù e segreti delle piante officinali tra antichi rimedi e nuove applicazioni.
Descrizione breve Mercoledì 17 giugno. Marisa Canzoneri, agronomo e Giuseppina Caronna, farmacista, socio del CeSMI, vi accompagneranno in un excursus antropologico-agrario e botanico-farmaceutico, partendo dalla conoscenza dell’uso tradizionale delle piante medicinali in Sicilia, fino agli usi attuali, farmaceutici ed erboristici.
Testo

Il sabato seguente, 18 giugno sarà possibile visitare il "Campo catalogo di piante officinali
della flora locale" recentemente realizzato presso l'ex vivaio Luparello del Dipartimento Regionale Foreste Demaniali (via Roccazzo).


Marisa Canzoneri è dipendente dell’Ente Sviluppo Agricolo-Regione Siciliana; studiosa di etnobotanica, attualmente lavora al Dipartimento Regionale Azienda Foreste, Palermo, dove si occupa della promozione, divulgazione e coltivazione di piante officinali locali.
Giuseppina Caronna è farmacista, naturopata, nutrizionista, erborista, lavora in Farmacia Caronna Porta Cuccia, 9 a Palermo

 

"Filosofia pratica per non filosofi"
sessioni di Filosofia in pratica
conduce Augusto Cavadi (consulente filosofico riconosciuto dall'associazione nazionale "Phronesis").

Argomenti trattati nei precedenti incontri da gennaio a giugno 2009:

"Quando il rigore e la coerenza diventano rigidità e fanatismo?"I e II parte

“Tutti i principi sono negoziabili?

“E’ possibile essere coerenti in tempo di mafia?”

“Impegnarsi personalmente per liberarsi dal dominio mafioso è possibile?”

“Immigrazione"

"L'Islam oltre gli stereotipi I e II parte"

" Il ruolo della donna nell'Islam"


E' consigliabile per chi non conosca cos'e la filosofia in pratica leggere "Filosofia praticata - Di Girolamo editore", o documentarsi sul sito www.augustocavadi.eu.
La partecipazione a ogni incontro prevede un contributo di euro 5

 

Augusto Cavadi svolge attività di consulenza filosofica individuale su appuntamento. Inviare la richiesta all'indirizzo di posta elettronica info@cesmipalermo.com

Si riprende ad ottobre.

L’arte della cura … La cura dell’arte
 Giornata di riflessione sul lavoro dello psicoterapeuta. Venerdì 29 maggio 2009 ore 10.00 -17.30
 

 

Uno psicoterapeuta si è improvvisamente trovato attraversato da un evento, gravemente e profondamente traumatico. Ha “scelto” il lavoro della pittura per la rielaborazione del “suo trauma”.


Il seminario nasce dalla voglia di condividere, con chi fa lo stesso mestiere, la sofferenza, la cura e l’elaborazione conseguente, attraverso un confronto professionale da vertici osservativi ed elaborativi differenti ma avente la cura come obiettivo comune.

Vivere la sofferenza comporta fare esperienza del limite, come anticipo della fine, vivere l’incomunicabilità, la separazione, la distanza, l’isolamento, la precarietà, la debolezza.

La cura si origina come attenzione preoccupata rivolta verso se stessi a partire dal sentimento di “precarietà”.

Così come l’artista ha la possibilità di cogliere l’inaudito, il non visto e il non detto così il terapeuta, affinando la sua recettività estetica, costruisce storie, immagini e discorsi che offrono alla mente del paziente la possibilità di ascoltare, vedere e dar voce a parti di sé non esplorate.
L’arte ed il lavoro di cura condividono, quindi, l’area del non visto e del non detto, come confine del pensiero nascente.

I tre linguaggi dell’attività artistica, visivo, musicale, verbale, possono corrispondere ai tre segni privilegiati nel lavoro terapeutico: il sogno (immagine), il pre - verbale (suono) e il discorso verbale (parola).

Il seminario: “L’arte della cura … la cura dell’arte” vuole “attraversare” l’essere umano provando ad esplorare la dimensione operativa “pubblica” che si rivela nella cura dell’altro, e la dimensione privata in cui l’uso dell’arte diventa “la cura” di noi stessi.
Per una trans – formazione integrata.

 

Venerdì 29 maggio 2009 ore 10.00 -17.30

Intervengono:
R. Billeci, R. Boccalon, C. Bongiorno, A. Falci, G. Geraci, M. Inguglia, D. La Barbera, F. La Rosa, G. Lo Verso,
G. Motisi, P. Muccioli, M. Mulè, G. Pravatà, G. Romano

Ore 10 Apertura dei lavori: Giorgio Geraci - Moderatore Gabriella Pravatà

Relazioni di Roberto Boccalon, Amedeo Falci, Daniele La Barbera, Girolamo Lo Verso, Franco La Rosa

Ore 12 Dibattito

Ore 13 Lunch

Ore 15 Tavola rotonda condotta da Claudia Bongiorno

Intervengono Patrizia Muccioli, Michele Inguglia, Beppe Romano, Giulia Motisi, Giorgio Geraci, Rosalia Billeci

Ore 17,30 Report finale Mario Mulè

Ore 18.00 Vernissage della mostra “ Ritorno a casa ” di Giorgio Geraci
Ore 19.00 Concerto del gruppo corale “ Coralmente ”
Ore 20.00 Cocktail (cous cous e champagne)

Centro Studi di Medicina Integrata
Villino Zanca – Via Dante 153 - Palermo

 Ciclo di proiezioni di film d'autore con dibattito
 L'ambiente culturale e sociale diventa fondamentale nello sviluppo della salute, per questo proponiamo incontri culturali come parte integrante delle nostre attività

 

"Poiché pensiamo che l’individuo esiste in quanto si relaziona, l’ambiente culturale e sociale diventa fondamentale nello sviluppo della salute, per questo il CeSMI considera gli incontri culturali parte integrante delle sue attività a beneficio dell'essere umano"


Ogni secondo e quarto giovedi del mese

proiezione di film d'autore a cura del Prof. Giuseppe Zimmardi filosofo

 

 

Ciclo di proiezioni "Cinema- Sogno- Psicanalisi" e condivisione sul tema insieme al Prof. Giuseppe Zimmardi e la Dott.ssa Rosalia Billeci psicoterapeuta

 

Visione, analisi e commento di tre opere cinematografiche, Io ti salverò di A. Hitchcock, il posto delle fragole di I. Bergman e un chien Andalou di L. Buñuel e S. Dalì.

I tre film scelti seguono un preciso percorso didattico e di complessità.

Il primo, di Hitchcock, per la sua trama scandita nei modi della detective story, ma che è anche una love-story con tanto di happy end , è stato considerato il manifesto di un modo tutto americano anni ’40 e ‘50 ottimistico e, se si vuole, semplicistico di intendere la terapia psicanalitica. Subito dopo i titoli di testa prima che inizi la storia un cartello annunzia principi e virtù delle teorie freudiane. Tuttavia al di là di questa interpretazione, che ha un suo valore storico sociale ben preciso, il film presenta una narrazione filmica interessante. Hitchcok prende spunto dai temi della dell’indagine psicanalitica e del sogno per usare le convenzioni del linguaggio cinematografico in modo atipico e non convenzionale. Flash back, dissolvenze, l’uso del dettaglio contrastato e della metafora visiva divengono funzioni atte a sottolineare e descrivere l’oggetto e il lavoro psicanalitico. La visualizzazione del sogno è in parte delegata alle scenografie di S. Dalì, riconosciuto genio del surrealismo e per tanto esperto di visioni oniriche , non sfocate, come nella tradizione, ma chiare e luminose. Lo spettatore si lascia coinvolgere dalla storia e tuttavia, a tratti, ne rimane spiazzato. L’incerta identità del protagonista lo priva dell’abituale e gratificante identificazione. La soggettiva finale del film gli si impone come marca allucinatoria contraddicendo almeno in parte l’happy end finale.

Un sogno è l’incipit del film di I. Bergman il posto delle fragole. Alla vigilia del riconoscimento pubblico della sua lunga carriera di professione medica Isak Borg sogna il suo funerale. Al risveglio decide di intraprendere il viaggio che lo condurrà alla città della cerimonia in automobile invece che in aereo. Tale viaggio sarà occasione di incontri e visite ai luoghi della sua giovinezza che lo porteranno ad una profonda riflessione sul senso della propria esistenza. Anche in questo film le convenzioni cinematografiche sono rinnovate e piegate alle esigenze dell’autore-regista. Lo stile e temi dell’espressionismo tedesco alla Dreyer da forma e la materia al sogno iniziale. Il continuo ricorso a flash-back rompe la lineare narrazione degli eventi a vantaggio di un tempo della coscienza. Gli spostamenti da un luogo a l’altro sono del tutto a svantaggio della verosimiglianza geografica e a favore della visione della realtà privata e interiore del protagonista. Le situazioni degli incontri possono ritenersi figure delle posizioni kierkegaardiane: la gioventù vissuta nell’infinità dell’attimo, il tema della scelta, il silenzio di Dio. Una prova d’esame introdotta da un semplice passaggio esterno/interno, ricreata con parole incomprensibili, immagini incongrue e personaggi allucinati , riprende il tema freudiano del sogno d’esame. In questa specie di sogni angosciosi Freud ravvisa il segno di un peggio già avvenuto e superato, e in effetti, alla fine del film, si ha la sensazione di avere accompagnato Isak Borg in una sorta di autoanalisi catartica.


Il 6 giugno 1929 viene presentato alla galleria Ursulines di Parigi un chien andalou un film di L. Buñuel e S. Dalì.
Considerato il primo film surrealista gli stessi autori vantavano di aver seguito di comune accordo, durante la stesura della sceneggiatura, una semplice regola: non accettare alcuna idea, alcuna immagine in grado di condurre a una spiegazione razionale. Ad aprire le porte dell’irrazzionale, dopo il cartello c’era una volta segue la sequenza choc dell’occhio tagliato. Un uomo al balcone affila il rasoio e guarda la luna, entra in casa, si avvicina una donna seduta e, dopo che una nuvola ha attraversato la luna, taglia trasversalmente l’occhio della donna. Segue il cartello otto anni dopo. Metafora edipica, del veggente cieco, della notte dei mistici o dell’irrompere caotico dell’inconscio, l’occhio, tagliato o no, è un tema caro ai surrealisti che dello scarto e del (ri)taglio fecero materia per la loro scrittura automatica. Tale tecnica poetica, praticata ovviamente nella scrittura ma anche nelle arti pittoriche e grafiche, era impossibile da applicare, a quei tempi, alla ripresa cinematografica che necessariamente doveva avvalersi di luci, cinepresa, attori e tecnici bene organizzati e comunque lontani dalla pratica del caso. Così la scelta dei due autori è quella di sviluppare il film attraverso una sorta di decostruzione narrativa/temporale. Stacchi, campi/controcampi, montaggio alternato, parvenza narrativa scandita da cartelli convenzionali sono usati in modo tradizionale e tuttavia connettono l’incongruo. Porte si aprono sul mare, movimenti iniziano in una inquadratura interna per concludersi in una inquadratura esterna. Una sola volta è tradita la perpendicolarità della macchina da presa e l’uso della dissolvenza è improprio. Non viene usata come transizione da una inquadratura all’altra ma per creare sovrapposizioni persistenti tra due inquadrature sovrapposte.
Ne viene fuori un intreccio senza fabula il cui probabile correlativo oggettivo è forse la scatola strisce diagonali bianche/nere esibita al collo all’inizio dal protagonista e distrutta alla fine. Il principio di identità e di non contraddizione è tradito, il terzo è incluso, siamo presenti ad un sogno. Ma chi sogna?

Incontri rivolti ai soci con ingresso libero.

Ai non soci è richiesto un contributo di euro 5

Conferenze

Maschile e femminile nella società liquida"
Relatrice Prof.ssa A.M.Di Vita, ordinario di Psicodinamica dello sviluppo e delle relazioni familiari, direttore del CIRE Università di Palermo.Venerdì 22 maggio ore 17.30
Società liquida e trasformazione di caratteristiche che da sempre hanno connotato le polarità della vita dell'essere umano: maschile e femminile.


La Prof.ssa A. Maria Di Vita dialogherà con i presenti in un proficuo dibattito sul tema.

Ingresso Libero

Sab 9 mag 17,30-18,30 Giornata di prevenzione dei tumori cutanei (conferenza e consulenze gratuite), G. Pravatà dermatologa, master in agopuntura e mtc

Ven 8 mag ore 17,30-19,30 Prurito un sintomo, una malattia? G. Pravatà dermatologa, master in agopuntura e mtc

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

"Filosofia pratica per non filosofi"
sessioni di Filosofia in pratica
conduce Augusto Cavadi (consulente filosofico riconosciuto dall'associazione nazionale "Phronesis").

Tema di giovedì 7 maggio sarà “L’Islam oltre gli stereotipi I parte”

Argomenti trattati nei precedenti incontri:

"Quando il rigore e la coerenza diventano rigidità e fanatismo?"I e II parte

“Tutti i principi sono negoziabili?

“E’ possibile essere coerenti in tempo di mafia?”

“Impegnarsi personalmente per liberarsi dal dominio mafioso è possibile?”

“Immigrazione"
E' consigliabile per chi non conosca cos'e la filosofia in pratica leggere "Filosofia praticata - Di Girolamo editore", o documentarsi sul sito www.augustocavadi.eu.
La partecipazione a ogni incontro prevede un contributo di euro 5

 

Augusto Cavadi svolge attività di consulenza filosofica individuale su appuntamento. Inviare la richiesta all'indirizzo di posta elettronica info@cesmipalermo.com ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Ciclo di seminari per la promozione della salute
dell’uomo e dell’ambiente

 

18 marzo ore 17,30 – 19,30 Il valore dell'alimentazione per lo sviluppo e il mantenimento della salute con Dott.I. Carreca Prof. oncologia medica, Dott. S.Aloisio nutrizionista, nefrologo, Dott.ssa G. Caronna farmacista naturopata.

8 aprile ore 17,30 – 19,30 Ambiente e salute: inquinamento e trasformazioni vitali con Prof. G. Beccali direttore dipartimento ricerche energetiche ed ambientali Università Palermo; Prof.ssa P. Livreri consulente assessore regionale industria, Dott.ssa G. Filippazzo direttore sanitario Ospedale Cervello, Associazione Medici per l’Ambiente ISDE Italia.
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

LA CENTRALITA’ DELLA COLONNA VERTEBRALE
lezione di Consapevolezza Attraverso il Movimento ® con il Metodo Feldenkrais
condotto da Caterina Forte VENERDI’ 6 MARZO 2009 ore17.30-18.30

metodo feldenkrais ® e consapevolezza
vi è una stretta connessione tra emozioni e atteggiamento posturale. In casi sfavorevoli si può arrivare a bloccare certe parti del corpo in posture inefficienti, contraendo stabilmente e per lo più inconsapevolmente taluni distretti muscolari e costringendo altre parti a compensare con un movimento eccessivo. A lungo andare ciò crea disturbi funzionali o di comportamento. Riportare consapevolezza nelle parti del corpo “dimenticate” permette di eliminare tensioni, ripristinare la libertà di movimento, l’efficienza dell’azione e la salute.
si rivolge a chi desidera
• migliorare organizzazione motoria in chi ha problemi/necessità ortopediche e/o neurologiche;
• riduzione del dolore, benessere psicofisico (anche in gravidanza);
• maggiore consapevolezza e il miglioramento dei processi psicomotori;
• fiducia nelle proprie possibilità, libertà di scelta;
• flessibilità e coordinazione;
• perfezionamento delle prestazioni artistiche e sportive;
• maggiore capacità di apprendimento
caterina forte
studia dal 1995 il Benessere della Schiena a Milano presso la Palestra Forte fondata nel 1976 dal padre Michele Forte e diventata negli anni Ottanta il 1° Centro Feldenkrais in Italia. Dopo numerosi seminari sul Metodo Feldenkrais (1995: Free Your Back; 1996: Schiena libera; 1998: Percorso del Benessere; 1999: Percorso del Benessere; 2001: Risveglia il tuo corpo: scopri e vivi la sessualità con il Metodo Feldenkrais) consegue il Diploma Internazionale di Insegnante del Metodo Feldenkrais nella Formazione “M.Forte” dedicata all’impegno del padre nella divulgazione del metodo. Si interessa di: sistema nervoso, visione oculare, apprendimento, scrittura e creatività, emozioni come viaggio nel corpo. Lavora a Palermo e a Milano. Ha organizzato la Formazione Internazionale Metodo Feldenkrais Palermo. www.feldenkrais.it

“La vita è un processo in continuo divenire. L’uomo nel suo insieme, è un’unità funzionale, e non statica; scheletro, muscolatura, sistema nervoso e ambiente e funzionano tutti insieme. E’ su questo insieme che occorre agire, sulla relazione tra questi quattro elementi”
Moshe Feldenkrais
---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Dolore e accettazione Venerdì 13 e 15 febbraio ore 17.30 la Dott Rosalia Billeci, medico, psicoterapeuta, psicodrammaterapeuta


Il tema sarà svolto in due sessioni: la prima Venerdì 13 febbraio ore 17.30 con la conferenza “ Dolore e accettazione”, la seconda il 15 feb h'18.30 con l'incontro di teatro di sociodramma " DoppiaMente" ( monologo teatrale e gruppo dinamico creativo post spettacolo con gli spettatori che lo desiderano), di e con Rosalia Billeci.
Punto cardine dell’esistenza umana, l’esperienza della sofferenza psichica, ci pone fronte all’incomprensibile, all’inaccettabile, ed è spesso su questo che si gioca tutta la nostra esistenza, il nostro modo di stare nel mondo. “Ciò che non ti uccide ti guarisce” e la sofferenza ci apre nuovi modi di stare nel mondo e può diventare un’esperienza di crescita e di apertura al mondo.

.
“DoppiaMente” è un monologo e racconta di una guarigione, della trasformazione interiore di una donna, del suo lungo e doloroso cammino per riappropriarsi della sua anima, di cui inconsapevolmente si era sbarazzata, ma che il suo inconscio, nella sua infinità saggezza, aveva affidato ad una “bambola”. Lì si era ibernata e mantenuta intatta.
Come in un processo di scongelamento, tutto Il suo percorso psicoterapeutico avrà il significato di trasformare questa donna-bambola incapace di “sentire” in una donna vera, fatta di carne sangue e lacrime.

E' solo accogliendo la nostra storia nella sua interezza che possiamo arrivare all’accettazione e all’integrazione. Si tratta di riconoscere di essere state vittime, di valorizzare il duro lavoro di recupero e integrazione di quegli eventi nella nostra storia personale. Attraverso il riconoscimento e la valorizzazione di noi stessi, lentamente smettiamo di considerarci come vittime e acquistiamo un senso di potere personale e di responsabilità per noi stessi, sperimentiamo un nuovo senso di libertà e la speranza di un mondo pieno di possibilità

Il TEATRO DELL'ANIMA: mettiamo in scena il nostro mondo interiore. Gruppo esperienziale condotto dalla Dott.ssa Rosalia Billeci, medico, psicodrammaterapeuta, attrice e regista teatrale.
 

Attraverso la rappresentazione del nostro mondo interno, si sperimenta la magia del teatro che rende tutto possibile, si può trasformare qualsiasi situazione, sperimentare le proprie potenzialità e affrontare il nuovo. E' rivolto a tutti coloro che vogliono avere l'occasione di dare spazio al desiderio di cambiamento, imparare a superare il dolore, scoprire i talenti e metterli a frutto nella gioia.

" La vita non è un problema da risolvere ma una realtà da esprimere." S.Kierkegard

 

 

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Malinconia in adolescenza, fisiologia o possibile patologia,

incontro- dibattito ven 30 gen ore 17,30-19,30 con V. Cutaia psicologa e R. Schioppi*, psicoterapeuta ideato da A.F.I.Pre.s. Marco Saura di Palermo in collaborazione con il CeSMI


L’incontro-dibatttito ha la finalità di informare e prevenire sulla grave sindrome adolescenziale
in relazione alla prevenzione del suicidio e all'autolesionismo.
Come fase di transito, gli adolescenti gridano ed implorano aiuto e talvolta smantellano la figura del caregiver. L'incapacità di pensare con la propria testa, l'incapacità di distinguersi dalla massa: è questo che caratterizza gli adolescenti di oggi. Categoria...una parola quasi astratta, irreale ma che oggi diviene sempre più tangibile ed evidente.
Adolescenti impegnati, solitari, sregolati, appassionati, bulli, così si differenziano. Alcuni impegnati sin da giovani nella politica e nelle attività sociali, privati di divertimento poiché hanno occupazioni di maggiore rilievo, altri solitari ed introversi, incapaci di rapportarsi con il mondo esterno e che trovano nella televisione e nei videogiochi l'unica valvola di sfogo.
Pertanto comprendere i segnali di allarme e i campanelli di aiuto, è una possibile strada per la prevenzione del suicidio.
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Differenza tra alimentarsi e nutrirsi
Venerdì 16 gennaio ore 17,30-19,30, Giuseppina Caronna farmacista, naturopata nutrizionista, relazionerà sull’interessante differenza tra gli alimenti e la loro capacità nutritiva

Alimentarsi è fondamento per la vita.

Gli alimenti hanno principi nutritivi differenti e spesso un cibo che necessario ad una persona non lo è per un’altra.

Giuseppina Caronna argomenterà sull’importanza degli alimenti, la provenienza degli stessi, i principi nutritivi e l’abbinamento di vegetali, legumi, cereali ect.


-----------------------------------------------------------------------------------------------------------
Filosofia per non filosofi
Con-Filosofare insieme ad Augusto Cavadi, filosofo consulente, ogni primo e terzo giovedì del mese dal 15 gennaio ore 21

Gli incontri di consulenza filosofica con Augusto Cavadi, filosofo consulente, sono una delle varie pratiche filosofiche nella panoramica contemporanea.

Essa nasce in Germania agli inizi degli anni Ottanta del XX secolo con Gerd Achenbach e viene meglio conosciuta nel mondo grazie al libro Platone è meglio del Prozac.

In Filosofia praticata (Di Girolamo editore, Trapani 2008) Cavadi insieme ad altri autori descrive la consulenza filosofica come una forma di con-filosofare tra un filosofo di professione ed uno o più non-filosofi (cfr.p.21). In quanto con-filosofia, essa ha come scopo non l’aiuto, non l’alleviamento dei problemi, non la terapia; bensì una nuova modalità di esistenza (cfr.p.27)
Proponiamo di con-filosofare sui seguenti argomenti, ciascuno da sviluppare nei due incontri mensili e suscettibili, a richiesta del gruppo, di eventuale cambiamento:
1) Qual è la differenza fra essere coerenti ed essere rigidi?
2) Tutto è giustificabile o c'è un Principio in sè?
3) Egoismo ed altruismo.
4) Rapporto di coppia: matrimonio, convivenza, nè l'uno nè l'altro.
5) La sete della ricerca del senso della vita.
6) Identità e molteplicità dell'individuo.

E' consigliabile per chi non conosca cos'e la filosofia in pratica leggere Filosofia praticata, o documentarsi sul sito www.augustocavadi.eu.

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Stress psicofisico e Qi Gong

La gestione dello stress psicofisico attraverso un’antica pratica della medicina tradizionale cinese, sarà il tema della conferenza che Gabriella Pravatà affronterà nel pomeriggio di venerdì 9 gennaio ore 17,30-19,30
Stress e vita quotidiana sembrano essere inevitabilmente associati nell’epoca odierna.Ogni stressor che perturba l'omeostasi dell’organismo richiama immediatamente delle reazioni regolative di adattamento neuropsichiche, emotive, locomotorie, endocrine, immunologiche.
Quando l’evento stressante si ripete con costanza nel tempo, ecco che la disfunzione è il primo allarme dello squilibrio con sintomi come la stanchezza cronica, irritabilità, insonnia, disturbi digestivi, cefalea, ipertensione, indebolimento del sistema immunitario con frequenti malattie virali, allergie.
Il Qi Gong, pratica terapeutica psicocorporea millenaria della medicina tradizionale cinese, riequilibra la disfunzione organica attraverso esercizi specifici che armonizzando l’energia vitale.
Qi è energia, Gong è esercizio e padronanza di sé. La pratica del Qi Gong si avvale di tre gruppi di tecniche: le posture ed i movimenti;le tecniche di respirazione;le tecniche di concentrazione, rilassamento e visualizzazione.
Il Qi Gong è utile in ansia, risveglio notturno, insonnia, panico, tachicardia, disturbi della memoria e dell’attenzione, tachicardia, diminuzione delle difese immunitarie, disturbi della circolazione venosa, linfatica, contratture muscolari, squilibri ormonali, obesità.

 

 

 

LUNEDI 8 OTTOBRE ORE 19,30 - 21, 30

Wedding Dresses